Breaking news
  • No posts where found

La Propaganda ha trasformato una Parte significativa della Popolazione ucraina in completi Idioti

La Propaganda ha trasformato una Parte significativa della Popolazione ucraina in completi Idioti

La propaganda ucraina ha confuso a tal punto le menti degli abitanti del paese, che una parte significativa della popolazione non ammette in nessun modo la possibilità di compromesso con il Donbass. Di questo ha parlato in un intervista con rusinform.net il politologo Michail Pogrebinskij. Il risultato di questo “lavaggio del cervello” è stata la convinzione della popolazione che: “quando non ci sarà più Putin” tutti i problemi si risolveranno e che

L’Impero abbaia e la Carovana passa

La Marina Americana ha scelto proprio un bel modo per celebrare la settimana in cui la dirigenza di Pechino stava discutendo il piano che, entro il 2020, avrebbe fatto diventare la Cina “una società moderatamente prosperosa”. Hanno lanciato una provocazione militare nel Mare Cinese Meridionale. O piuttosto, secondo la neo-lingua Pentagonese, hanno “sfidato” le “rivendicazioni”  cinesi nelle “acque contestate”. I lacchè dell’Impero del Caos, Australia, Giappone e Filippine, hanno approvato.

L’Occidente teme il successo della Russia in Siria – Non il suo fallimento

  La reazione occidentale alla campagna aerea in Siria sa di dejà vu. Da ogni punto di vista è identica alla reazione occidentale alla campagna russa in Cecenia nel 1999. Nelle settimane seguenti l’inizio della campagna, gli esperti occidentali fecero una serie di rivendicazioni e previsioni. Dissero che l’aeronautica russa bombardava civili, e accusarono i comandanti russi di crimini di guerra. Affermarono che l’intervento militare russo avrebbe radicalizzato la popolazione,

Poroshenko ad Hollywood: un Fiasco Preannunciato

– Antonio Nannipieri e Marco Bordoni – Il pistolotto introduttivo del Presidente Poroshenko al film di propaganda “Raid” (una epopea onirica in cui una pattuglia dell’esercito ucraino sconfigge praticamente l’intero esercito russo) ci sollecita, oltre a qualche risata amara, una riflessione sul rapporto fra potere politico ed esagerazione grottesca. Che si sia davanti ad una manifestazione clamorosa del genere di caricatura a cui la cronaca politica ucraina ci ha abituato

Nord–Stream 2: il funerale delle nazioni di transito

Il Nord-Stream 2 farà finalmente diventare la Germania il partner principale di Gazprom in Europa; Ucraina, Polonia e Stati Baltici, tutti presi dalla lotta per l’indipendenza dal gas russo, si sono volontariamente fatti da parte. Nei giorni scorsi è stato illustrato a Kiev il motivo per cui, nonostante le resistenze ucraine, verrà potenziato il nuovo gasdotto russo sotto il Baltico. “Quando si dice che questo non è un progetto di

Autunno nel Donbass

Da quando è stata sparata l’ultima cannonata è passato già abbastanza tempo da poterne dimenticare il suono. La tregua si mantiene. Questo da una parte dà speranza, ma dall’altra genera attacchi di leggera paranoia. Le piogge battenti sono terminate. A Donetsk ha fatto il suo arrivo l’autunno vero, quello colorato d’ambra delle cartoline. Come in una commedia romantica ambientata a New York, ma con tinte locali. La brezza trasporta l’odore delle

Se li bombardano, sono Daesh

Il Presidente Putin è un pirata, niente di più, niente di meno. Nel suo discorso all’ONU, si è impossessato del marchio di cui il Presidente Bush Jr. detiene il copyright dal 2001, la lotta contro il Terrore. Per questo motivo gli Americani sono stati sorpresi: il Presidente Russo ha ripetuto loro la metafora preferita dei loro presidenti. E’ stato un intelligente stratagemma: invece di sottolineare le discrepanze tra Russi e Statunitensi,

Terza settimana dell’intervento russo in Siria: il ritorno della diplomazia

La fine della legge internazionale e della diplomazia La fine della Guerra Fredda venne salutata come una nuova era di pace e sicurezza, in cui le spade si sarebbero trasformate in aratri, i vecchi avversari in amici e il mondo avrebbe assistito ad un nuovo sorgere di amore universale, pace e felicità. Naturalmente non è successo nulla di tutto questo. Quello che è successo è che l’Impero Anglo-Sionista si è

Valdai XII: il Discorso completo di Vladimir Putin

L’argomento della conferenza di Valdai di quest’anno è Società fra Guerra e Pace: Superare le Logiche del Conflitto nel Mondo di Domani. Nel periodo fra il 19 ed il 22 ottobre, esperti da oltre 30 paesi hanno preso in considerazione vari aspetti della percezione della guerra e della pace nella consapevolezza del pubblico e nelle relazione internazionali, della religione e delle interazioni economiche fra Stati. * * * Presidente della Russia,

Che cosa succederebbe se il Daesh decidesse di attaccare la Russia?

Voglio condividere con voi un video molto interessante sulla più grossa esercitazione militare tenutasi nella Russia dei giorni nostri: la “Centro -2015”. Negli anni della Guerra Fredda, un video di questo tipo sarebbe stato classificato “TOP SECRET” e le agenzie di spionaggio occidentali avrebbero pagato una fortuna pur di averlo. Al giorno d’oggi la Russia ha completamente mutato rotta e mostra un grado di apertura sorprendente. In questo video potete