Penso che la maggior parte dei lettori sappia che non sono un fan di Trump o del Partito Repubblicano. Ma devo dire che rispetto ai Democratici, i Repubblicani sono quasi decenti; non molto brillanti e solo decenti se comparati ai Democratici, comunque.

Ho sempre sostenuto che i Neoconservatori avrebbero cercato di mettere sotto accusa Trump, e che lui è quello che ho definito un presidente “usa e getta”, che i Neoconservatori avrebbero usato per stupide merdate come spostare l’ambasciata americana a Gerusalemme prima di gettarlo via, ma non ho mai pensato che i Democratici avrebbero avuto la faccia tosta [chutzpah] di usare esattamente lo stesso trucco DUE VOLTE!

Cosa intendo con questo?

Guardate questa sequenza:

Hillary fa qualcosa di stupido, e persone interne alla Convention Nazionale Democratica rendono pubblici dei documenti. Cosa fanno i Democratici? Inventano tutta la sciarada del Russiagate.

Stavolta:

I Biden fanno qualcosa di stupido e qualcuno lo scopre. Cosa fanno i Democratici? Inventano un nuovissimo “Ukrainegate”! Lo stesso identico trucco. Due volte!

E poiché è probabile che il Senato non incriminerà mai Trump, il vero motivo per cui stanno parlando di messa in stato di accusa [impeachment] è solo quello di aiutare Biden e la sua campagna. In altre parole, i Democratici stanno facendo esattamente ciò di cui accusano Trump: stanno cercando di usare una potenza straniera per interferire nelle elezioni statunitensi.

Poi c’è questo: almeno alcuni repubblicani sono veri patrioti. Ma i Democratici? A loro non importa che costringere il Presidente a pubblicare le sue conversazioni con funzionari stranieri renderà difficile in futuro ai funzionari stranieri essere sinceri quando parleranno al Presidente degli Stati Uniti (anche se lui/lei sarà un Democratico!).

Inoltre, TUTTI i servizi di intelligence del pianeta hanno tutti i tipi di accordi e intese con gli altri e richiedere dati su attività illegali di cittadini statunitensi all’estero è qualcosa che tutte e 17 (!) le agenzie di intelligence statunitensi dovrebbero fare. E quando si tratta di una figura molto pubblica o potente, è normale che i capi di Stato siano le persone migliori a decidere se un tale scambio confidenziale di materiali sensibili avverrà o meno. Infine, l’ultima volta che ho controllato, il vicepresidente non mantiene la sua immunità una volta abbandonato l’incarico.

Scusate, ma per quanto mi sforzi non vedo cosa Trump abbia fatto di sbagliato.

Ma poi, neanche il Generale Flynn ha fatto nulla di male, e Trump lo ha immediatamente e totalmente tradito, quindi c’è il karma all’opera qui.

Poi c’è questo famoso “informatore”. Innanzitutto, per quanto ne sappiamo, potrebbe trattarsi di un “Peter Strzok v2”, quindi aspettiamo prima di dare per scontato che sta venendo fuori un altro Snowden.

Quindi, ciò che RINVIGORISCE i Democratici è piagnucolare che Trump non ha permesso a questo presunto informatore di farsi avanti. Ok, forse The Donald ha sbagliato, e ha detto qualcosa di stupido. Ma di certo non ha perseguitato gli informatori con la stessa brutalità di Obama! Ma questi Democratici non hanno vergogna? (Non c’è bisogno di rispondere, è retorico).

E, per completare appieno il mio senso di nausea, ho appena letto l’editoriale di John Podhoretz “Trump lo ha fatto a sé stesso[in inglese] sul Commentary (sì, ho sempre letto la propaganda nemica). Tecnicamente, Podhoretz ha ragione, ovviamente, ma non nel senso in cui lo intende.

Sono rattristato da tutto questo. Nel mio 56° anno ho vissuto 20 anni negli Stati Uniti, e adoro sia la sua bellissima natura che molte delle sue persone buone e gentili. Questo paese merita molto di meglio! E per favore, non accusatemi di essere ingenuo sul passato degli Stati Uniti. Ho scritto diverse volte dei mali dell’imperialismo, del razzismo e degli svariati genocidi statunitensi (incluso il più grande della storia, quello dei nativi americani). Ma sono anche consapevole di tutte le cose belle e nobili che questo giovane paese ha fatto nella sua breve storia. Inoltre, coloro che vivono negli Stati Uniti oggi non possono essere biasimati per il passato (a meno che non lo dipingano sotto una luce positiva, ovviamente).

Solo 30 anni fa gli Stati Uniti erano un paese completamente diverso. La Carta dei Diritti contava ancora. M*A*S*H veniva trasmesso in TV senza far protestare orde di minoranze offese. Gli americani non temevano la polizia (almeno se non eri nero). Non esisteva lo United States Immigration and Customs Enforcement e le università statunitensi avevano una VERA diversità politica. Va bene, i media statunitensi erano per lo più una schifezza, ma alcuni giornalisti “dissidenti” riuscivano ancora a farsi pubblicare (oggi un giornalista americano è, per usare le parole molto appropriate di Alain Soral sui giornalisti francesi, o una prostituta o un disoccupato).

Questo, e molto altro, ora è tutto finito.

Se la razza umana non si distruggerà da sola, e se avremo ancora un futuro, gli storici studieranno quest’ultima fase dell’Impero USA e discuteranno di chi sarà stata la colpa. E anche se la colpa può essere data praticamente a tutti, penso che sia giusto dire che i Democratici hanno fatto molto più danni a questo paese dei Repubblicani. Certamente, il vero colpevole che si nasconde nell’ombra sono i Neoconservatori, che prima hanno preso il controllo del Partito Democratico (sotto Carter e forse anche prima) e che poi procedettero ad infiltrarsi nel Partito Repubblicano (sotto Reagan) (Nel caso del Partito Repubblicano sono stato un testimonianza oculare di come ciò sia accaduto in diversi think tank di Washington tra il 1988 e il 1991).

Con la sola possibile eccezione di Tulsi Gabbard, considero il Partito Democratico profondamente anti-americano (scusate, non posso usare le parole “anti-statunitense”, che sarebbero più precise ma anche goffe). In effetti, le prove degli ultimi decenni mostrano che i Democratici si preoccupano solo di se stessi, del loro potere, dei loro soldi, della loro fama. Non gliene frega niente del popolo degli Stati Uniti, tutto il loro accogliere i bisogni di folli minoranze è solo una truffa. Sono sicuramente i peggiori suprematisti in questo paese!

Penso che chiunque, per qualsiasi motivo, abbia sostenuto questo partito in passato, dovrebbe ora dissociarsi, pubblicamente se possibile.

Ahimè, non ci spero minimamente.

Questa è una giornata triste.

Il Saker

*****

Pubblicato su The Saker.is il 24 settembre 2019
Traduzione in italiano a cura di Raffaele Ucci per Saker Italia.

[le note in questo formato sono del traduttore]

Condivisione: