Breaking news
  • No posts where found

Intervista ad Andrew Korybko

Intervista ad Andrew Korybko

Un americano che studia a Mosca? Questo è un profilo affascinante, che suona quasi irreale. Può dirci qualcosa della sua storia e di come è arrivato a studiare in un paese che la maggior parte dei serbi rispetta e ammira molto, mentre la maggior parte dei suoi coetanei serbi sogna di studiare in America? Buon giorno, e grazie per questa opportunità privilegiata di rivolgermi ai vostri lettori, Sono molto onorato

Le elezioni siriane confermano le peggiori paure dell’Occidente

Nonostante l’attuale conflitto in Siria, la vita va avanti in molte parti della nazione. L’appuntamento elettorale siriano in questo non fa eccezione. Le precedenti elezioni parlamentari prima delle ultime tenutesi questo mese si sono svolte nel 2012. Partendo dal fatto che tali elezioni si svolgono ogni 4 anni, le attuali sono ben lontane dall’essere una “spinta politica” necessaria a rinforzare la legittimità dell’attuale governo, ma piuttosto rappresentano la continua prosecuzione

Notti arabe di paura e delirio

Il presidente statunitense Barack Obama è andato in Arabia Saudita per un vertice con le petromonarchie del Consiglio di cooperazione del Golfo [CCG, NdT] e per “rassicurare gli alleati del Golfo” nel mezzo della più burrascosa guerra del petrolio.   Il summit tenutosi a Doha lo scorso fine settimana, che avrebbe dovuto prevedere un taglio alla produzione del greggio da parte dei membri dell’OPEC, insieme alla Russia – accordo praticamente sicuro

Concluso lo sminamento di Palmira

La bonifica della parte storica di Palmira, effettuata dai militari del genio russo, si è appena conclusa. Rimane da portare a termine quella dei quartieri residenziali. Un servizio del canale TV Rossija 24. ***** Sottotitoli in Italiano a cura di Mario per SakerItalia.it

Ucraina: Igor Astakhov è morto per mancanza di cure

Igor Astakhov, prigioniero politico e attivista antifascista di Odessa, è morto in carcere, ucciso dalla mancanza di cure delle autorità ucraine Nella tarda serata del 23 aprile 2016 è morto nel carcere di Odessa il prigioniero politico Igor Astakhov, ucciso dalla illegalità e dalla mancanza di cure, oltreché dalle torture e violenze subite in detenzione. Il cuore malato dell’uomo si è fermato. Era il giorno del suo compleanno. Il regime

L’Impero del Caos colpisce ancora

Subito dopo l’approvazione del Congresso Brasiliano della mozione di Impeachment contro il Presidente Dilma Rousseff da parte di quelli che ho scelto di chiamare le iene della Guerra Ibrida, il Presidente-in-attesa Michel “Brutus” Temer, uno degli artefici del golpe, ha inviato a Washington un senatore, in veste di fattorino speciale, con le ultime notizie sul Colpo di Stato in atto. Il senatore in questione non era in missione ufficiale per

SakerItalia cerca volontari, e il Saker prende una pausa

Cari amici, è giunto il momento di fare il punto della situazione per quanto riguarda SakerItalia, il suo andamento e la sua direzione. In soli tre mesi abbiamo superato il milione e mezzo di visite e i 224.000 visitatori, non possiamo fare altro che ringraziare di cuore tutti i nostri lettori! Tuttavia non abbiamo solo buone notizie: in queste ultime settimane ci troviamo a corto di traduttori disponibili, e chi

Situazione operativa sui fronti siriani del 19, 20, 21 Aprile 2016

  Continuano gli scontri in Aleppo, sia in città che sui fronti sud, est e nord; anche altre province sono attive: il Goutha est di Damasco, e la zona desertica recentemente interessata da attacchi ISIS. Palmira torna sotto i riflettori mentre Deir Ezzour è sempre bersaglio di pesanti e quotidiani attacchi. Infine il fronte di Latakia, dove un’importante offensiva dei terroristi si è dissolta dopo essersi infranta contro le difese

Putin sta preparando una purga di governo?

Come tutti gli anni, la settimana scorsa il Presidente Putin ha passato tre ore e mezza a rispondere ad 80 domande, fra gli oltre tre milioni ricevute. Lo spettacolo, che è stato trasmesso il diretta dalle stazione televisive Canale Uno, Rossiya-1 e Rossiya-2 e da Mayak, Vesti FM e Radio Rossii, è stato un successo senza precedenti, che è stato visto e commentato da milioni di Russi. Potete leggere la trascrizione

Niente di nuovo sul fronte eurasiatico

E così l’Iran è di nuovo demonizzato dall’Occidente perché “provocatorio” e “destabilizzante”. Come mai? L’accordo sul nucleare non doveva forse riportare l’Iran all’interno del “concerto di nazioni” diretto dall’Occidente? Al Consiglio di Sicurezza dell’Onu si discuterà di nuovo dell’Iran. La ragione: i recenti test di missili balistici che, secondo l’Occidente, “sarebbero in grado di portare armi nucleari” – in presunta violazione del Risoluzione 2231 del 2015 del Consiglio di Sicurezza