Le implicazioni legali del decreto di Obama che definisce il Venezuela una “minaccia inusuale e straordinaria” esprimono nella forma più pura il colonialismo imperialista che ha caratterizzato la politica estera USA

Seguendo la solita prassi degli antichi (e decadenti) imperi, Barack Obama ha sottoposto all’approvazione del Congresso un decreto legge – come se fosse argomento di politica interna – che definisce il Venezuela una minaccia per la sicurezza interna degli USA. Ciò dà fondamento ad una linea di azioni legali che sottintendono un giudizio sul Venezuela, come la Legge per la Protezione dei Diritti Umani e la Società Civile, presentata da Robert Menéndez e approvata dal Congresso americano grazie al sostegno di Marco Rubio e Ileana Ross-Lehtinen, due instancabili lobbisti del fascismo nell’America Latina.

Al fine di “attuare” il suddetto Decreto legge del 2014, Obama lo scatena contro il Venezuela, riadattando decreti che erano stati inizialmente concepiti in situazioni piuttosto differenti, come quella della Siria. Uno di questi era il famoso Fondo per l’Alleanza Contro il Terrorismo, proposto da Obama in un discorso sulla politica estera, tenuto a West Point a giugno 2014. In quella circostanza avanzò al Congresso la richiesta di stanziare un miliardo e mezzo di dollari per una “Iniziativa di Stabilizzazione Regionale” per il Medio Oriente, per sostenere “l’opposizione siriana” che “stava combattendo contro la tirannia” di Assad.

Definendo il Venezuela una “minaccia” che costituisce un “pericolo immediato” per la sicurezza della regione e, quindi, per gli Stati Uniti, Obama, inquadrando il suo discorso con la terminologia della guerra di quarta generazione, sostiene di avere un “nemico visibile” e una “minaccia credibile”. Questa è una delle formulazioni utilizzate dal governo USA quando cerca sostegno pubblico per le proprie iniziative.

La campagna anti-Venezuela, con la sua manipolazione demonizzatrice dell’opinione pubblica americana e mondiale, ha raggiunto questo livello estremo: la criminalizzazione del Paese, la dichiarazione che sia una minaccia, una questione di “altissima sicurezza nazionale” per gli USA, dà fondamento legale ad altre azioni che sicuramente gli USA intraprenderanno.

Perché un decreto d’emergenza

Secondo i parametri del diritto internazionale e della legislazione USA, un decreto d’emergenza rilasciato dall’esecutivo è a tutti gli effetti un assegno in bianco che gli consente di fare qualunque cosa necessaria all’eliminazione della supposta minaccia oggetto del decreto. Nella normale operatività quotidiana della politica estera, le decisioni dell’esecutivo sono sempre sottoposte all’approvazione del Congresso; non nel caso di un’”emergenza” che richiede “azioni immediate”.

Un esempio di questa legislazione è stato la legge firmata da Obama nel settembre 2014, che autorizzò il Pentagono ad addestrare e armare i ribelli siriani “nella battaglia contro lo Stato Islamico” che è stato, come si è ben capito, anche un tentativo di rovesciare il governo di Bashar el-Assad, anche lui considerato una “minaccia” per gli Stati Uniti. Il modo in cui assicurare la copertura finanziaria per questa decisione, si ritrova in un decreto legge del 2011, per mezzo del quale il Congresso autorizzò Obama ad agire al fine di  conservare “la pace nel Medio Oriente” in un momento in cui la situazione in Siria stava iniziando a surriscaldarsi e la Libia era già in fiamme.  Questa legge era parte del cosiddetto “Piano di Sicurezza Omnicomprensivo” per il Medio Oriente, in sostanza una strategia USA per assicurare stabilità politica nelle regioni ricche di fonti d’energia, rovesciando “regimi autoritari” e proseguendo nella “Guerra Contro il Terrorismo”. Thomas Sparrow, corrispondente della BBC a Washington, ha affermato: “Quando il Presidente firma un ordine esecutivo, dichiarando che ci si trova in uno stato d’emergenza, ottiene dei poteri speciali che gli consentono, per esempio di imporre sanzioni o congelare investimenti”. Il governo americano ammette di avere tra venti e i trenta di questi programmi sanzionatori, basati su simili dichiarazioni d’emergenza e formulati in un linguaggio dello stesso genere di quello impiegato per il Venezuela. Negli ultimi anni gli USA hanno dichiarato lo stato di emergenza in svariati paesi, tra cui Ucraina, Sud Sudan, Repubblica Centrafricana, Yemen, Libia e Somalia; stati con cui Washington ha, o ha avuto, rapporti difficili.

In Libia e Siria sono state comminate sanzioni contro esponenti governativi e parenti di Gheddafi e Assad rispettivamente. Ma le sanzioni tendenzialmente sono progressive e sono mantenute finché non hanno raggiunto il loro scopo. Le sanzioni iniziali in genere sono seguite da nuove sanzioni, implementate per “consolidare i risultati delineati nelle sanzioni iniziali”. Il regime sanzionatorio spesso si trasforma in un embargo militare ed economico a pieno titolo, aprendo la via a nuove azioni legali grazie alle quali gli Stati Uniti sostengono apertamente gruppi paramilitari e mercenari, che hanno fomentato (e tutt’ora continuano a fomentare) guerre civili prolungate in quei paesi.

La questione dei “diritti umani” viene sbandierata in un tentativo di giustificare le azioni contro il Venezuela, così come era stata precedentemente utilizzata per giustificare i “bombardamenti umanitari” sulla Libia e la fornitura di armi ad Al Nusra, il ramo siriano di al-Qaeda, che stava attaccando le forze governative di Bashar al-Assad.

Qual è lo scenario più probabile in Venezuela?

Le differenze tra Venezuela, Siria e Libia sono enormi, ma un fattore è sempre il medesimo: l’atteggiamento guerrafondaio degli Americani che per due secoli hanno progettato e sviluppato ogni tipo di ricetta per guerre aperte o sotto copertura al fine di produrre ciò che eufemisticamente chiamano “cambio di regime”.  La legislazione USA impone che l’esecutivo non possa richiedere autorizzazione al Congresso per un intervento allo scoperto, a meno che non ci sia una formale “dichiarazione di guerra o intervento”. Possiamo pertanto escludere la possibilità di un’invasione del Venezuela da parte delle forze armate regolari americane. Non esiste nella regione il consenso per un’operazione di questo genere: il Venezuela non è solo.

Nel caso del Venezuela, ciò che possiamo vedere sono nuove sanzioni diplomatiche ed economiche unilaterali, dirette non solo contro alcuni specifici esponenti del governo, bensì contro l’intero spettro politico/economico in un tentativo di provocare l’implosione della sua economia e delle sue istituzioni. Le sanzioni USA tendenzialmente sono “progressive”: nel momento in cui le sanzioni contro funzionari governativi non producono il “cambio di regime” desiderato, vengono scartate come “inefficaci” e sono seguite da nuove e più severe sanzioni fino alla totale asfissia della nazione a al conseguente “cambio di regime”.

Un altro possibile sviluppo potrebbe essere l’applicazione al Venezuela della strategia impiegata con la Siria: la generazione di una guerra civile violenta e prolungata finalizzata all’ottenimento del “cambio di regime”. In effetti è già iniziato, il conflitto paramilitare-guarimbero a bassa intensità è iniziato nel 2014. Il precedente per questo genere di intervento è la guerra sotto copertura contro la rivoluzione sandinista in Nicaragua, condotta dai paramilitari “Contras” negli anni ottanta.

Potrebbe accadere solo a condizione di una guerra fratricida in Venezuela, che gli USA siano in grado di innalzare il livello del loro intervento, giustificando le loro azioni col fine di “conservare la pace nella regione”.

Per arrivare allo scontro diretto, gli USA potrebbero perfino approvare decreti legge che consentono alla Casa Bianca di operare a favore della controrivoluzione venezuelana, sostenendo i fascisti, come ha fatto con le formazioni salafite che stavano tentando di prendere Damasco. Grazie alla permeabilità del confine colombiano/venezuelano, formazioni paramilitari sono già infiltrate nel Venezuela, producendo un ambiente favorevole per  attività di mercenari. Probabilmente gli USA stanno già pensando seriamente a qualche provocazione che causerebbe un conflitto a larga scala. Sfortunatamente per il pacifico Venezuela e per l’America Latina, tutti i giornalisti e tutti gli indicatori economici, politici e militari puntano verso un risultato di questo genere.

I fattori politici favorevoli a un intervento in Venezuela stanno raggiungendo il culmine, sia dentro, sia fuori dal Paese. I fattori internazionali potrebbero avere un’influenza considerevole sulla strategia e lo stile di comportamento imperiale.

Lo scenario politico interno in Venezuela comincia a cambiare. Sin dal 2014, i senatori Democratici hanno avvertito che sanzioni contro il Venezuela sarebbero state “controproducenti” per l’opposizione venezuelana, così da causare forti ritardi nella loro implementazione. Ma adesso non è più così.  La destra venezuelana ha perso un’altra porzione della sua già sottile base politica in una tornata elettorale, facendo sì che il Dipartimento di Stato USA  gettasse sotto un autobus la leadership dell’opposizione venezuelana, constatando che il 90% della popolazione (secondo uno studio di Hinterlace pubblicato ai primi di marzo 2015) respingerebbe l’intervento americano.

Dobbiamo chiederci, è logico credere che lo spionaggio americano abbia trascurato questo dettaglio? Sarebbe assurdo. Dunque, per quale motivo la Casa Bianca ha deciso di distruggere la base politica dell’opposizione venezuelana? La risposta dovrebbe essere ovvia: perché non crede più che uno scenario elettorale-democratico sia una via percorribile per ottenere un cambio di governo in Venezuela.

Ciò che potrebbe valutare – e molto probabilmente è così – è un intervento USA sotto copertura, che causi una guerra civile prolungata. E’ indifferente che un approccio di questo genere trovi sostegno in Venezuela o meno. Sondaggi in Iraq nel 2003 hanno mostrato che l’87% della popolazione (compresi gli oppositori di Saddam Hussein) rifiutava l’intervento americano, nonostante ciò, l’intervento c’è stato, sotto la copertura di veri pretesti. Il secondo in ordine di importanza – dopo quello delle supposte armi di distruzione di massa – era la “liberazione di una popolazione soggiogata”. Dunque, se l’opposizione della popolazione inizia a respingere l’intervento USA, come hanno fatto i chavisti per 15 anni, sarà irrilevante; il “ripristino della democrazia” in Venezuela come scusa, non è più nelle mani dell’opposizione, è nelle mani di Obama.

Gli Stati Uniti hanno attraversato la soglia dell’intervento a viso aperto contro la Rivoluzione Bolivariana, nelle parole del presidente Nicolas Maduro: “Obama ha preso in carico personalmente il compito di intervenire in Venezuela e rovesciarmi”. L’ora decisiva è giunta.

*****

Articolo di Franco Vielma apparso originariamente su Mision Verdad il 10/03/2015

Traduzione a cura di Mario B. per SakerItalia.it