Perché i canali di notizie statunitensi hanno censurato una conferenza stampa di un Presidente degli Stati Uniti?

Perché i giganti della tecnologia sentono il bisogno di censurare i tweet di Trump?

Perché negli stati chiave Democratici gli osservatori Repubblicani non sono stati autorizzati ad osservare effettivamente nulla?

Perché i Democratici hanno indetto una contro-causa solo per cercare di impedire agli osservatori Repubblicani di controllare lo scrutinio?

Perché i conglomerati dei media dichiarano tutti Biden vincitore, anche se tutti sanno per certo che questo è falso (solo i tribunali possono dichiarare un vincitore)?

Perché FoxNews ha guidato il tifo anti-Trump per tutta questa settimana?

Perché lo Stato Profondo degli Stati Uniti ha bisogno che i leader dell’UE si congratulino improvvisamente con Biden per la vittoria?

Pensate a cosa sta per succedere: azioni legali nei tribunali statali e federali, giusto?

Allora SE i Democratici si sentivano sicuri che la campagna di Trump fosse spacciata, perché semplicemente non rilassarsi, aspettare, e vedere i tribunali respingere le petizioni della campagna di Trump?

Ma no, al contrario, si comportano esattamente come se fossero tutti terrorizzati che i tribunali possano fare qualcosa che comprometta la vittoria di Biden!

Il fatto stesso della necessità di una fretta così estrema e di dichiarazioni così non ritrattabili può essere spiegato solo dal timore dei Democratici che qualcosa nei loro piani golpisti possa andare storto. E, dopotutto, si dice che Giuliani abbia vinto più di 4000 cause legali nella sua carriera, e farebbe paura anche a me 🙂

Quindi, in un certo senso, potremmo considerare la massiccia spinta dei Democratici per vincere nel tribunale dell’opinione pubblica un chiaro segno che hanno molta più paura di un tribunale.

Bene.

Ci riusciranno? Sì, probabilmente, il “potere aggregato” di Trump è sminuito rispetto al potere degli interessi multimiliardari che stanno usando tutta la loro “potenza di fuoco propagandistica” per risolvere la questione prima che arrivino i tribunali.

Ancora un’altra prova che i Democratici non sono affatto democratici, ma una banda totalmente immorale di delinquenti che odiano gli USA, e che sono disposti a distruggere il proprio paese per sconfiggere qualsiasi outsider, buono o cattivo, che abbia il coraggio di sfidarli. Mi ricordano molto Kerenskij e la sua stessa banda di plutocrati massoni.

Tuttavia, fino a quando non vedremo che anche la Corte Suprema è disposto a tradire il popolo degli Stati Uniti, possiamo ancora mantenere un minuscolo senso di speranza nei nostri cuori.

Ma ora è meglio che ci prepariamo al peggio, perché se anche la Corte Suprema dovesse cedere, sarebbe la fine degli Stati Uniti come li conosciamo.

Il Saker

*****

Pubblicato su The Saker.is il 7 novembre 2020
Traduzione in italiano a cura di Raffaele Ucci per Saker Italia.


La redazione di SakerItalia ribadisce il suo impegno nella lotta anti-mainstream e la sua volontà di animare il dibattito storico e politico. Questa che leggerete è l’opinione dell’autore; se desiderate rivolgere domande o critiche purtroppo questo è il posto sbagliato per formularle. L’autore è raggiungibile sul link dell’originale presente in calce.

 L’opinione dell’autore non è necessariamente la nostra. Tuttavia qualsiasi commento indecente che non riguardi l’articolo ma l’autore, sarà moderato, come dalle regole in vigore su questo sito.

Condivisione: