Con una mossa strettamente coordinata, i Democratici e i media Sionisti tradizionali hanno dichiarato Biden vincitore della corsa presidenziale. Allo stesso modo, i principali canali televisivi statunitensi hanno interrotto Trump durante una conferenza stampa alla Casa Bianca [in inglese].

Prima che tutti i voti siano contati e prima che i tribunali possano decidere quali voti contano o meno. In termini legali semplici, queste elezioni non sono finite.

Ma sappiamo che i Democratici se ne fregano dei fatti o della legge.

Non mi prenderò nemmeno la briga di entrare in tutti i dettagli sulle frodi, semplicemente non ho il tempo per farlo, e altri lo faranno molto meglio di me. Dirò semplicemente che non ho dubbi sul fatto che con così tanti stati e contee che riportano sia minuscole differenze tra i due candidati E osservatori che riportano come i Democratici hanno utilizzato quella che in Russia viene chiamata la “risorsa amministrativa” (cioè il loro controllo degli stati chiave, dei seggi elettorali e dell’USPS [United States Postal Service, Servizio Postale degli Stati Uniti]), sono personalmente convinto che Trump e Giuliani abbiano ragione nella loro valutazione che si è verificata una frode di massa.

Questa è una situazione estremamente pericolosa per gli Stati Uniti. Perché? Perché, indipendentemente dal fatto che Trump prevalga o meno in tribunale, i Democratici hanno già dichiarato la vittoria, e stanno festeggiando. Quindi ci sono due opzioni principali davanti:

  1. Trump perde in tribunale, e metà del paese percepirà che queste elezioni sono state rubate
  2. Trump vince in tribunale e l’altra metà del paese penserà che queste elezioni sono state rubate

La conclusione è questa: i Democratici alla fine probabilmente prevarranno, non credo che Trump abbia quello che serve per prevalere contro la Nomenklatura americana unita, non è Putin, questo è certo. Ma Biden sarebbe un Eltsin molto convincente (se non un Chernenko), e dal caos che ne seguirà emergeranno altri individui molto più coraggiosi e carismatici.

Questo è chiaramente il peggior risultato possibile per questo paese, e l’unica cosa che si frappone tra questo risultato e noi è la Corte Suprema degli Stati Uniti.

Non sono ottimista ma, chissà, forse accadrà un miracolo.

Il Saker

PS: segui questo link per ascoltare l’ultima dichiarazione di Giuliani:

AGGIORNAMENTO:

Ho appena dato un’occhiata a ciò che riporta Fox News e, per fortuna, stanno festeggiando apertamente!!!

Il che, ancora una volta, dimostra che anche maggior parte della Fox odia Trump (con poche eccezioni) e che il canale di Murdoch non è mai stato nemmeno lontanamente pro-Trump. Chris Wallace, in particolare, non ha potuto contenere la sua gioia, e in realtà ha detto apertamente che considerando la pressione creata dall’annuncio della notizia che Biden aveva vinto, sarebbe stato molto difficile per qualsiasi giudice non essere d’accordo. Quindi, finalmente, è fatta. Trump e i suoi “deplorevoli” da una parte, l’intera Nomenklatura americana dall’altra. Trump, nonostante fosse il presidente, non ha potuto utilizzare nessuna “risorsa amministrativa” mentre i suoi nemici lo hanno fatto. Per quattro anni. Non stop. E dopo 4 anni di accuse incredibilmente controverse e completamente false, Biden è andato in onda ieri e ha dichiarato di voler unire la nazione.

Quanto stupido (e con lui intendo i suoi burattinai, ovviamente) pensa che siano i “deplorevoli”?

Sarei sorpreso dal fatto che i giudici della Corte Suprema abbiano il coraggio di difendere la legge. Quindi devo presumere che con le buone o con le cattive i Democratici prenderanno la Casa Bianca, e la Presidentessa Harris dirigerà il paese a gennaio. Trump probabilmente non solo se ne andrà, il regime attaccherà lui e i suoi sostenitori con tutta la forza, e cercherà di farlo condannare per qualcosa (e poiché “battere Hillary” non è un reato, cercheranno di arrestarlo per qualcos’altro).

Ci sarà un attacco particolarmente violento al Primo e al Secondo Emendamento della Costituzione, il che è molto angosciante poiché questi due emendamenti sono i capisaldi dell’intera Costituzione degli Stati Uniti.

Gli Stati Uniti come li conoscevamo fino ad ora sono morti, ora vivremo sotto un regime molto diverso.

Ma metà del paese, decine di milioni di persone, non scomparirà. La resistenza andrà probabilmente al livello statale successivo, e nei tribunali. Ultimo, ma non meno importante, molti americani sentiranno di vivere sotto una tirannia globalista. Non posso dire che abbiano torto. Ma temo le conseguenze molto gravi di questa realizzazione.

Il Saker

PS: Voglio rassicurare i lettori su una cosa: quattro anni di Trump hanno dato abbastanza tempo alla Russia per ultimare i suoi preparativi per una guerra su vasta scala contro USA/NATO/UE. Le forze armate russe sono così avanti rispetto alle forze armate statunitensi che ci vorrebbero un decennio o più, e denaro che gli Stati Uniti non hanno, anche solo per cercare di recuperare. Quel treno (l’attacco alla Russia) ora è partito. Quindi, mentre Biden e la sua banda continueranno la retorica che odia la Russia, e meschine molestie (sequestro di edifici consolari, arresto di cittadini russi, ancora più sanzioni che rafforzano la Russia (sì, questo è stato il vero effetto delle sanzioni statunitensi), ecc.), non oseranno attaccare direttamente la Russia, nemmeno in Siria (cosa che avrebbe fatto Hillary, statene certi). Non vedo nemmeno un attacco alla Cina, all’Iran o al Venezuela. Un attacco per “ripristinare la democrazia” a Saint Kitts e Nevis o, forse, a Saint Vincent e Grenadine, è ancora una possibilità reale, suppongo.

*****

Pubblicato su The Saker.is il 7 novembre 2020
Traduzione in italiano a cura di Raffaele Ucci per Saker Italia.

[le note in questo formato sono del traduttore]


La redazione di SakerItalia ribadisce il suo impegno nella lotta anti-mainstream e la sua volontà di animare il dibattito storico e politico. Questa che leggerete è l’opinione dell’autore; se desiderate rivolgere domande o critiche purtroppo questo è il posto sbagliato per formularle. L’autore è raggiungibile sul link dell’originale presente in calce.

 L’opinione dell’autore non è necessariamente la nostra. Tuttavia qualsiasi commento indecente che non riguardi l’articolo ma l’autore, sarà moderato, come dalle regole in vigore su questo sito.

Condivisione: