Breaking news
  • No posts where found

Avatkov: Le Scuse di Erdogan: il Simbolo del Fatto che la Turchia ha compreso il suo Ruolo nell’attuale Politica mondiale

Avatkov: Le Scuse di Erdogan: il Simbolo del Fatto che la Turchia ha compreso il suo Ruolo nell’attuale Politica mondiale

La Russia non può ignorare le scuse presentate dal presidente turco, ma ha molto da imparare da tutta questa vicenda. Ne ha parlato in un’intervista con EADaily il direttore del Centro di Studi Orientali, Relazioni Internazionali e Diplomazia Pubblica, l’esperto di Turchia Vladimir Avatkov. Il Presidente russo Vladimir Putin ha infatti ricevuto un messaggio dal leader turco Recep Tayyip Erdogan, che gli ha espresso la sua intenzione di risolvere la

Brexit: come gli Inglesi hanno disatteso le aspettative del loro governo (un breve commento)

Dopo la rivolta del 17 giugno il segretario dell’Unione degli scrittori fece distribuire nella Stalinallee dei volantini sui quali si poteva leggere che il popolo si era giocata la fiducia del governo e la poteva riconquistare soltanto raddoppiando il lavoro. Non sarebbe più semplice, allora, che il governo sciogliesse il popolo e ne eleggesse un altro? La soluzione, Bertold Brecht [1] Dire che il Brexit è stato un evento storico

Intervista del Ministro degli Esteri Sergey Lavrov alla Komsomolsakja Pravda

Domanda: Prendiamo il toro per le corna. Abbiamo ricevuto centinaia di messaggi e domande diverse. Molti di questi manifestano franca preoccupazione in relazione alla situazione, molto difficile, in cui si trova questo paese. Hanno provato a spezzarci con le sanzioni, la NATO si avvicina ai nostri confini, stanno dispiegando un sistema di difesa missilistica. Il nostro paese è sottoposto ad una demonizzazione senza precedenti da parte dei media internazionali. Si rifiutano

La Turchia oggi: una realtà post-Kemalista

I recenti sviluppi sulla scena politica della Turchia non hanno fatto altro che rinforzare l’impressione che il partito al governo – il Partito della Giustizia e dello Sviluppo (o AKP) – non è altro che la volonterosa ancella della persona di Recep Tayyip Erdoğan, la cui ambizione a quanto pare non conosce limiti. Il primo novembre 2015 l’elettorato Turco diede al partito di governo AKP un grande voto di fiducia.

Siria: il cessate il fuoco ad Aleppo sull’orlo del collasso

Il generale Valery Gerasimov, il Capo di Stato Maggiore russo, ha dichiarato che la pazienza della Russia sta finendo riguardo la situazione in Siria. Secondo lui, la Russia ha osservato totalmente gli obblighi di mantenere il cessate il fuoco, e assicura la riconciliazione nazionale in Siria, mentre gli USA hanno avuto problemi con “l’opposizione sotto il loro controllo”. In precedenza, il Segretario di Stato Americano John Kerry aveva detto che

La Fine del Mondo in un solo Paese: si può salvare il Settore energetico ucraino?

Quello dell’energia elettrica è uno dei pochi settori ancora in grado di esportare rimasti all’Ucraina: nei primi tre mesi del 2016 Kiev è riuscita ad aumentarne l’esportazione del 30% rispetto allo stesso periodo del 2015. Le forniture vanno in Polonia, Ungheria, Romania e Moldavia, garantendo un reddito piccolo ma costante: un centinaio di milioni di dollari all’anno. A qualcuno potrà sembrare una cifra ridicola, ma per l’Ucraina è significativa, e

Il Grande Maestro Putin

La grandiosa operazione in più passaggi durata 16 anni Gli anni ’90 sono alle nostre spalle, così come lo è la caduta dell’Unione Sovietica. Il tentennare sull’orlo del precipizio degli anni 2000, gli anni della schiavitù debitoria con l’FMI, lo sfrenato potere degli oligarchi, lo status di potenza regionale, i gruppi di opposizione non sistemica sostenuti dall’ambasciata americana, l’isolamento e gli atteggiamenti altezzosi, tutto questo è un ricordo del passato.

Gli USA terrorizzano l’Europa per la truffa della NATO

Gli USA alla fine hanno avuto successo con la loro truffa audace. Il membro principale della NATO è riuscito ad orchestrare un’enorme giravolta per far crescere le spese militari tra i suoi alleati europei. E al cuore di questa truffa c’è l’isterica campagna di propaganda anti-Russia. Negli scorsi due anni c’è stato un battere di tamburi sempre più sostenuto da Washington e da certe capitali europee, che avvertiva dell’”aggressione russa” e

La carta Trump: un possibile effetto domino per la NATO

Mentre il mondo si siede e osserva gli orrori delle elezioni americane, molti non americani sono sollevati dal fatto di non dover scegliere tra Donald Trump e Hillary Clinton; e per ovvie ragioni. Hillary viene dalla vecchia scuola della politica americana; di male in peggio. Il suo “regno”, se ce la farà, sarà una vera continuazione dell’amministrazione Obama. Anche se apporterà dei cambiamenti, e anche se deciderà di mettere gli stivali