Il Segretario degli Esteri Liz Truss sta visitando Mosca. Ha incontrato Lavrov. La riunione non ha prodotto [in inglese] alcun risultato. Considerando che la Truss è il genio che scorrazza sui carri armati ma non sa [in inglese] che i paesi baltici non si affacciano sul Mar Nero, non c’è affatto da sorprendersi. L’unica sorpresa di questa riunione si è avuta quando si è rifiutata [in inglese] di considerare Voronezh e Rostov come parti della Russia (i suoi consiglieri le hanno rapidamente spiegato che quelle città non si trovano in Ucraina). Si era perfino “vestita alla russa” nonostante fosse più caldo a Mosca che a Londra (si era dimenticata però la bottiglia di vodka e la balalaika, obbligatorie!).

Questo è quello che si ottiene nominando uno stupido, arrogante e ignorante idiota in tali alte posizioni. Ma, almeno, lei è una donna (un sospiro di sollievo collettivo si alza dalla folla Woke…).

Questa è un’altra donna geniale, il Ministro degli Affari Esteri della Germania Federale Annalena Baerbock mentre visita le trincee ucraine:

***

Domani [l’11 febbraio] il Ministro della Difesa del Regno Unito visiterà Mosca. Non mi aspetto esca fuori alcunché neanche da questa riunione.

In tutta franchezza, non capisco neppure perché il Cremlino si faccia annoiare da questi pagliacci. La spiegazione più probabile è che i russi faranno finta di ascoltare qualunque cosa abbiano da dire i britannici, e poi gli spiegheranno cosa accadrà ad ogni membro del personale militare inglese se ci sarà una provocazione.

***

Almeno secondo molti fonti (questa [in inglese] è una), la Russia ha dispiegato a Kaliningrad un MiG-31K armato col missile ipersonico Kinzhal. Il “blocco” russo A2/AD [negazione dell’accesso o dell’area] sulla Bielorussia e il Mar Baltico sta prendendo forma. Bene. Più Iskander, Kalibr, Kinzhal, Bal, Bastion, S-400, e Su-35/Su-30SM2 sono dispiegati in e attorno a Bielorussia e Kaliningrad, e più sanità mentale possiamo aspettarci dagli svitati locali e dai loro padroni oltreoceano.

***

Dopo una fermata in Siria, le sei grandi navi d’assalto anfibio di cui abbiamo parlato recentemente sono entrate [in russo] nel Mar Nero, e si sono riunite alla Flotta del Mar Nero. Una fonte dice [in inglese] che la capacità combinata delle navi arriva fino a 63 carri armati da battaglia e circa 2.000 soldati. Apparentemente, erano scortate [in inglese] da un sottomarino d’attacco diesel/elettrico di classe Kilo. La Russia ha inoltre mandato nel Mediterraneo due incrociatori di classe Slava da 11.500 tonnellate, armati con missili guidati, e la loro scorta. In queste grandi manovre attorno al mondo stanno partecipando 140 navi militari russe.

Questa è la zona che hanno preparato per queste esercitazioni navali nel Mar Nero e nel Mare d’Azov:

***

La Luftwaffe Ukronazi

Vi ricordate che i russi costrinsero un drone ucraino all’atterraggio in Bielorussia? È accaduto di nuovo, questa volta in LDNR. Guardate i contrassegni dipinti dagli ucronazisti sotto le sue ali.

Fra l’altro, questo drone da ricognizione, il Lelekka, avrebbe dovuto essere il non plus ultra della produzione aerea ucraina. Quindi, qualunque nostalgico del Terzo Reich abbia dipinto queste croci, non era qualche sciocco adolescente, ma il personale assegnato all’impiego di questo drone molto importante (per gli ucraini).

***

Il capo dei servizi di controspionaggio russi, Sergei Naryshkin, ha appena dichiarato che;

Lo SBU e le UAF stanno preparando delle provocazioni sulla linea di contatto in Donbass, e la loro copertura mediatica è alla “Elmetti Bianchi” in Siria. Anche il contingente della “risposta rapida delle forze di propaganda” dei media occidentali è stato aumentato di più volte. Le preparazioni degli ucraini stanno “andando avanti a pieno regime” e non possono essere celate. Tutte le unità delle Forze Armate Ucraine pronte, anche parzialmente, a combattere sono state concentrate al confine col Donbass. Centinaia di tonnellate di equipaggiamento militare e di munizioni si stanno muovendo in massa dalle basi statunitensi in Europa, dal Canada, dal Regno Unito. Il contingente dei consiglieri e degli istruttori delle forze speciali della NATO è stato aumentato. Abbiamo perfino rapporti sulla formazione di plotoni di militanti jihadisti internazionali.

***

Vi lascio con una divertente immagine: le folle in Mali che celebrano l’espulsione dell’ambasciatore francese e danno il benvenuto ai russi (ci sono bandiere russe fra la folla).

La Zona B sta crescendo!

The Saker

*****

 Articolo di The Saker pubblicato su The Saker il 10 febbraio 2022
Traduzione in italiano di Fabio_san per SakerItalia

[le note in questo formato sono del traduttore]

 __________

 La redazione di SakerItalia ribadisce il suo impegno nella lotta anti-mainstream e la sua volontà di animare il dibattito storico e politico. Questa che leggerete è l’opinione dell’autore; se desiderate rivolgere domande o critiche purtroppo questo è il posto sbagliato per formularle. L’autore è raggiungibile sul link dell’originale presente in calce.

 L’opinione dell’autore non è necessariamente la nostra. Tuttavia qualsiasi commento indecente che non riguardi l’articolo ma l’autore, sarà moderato, come dalle regole in vigore su questo sito.

Condivisione: