Cari amici,

credo dopo tre settimane di questa Operazione Militare Speciale possiamo fare una pausa e pensare a dove siamo e dove andiamo.

La mia prima osservazione è questa: ci sono due gruppi principali di persone, quelli che “l’hanno capita” e quelli che “non l’hanno capita”. In pratica, questo per me vuol dire: quando scrivo, io sto “predicando in chiesa” o cercando di raggiungere gente che è “irraggiungibile” (a esser buoni).

Per le scorse tre settimane, ho cercato di smascherare la narrativa dell’operazione psicologica statunitense, come Andrei Martyanov a Reminiscence of the Future e Bernhard a Moon of Alabama [entrambi in inglese]. La mia salute non mi permette di sostenere questo ritmo folle, e ho bisogno di entrare in una specie di “temporanea modalità di riposo”. Non voglio essere costretto a riposarmi dal mio corpo.

Eppure continuo ancora a ricevere una grande quantità giornaliera di domande da chi “non l’ha capita” e, francamente, sono esausto di cercare di smascherare  la stessa roba più e più e più volte.

Perciò, un’ultima volta:

In termini puramente militari, il quadro ora è semplice: le forze militari ucraine come strumento strategico sono morte nelle prime 24 ore. Poi i russi hanno usato una piccola forza per aggirare e bloccare le principali città. Con alcune importanti eccezioni (Mariupol) non hanno tentato di entrare nelle città. Perché? Per tre ragioni cruciali:

  1. Non hanno truppe a sufficienza (a Mariupol la correlazione delle forze è 1:1, mentre dovrebbe essere 3:1 o anche 5:1 a favore dell’attaccante).
  2. Vogliono uccidere meno ucraini possibile .
  3. Non vogliono radere al suolo le città per poi doverle ricostruire.

Allora dov’è il resto delle truppe russe e cosa stanno facendo?

Per la maggior parte sono acquartierate nelle loro basi permanenti, e si tengono pronte per una guerra contro gli Stati Uniti+NATO.

E se voi siete di quelli che credono che “i russi stanno finendo le truppe” chiedetevi perché la Flotta del Mar Nero non usa la sua Fanteria Navale d’élite, la sua capacità di sbarco anfibio o la sua potenza di fuoco (vi ricordo che tutto il gran danno inferto alla base NATO nell’Ucraina occidentale, l’ha provocato solo una singola salva da una singola nave piccola (quella che i russi chiamano “piccola nave lanciamissili”), probabilmente con un Iskander (lanciato dal suolo o da un aereo) per aggiungere uno specifico “pugno” dove occorreva. Se i russi stessero finendo le truppe, non userebbero la Flotta del Mar nero al massimo? Invece la stanno tenendo vicina a Odessa, pronta ad entrare in azione se e quando necessario, non solo in Ucraina ma anche contro la NATO (lo stesso vale per il gruppo navale russo nel Mediterraneo orientale).

È per questo che Putin si riferisce a questa operazione come ad una “Operazione Militare Speciale ” e non come una “guerra” o a una “operazione ad armi combinate”.

Ancora, o voi “l’avete capita” o “non l’avete capita”. È semplicemente così, veramente.

Oggi siamo circa a questo punto (la mappa è quella di ieri di Readovka):

Perciò è probabile che finiremo con qualcosa del genere:

E non vedo necessità di commentare come si potrà arrivare dalla prima mappa alla proiezione qui sopra, città dopo città, colpo dopo colpo.

La vera domanda che mi sorge in testa guardando questa proiezione non è “come ci siamo arrivati?” ma “dove andiamo da qui quando ci siamo arrivati?”. Il tempo per questa decisione è ancora un paio di settimane nel futuro.

Qualunque sia il caso, io ho deciso di smettere di pubblicare aggiornamenti quotidiani (e a volte anche più volte al giorno) e, invece, di alternare giorni con le analisi e giorni con commenti liberi.

Perciò d’ora in poi aspettatevi delle analisi solo ogni paio di giorni (a meno che non accada un qualche grande evento).

Passando oltre, non vedo altro modo di fermare l’intervento di Stati Uniti+Regno Unito+Polonia diverso dal lancio di missili Iskander/Kalibr non “soltanto” su un qualsiasi bersaglio in Ucraina ma anche su una qualche installazione NATO basilare per i correnti preparativi di guerra della NATO, incluse località in polonia, Romania o da qualsiasi altra parte in Europa.

Spero di sbagliarmi, e che USA+UK+PL non siano completamente accecati dal loro odio per la Russia da rischiare una concreta guerra su larga scala in Europa.

Ma devo ammettere che questa speranza è piccola e si riduce di giorno in giorno.

È quindi del tutto possibile, forse anche probabile, che, in un futuro non troppo distante, potremmo vedere truppe russe e statunitensi scontrarsi sul campo di battaglia. Se questo accade, non soltanto crescerà a dismisura il rischio di una guerra nucleare a larga scala, ma mi metterà personalmente in una situazione impossibile: diventerei un ospite degli Stati Uniti d’America (“Carta Verde”, io ho soltanto il passaporto svizzero) mentre il paese della mia origine etnica sarebbe in guerra con gli Stati Uniti d’America.

Ho quindi preso la seguente decisione: se ci sarà una guerra in Europa, continuerò a coprirla fino a quando 1) i soldati russi e statunitensi s’incontreranno in battaglia e/o 2) avverrà un attacco nucleare. Se raggiungiamo uno di questi punti, questo non solo dimostrerà che il blog del Saker ha fallito nella sua missione principale (evitare la guerra), ma metterà anche me personalmente in una situazione impossibile.

Se si verificherà uno dei due eventi, “bloccherò” il blog fino alla fine della guerra.

Non mi piace dover prendere le due decisioni di cui sopra, anzi mi pento moltissimo di entrambe, ma le cose stanno rapidamente sfuggendo di mano e devo preparare sia il blog che la mia vita personale.

Domanda: vi ricordate la guerra israeliana contro Hezbollah nel 2006?

Hezbollah vinse questa guerra con un margine enorme, e Stati Uniti + Israele dovettero arrendersi ai termini di Hezbollah. Non solo, ma questa guerra rese Hezbollah molto, molto più forte di prima. Eppure iniziò con un errore di calcolo che lo stesso Hassan Nasrallah ha ammesso: Hezbollah non si sarebbe mai aspettato che gli israeliani andassero così oltre e, fondamentalmente, martellassero il Libano con tutto ciò che avevano per oltre un mese.

E qui ci vedo un parallelo.

No, non credo che l’operazione militare russa abbia avuto problemi importanti, nel complesso quello che è successo in queste tre settimane deve essere più o meno quello che i russi si aspettavano.

In termini economici, c’è ora questo grande dibattito sulle riserve russe di oro e valuta estera che non sono in grado di commentare poiché non sono un economista. Lascerò che persone molto più intelligenti di me lo affrontino.

Penso anche che i russi sapessero in anticipo che tipo di sanzioni l’Occidente avrebbe introdotto prima o poi, ma penso che il Cremlino sia stato colto di sorpresa dalla velocità e dalla portata delle sanzioni. Quanto è un problema? Ebbene, in genere preferisco le sanzioni occidentali contro la Russia perché costringono la Russia a costruire un’economia sovrana, e perché disaccoppiano la Russia dalle istituzioni controllate dall’Impero delle Bugie.

Qui, ancora una volta, lo diranno il tempo e persone molto più intelligenti, quindi posso solo offrire le loro intuizioni.

Tuttavia, penso che la maggior parte delle persone in Russia sia sbalordita da quella che è una “guerra dell’odio” su vasta scala contro la Russia che possiamo chiamare “Guerra per cancellare la Russia. In sostanza, l’Occidente ha lanciato tutto ciò che aveva contro la Russia, tranne un’aperta aggressione militare, e conoscendo i geni al potere negli Stati Uniti + Regno Unito + Polonia, non li credo capaci di combattere direttamente la Russia.

Quindi, quella che era iniziata come un’operazione militare speciale per denazificare e disarmare il Banderastan con una guerra preventiva si è trasformata in una guerra mondiale globale “Cancella la Russia”.

Come potrei incolpare la gente in Russia per non essere stata in grado di immaginare l’assoluta depravazione suicida delle classi dirigenti occidentali quando io, che sono nato nel cuore dell’Europa e ho vissuto tutta la mia vita in Occidente, non potevo immaginare che queste classi dirigenti fossero così assolutamente fuori contatto con la realtà?

Anche in questo caso, per essere chiari, i russi non sono stati “ingenui” a “fidarsi” dell’Occidente per qualsiasi cosa, ma anzi presumevano che la classe dirigente degli Stati Uniti non avrebbe deciso di far saltare in aria il pianeta economicamente e forse anche militarmente, perché ciò avrebbe danneggiato gli interessi della classe dirigente statunitense. Quindi, se qualcuno è “stupido come la merda” non sono certo i russi, ma piuttosto le persone che governano gli Stati Uniti (e, quindi, anche l’Unione Europea).

C’è anche questa espressione russa: “dovresti contare i tuoi pulcini in autunno”. Vediamo entro la fine dell’anno chi è stato davvero stupido e chi avrà prevalso.

Ora penso che sia giunto il momento per tutti noi, me compreso, di lasciar andare il pensiero “no, non possono assolutamente essere illusi FINO A QUESTO PUNTO” e presumere che sì, sono davvero illusi FINO A QUESTO PUNTO.

Vedo anche un altro parallelo: ricordate come gli USA hanno costretto il Giappone ad una guerra, e poi si sono avvolti nel manto di vittima innocente e hanno dichiarato “questo giorno vivrà nell’infamia”?

Questo è esattamente ciò che gli Stati Uniti hanno appena ottenuto in Europa. E le conseguenze potrebbero essere altrettanto immense.

Ma qui c’è una grande differenza: il Giappone non poteva colpire in modo significativo gli Stati Uniti continentali. La Russia lo può fare benissimo, con armi sia nucleari che convenzionali.

Qui mi limito a ripetere la citazione di Putin cui accennavo il giorno prima dell’Operazione Militare Speciale russa: “se uno scontro è inevitabile devi colpire per primo”. In parole povere questo significa che se i russi giungessero alla conclusione che gli Stati Uniti sono impegnati in un’operazione del tipo “Desert Shield” (affermano di essere solo in difesa mentre si preparano per mesi ad un’invasione di terra su vasta scala), allora potete stare certi che la Russia colpirà gli aeroporti dell’Unione Europea, i porti marittimi o qualsiasi altra struttura utilizzata per preparare un attacco alla Russia.

In effetti, se gli USA/NATO decidessero di attaccare la Russia, questa sarebbe la fine definitiva, nucleare, per la civiltà occidentale in quanto tale. Dopo mille anni di imperialismo genocida, si potrebbe essere perdonati se si pensa che questa potrebbe essere una giusta, adatta, fine del tipo di giustizia karmica dei “nodi che vengono al pettine”.

Ora è nelle mani delle élite dominanti statunitensi.

Francamente, c’è molto poco che Andrej, Bernhard o me stesso possano fare. Sicuramente ho detto tutto quello che ho da dire su quest’argomento e, ancora, alcuni lo capiscono, altri no – e non c’è altro che posso fare per influenzare questo rapporto.

Il futuro del nostro pianeta ora dipende dal fatto che il tradizionale odio occidentale per tutte le cose russe sia più grande o più piccolo degli istinti di autoconservazione della classe dirigente statunitense (gli Eurolemming sono senza speranza).

Solo il tempo lo dirà. Tutto ciò che possiamo fare ora è pregare e riporre la nostra fiducia e la nostra vita nelle mani di Dio.

Ok, queste sono le cose che volevo comunicare a tutti voi, amici e lettori. Spero ancora per il meglio, ma devo prepararmi al peggio, e voglio essere completamente sincero con tutti voi.

Cordiali saluti

The Saker

*****

Articolo del Saker pubblicato su The Saker il 18 marzo 2022
Traduzione in italiano di Raffaele Ucci e Fabio_san per SakerItalia

[le note in questo formato sono dei traduttori]

 __________

 La redazione di SakerItalia ribadisce il suo impegno nella lotta anti-mainstream e la sua volontà di animare il dibattito storico e politico. Questa che leggerete è l’opinione dell’autore; se desiderate rivolgere domande o critiche purtroppo questo è il posto sbagliato per formularle. L’autore è raggiungibile sul link dell’originale presente in calce.

 L’opinione dell’autore non è necessariamente la nostra. Tuttavia qualsiasi commento indecente che non riguardi l’articolo ma l’autore, sarà moderato, come dalle regole in vigore su questo sito.

Condivisione: