Breaking news
  • No posts where found

La Grande Illusione di Stratfor: Russia distrutta entro il 2025

La Grande Illusione di Stratfor: Russia distrutta entro il 2025

– Marco Bordoni – Lo scorso febbraio l’influente società texana specializzata in pubblicistica su materie geopolitiche e consulenza analitica e investigativa Stratfor ha pubblicato una previsione sugli sviluppi delle tendenze globali per il decennio 2015 – 2025. Si tratta di un rapporto estremamente sintetico e diretto, che in sostanza riprende la visione già presentata da George Friedman, Presidente di Stratfor, consigliere del Dipartimento di Stato, al Chicago Council on Global

L’Ucraina precipita nell’abisso

I pensionati si suicidano mentre si parla apertamente di default. Con la moneta in caduta libera e i prezzi del cibo e del carburante alle stelle, i leaders vestono gli abiti tradizionali e fanno il muso duro. Natalie Jaresko ha il viso triste di uno stregone a cui le magie del voodoo hanno cessato di funzionare molto tempo fa. Il Ministro delle Finanze Ucraino, la signora Jaresko è oggi un’apparizione

Difensori del Donbass – “La mia mano trasformata in un pugno”

Questa canzone in particolare (“Cuculo” cantata da Polina Gagarina) è stata commissionata appositamente per il film “la Battaglia di Sebastopoli” che narra la storia di Lyudmila Pavlichenko, donna-cecchino dell’Armata Rossa che prese parte a quella battaglia. Il testo si applica comunque molto bene alla situazione attuale nel Donbass. ***** Sottotitoli in Italiano a cura di Mario per SakerItalia.it

La nuova Dottrina Navale russa – una frase molto importante

La Russia ha pubblicato di recente la sua nuova Dottrina Navale ufficiale. L’intero documento può essere scaricato dal sito presidenziale qui (in russo). Per essere sinceri, non c’è nulla di sconvolgente di questo documento. Vi si spiegano le finalità della dottrina, le missioni della Marina russa e include un’analisi, regione per regione, delle sfide e delle opportunità per la Russia negli oceani del mondo, incluse le regioni artiche e antartiche.

Donne in Guerra

-Vittorio Nicola Rangeloni*- Sulle posizioni della Milizia Popolare nel villaggio di Krasniy Yar, sulla riva del fiume Severny Donetsk, che demarca il confine con l’Ucraina, abbiamo incontrato due donne che hanno deciso di combattere per la libertà delle proprie terre e per il futuro dei loro figli. Non sono le uniche: “Sono parecchie le donne e le ragazze che hanno deciso di fare questa scelta. Non è questione di uomo

La ciliegina sulla torta

Chi sarà la “ciliegina sulla torta” della squadra di Saakashvili, il nuovo governatore di Odessa? ***** Sottotitoli in Italiano a cura di Mario per SakerItalia.it

L’accordo USA-IRAN

Il recente accordo sul nucleare tra Stati Uniti ed Iran potrebbe aver posto la parola fine ad un lungo braccio di ferro tra la superpotenza mondiale da una parte e la Repubblica Islamica dall’altra. Potrebbe, perché tra l’accettazione dell’accordo e la sua ratifica ufficiale passeranno novanta giorni in cui tutto è possibile. Novanta giorni da adesso vuol dire circa Novembre e quindi sarà facile, per esempio, addurre l’elezione del nuovo

Leggi speciali contro il Terrorismo: cosa resta della Libertà di Opinione? Un avvocato ci parla di IS e Donbass

– Marco Bordoni – In Italia vige da dieci anni una normativa che, con la scusa di reprimere il terrorismo, minaccia gravemente la libertà di espressione. La legge non dice chiaramente chi è un terrorista: chiunque non combatta per uno stato riconosciuto dalla comunità internazionale (questa è, ad esempio, la situazione dei combattenti nel Donbass) può essere accusato ed arrestato in attesa del processo. Non solo: una modifica dello scorso

L’aggressione multinazionale americana durante il Ramadan

  Non è difficile capire chi sulla Terra possiede sia le risorse che la motivazione per coordinare molteplici e orribili attacchi di militanti, di porre fine a numerose vite e di provocare paura e rabbia su scala globale. Tutto ciò si è potuto vedere nei recenti attentati che si sono svolti durante il Ramadan [18 giugno – 17 luglio, NdT ] in Francia, Tunisia, Kuwait e secondo alcune fonti nella

L’equilibrio Russia – USA in fatto di armi convenzionali

In un recente articolo per Unz Review ho scritto che “considerando ogni possibile scenario, la Russia ha i mezzi per distruggere completamente gli USA come nazione in circa 30 minuti (gli USA naturalmente possono fare lo stesso con la Russia). Chiunque negli Stati Uniti stia pianificando una guerra dovrebbe prendere in considerazione la possibilità di escalation di ogni azione militare contro la Russia”. Questo porta alla domanda se la Russia