Al momento in cui scrivo, le 20:00 ora di Mosca, i russi non hanno ricevuto alcuna risposta dagli Stati Uniti. Quindi sembra che la parte americana, che aveva dichiarato che una risposta sarebbe arrivata per venerdì, ha cambiato idea.

Ieri Putin ha tenuto una conferenza stampa lunga 4 ore, che ha ulteriormente fatto infuriare il Partito della Guerra e la sua macchina di propaganda (alias “media liberi e democratici dell’Occidente”).

A giudicare dalle numerose dichiarazioni che emergono dai politici occidentali “mainstream”, la risposta degli Stati Uniti, quando arriverà, sarà quella che Putin ha chiamato “chiacchiere per sempre”, ovvero vogliono trascinare la Russia in negoziati senza fine e per lo più privi di significato, pur continuando il loro protagonismo pubblico. Se è così, c’era da aspettarselo.

Potrei sbagliarmi, ma ho la sensazione che uno dei motivi per cui i russi hanno reso il loro ultimatum molto inequivocabile e pubblico è che si aspettavano assolutamente che l’Occidente non offrisse alcuna risposta significativa. In effetti, sospetto sempre più che abbiano deliberatamente creato le condizioni per assicurarsi che l’Occidente ignorasse le richieste russe. Perché?

Perché questo libererebbe le mani del Cremlino per intraprendere azioni unilaterali. Di che tipo? Nessuno lo sa, ma me ne vengono in mente tre in testa:

  • Schierare il Belgorod con i suoi Poseidon
  • Lasciare che l’UE si congeli e paghi 2000 dollari per 1000 m3 di gas
  • Fare una mossa politica verso la LDNR, la Bielorussia o la Cina

Questi sarebbero alcuni possibili primi passi per “alzare il quadrante del dolore”, come ho detto ieri.

Putin ha appena annunciato che per la prima volta i russi hanno sparato una raffica di missili ipersonici Zircon. Il test ha avuto successo.

Vediamo cosa succederà.

I russi (sia a Mosca che nella LDNR) riferiscono che attualmente ci sono 4.000 “consiglieri militari” statunitensi in Ucraina, e che i mercenari statunitensi hanno portato armi chimiche sulla linea di contatto per avere la possibilità di organizzare un attacco sotto falsa bandiera. Secondo i funzionari della LDNR, queste munizioni chimiche possono essere lanciate dai droni. Al personale adetto è stato fornito un antidoto.

Auguro una festa serena e gioiosa a quanti celebrano oggi il Natale occidentale.

Vi lascio con un open thread per tutto il fine settimana.

Il Saker.

*****

Pubblicato su The Saker.is il 24 dicembre 2021
Traduzione in italiano a cura di Raffaele Ucci per Saker Italia

Condivisione: