Avevo avvertito i miei lettori ma niente, in molti hanno ignorato i miei avvertimenti.

E allora, per tutto il giorno, sono stato inondato da domande stupide che mi chiedevano di rispondere ai falsi delle operazioni psicologiche occidentali. E, devo ammetterlo, questa volta hanno unito le loro forze: i media sionisti occidentali, i media euro-roditori, la “campagna mondiale di solidarietà”, le storie con la vodka rimossa dai negozi statunitensi, eccetera, eccetera. Gli esempi sotto sono tratti da un sito inglese. Io ho solo messo insieme i tre titoli, guardate voi cosa proclamano:

Devo ammettere che gli Integrazionisti Atlantici russi, le quinte colonne e le seste colonne sono al lavoro a pieno regime. Oh, certo,  solo qualche centinaio di persone qua e là, ma l’obiettivo principale delle loro manifestazioni è stato raggiunto: le operazioni psicologiche occidentali adesso vi diranno che la maggioranza dei russi è totalmente contraria a questa operazione militare o, perfino, a Putin. Gli auto-nominati membri della presunta “intelligentsia” hanno unito le forze e stanno pubblicando lettere aperte di protesta sui media russi. Bravo! Avete scelto un momento cruciale per fare la vostra mossa, e il popolo russo non lo dimenticherà né vi perdonerà. Mi aspetto molto presto una ondata di “emigrazione politica” dalla Russia verso l’Unione Europea. Benissimo! Il Cremlino dovrebbe pagare loro il biglietto aereo e i costi di trasporto se decidessero di lasciare i loro passaporti russi prima di prendere il volo.

Ma cosa devo fare *io* adesso??

Ho due opzioni:

  • Smascherare tutto ciò finché cado morto dall’esaurimento
  • Chiedervi di aspettare altre 24-36 ore, e revisionare il tutto

E, come potete immaginarvi, ho scelto l’opzione 2.

Perciò, per favore, non annoiatemi chiedendo se è vero o no che tre coraggiose vecchiette ucraine hanno fermato e distrutto un’intera colonna di carri armati russi. Se fate queste domande, vi squalificate ai miei occhi  per ottenere una risposta.

Passiamo oltre, qui c’è come stanno più o meno le cose:

Non ci sono molte differenze rispetto alla mattina. Lo riformulo: ci sono tanti sviluppi, ma nessun cambio importante nella mappa. L’unica eccezione è che le forze della LDNR e le forze russe dalla Crimea si sono incontrate poco a nord di Mariupol. La città sarà assaltata, e sarà una cosa molto violenta poiché Mariupol è per gli ucronazisti ciò che l’aeroporto di Donetsk è stato nelle prime due guerre.

L’altra notizia grossa è che sono stati visti in numerosi posti i sistemi pesanti russi (MLRS, TOS-1), potrebbero essere usati per prevenire la fuga delle forze ucraine dal calderone operativo nel Donbass.

Nel frattempo, la gloriosa Marina Francese ha intercettato un cargo battente bandiera russa con automobili destinate a San Pietroburgo, con il pretesto che la banca proprietaria del carico era sotto “sanzioni” (ricordiamoci: solo il Consiglio di Sicurezza dell’ONU può imporre le sanzioni, negli altri casi è semplice furto). Questo atto di pirateria in alto mare ha ricevuto il sostegno entusiasta dalle operazioni psicologiche occidentali. (guardate qui e qui [in inglese]).

E per quanto riguarda i nostri amici ucraini, la maggior parte di loro sono stati evacuati a Lvov, e dichiarano che negozieranno con la Russia “da una posizione di forza”. Come la NATO. E l’Unione Europea. E gli Stati Uniti.

Buona fortuna a voi!

Devo aggiungere di essere, personalmente, profondamente colpito e offeso dal “consenso russofobo” occidentale. Ho sempre saputo che c’erano in giro degli odiatori della Russia duri e puri, ma pensavo anche che ci fosse una parte generale del pubblico pro-Russia. Oggi, il loro silenzio assorda. Il poeta Yehuda Bower  scrisse una volta queste righe:

Non dovrai essere una vittima.
Non dovrai essere un esecutore.
Ma soprattutto,
Non dovrai essere uno spettatore.

Per me, si riferiscono all’Europa moderna, che preferisce glorificare i nazisti piuttosto che smettere di odiare la Russia per due peccati mortali: il primo è che esiste e, il secondo, è che vive delle proprie risorse naturali. O è così, o ci troviamo di fronte ad una fredda indifferenza di una società che non ha altri valori che il consumo rabbioso e l’odio per l’altro.

Chiaramente, la vasta maggioranza della gente occidentale ci vede, noi russi, come Negri della Neve che hanno la spina dorsale di bruciare la piantagione del loro Padrone, e che perciò si meritano adesso di essere linciati da “alcuni uomini risoluti”.

A tutti quelli che ci odiano, e molti di loro leggono questo blog, dico questo: i vostri odio e ipocrisia non dicono niente di noi, ma dicono molto di voi. Voi ci odiate perfino più di quanto odiate (fingendo) i nazisti.

Tutta la Zona A sta dichiarando il suo totale, incrollabile e categorico sostegno, e la sua simpatia, agli assassini seriali ucronazisti. Perfino gli ebrei dell’Europa Occidentale parteggiano coi banderisti piuttosto che lasciare semplicemente in pace la Russia. Perciò stanotte, posso dire onestamente: il mio disgusto per l’Occidente non conosce limiti.

*****

C’è una grossa domanda in sospeso: Kiev. Un osservatore ucraino, Iurii Podoliaka, l’autore delle mappe qui sopra, pensa che i russi potrebbero assaltare la città e stabilirvi un qualche tipo di governo provvisorio. Francamente, potrebbe aver ragione, ma a me non piace. Neanche un po’.

Preferirei di gran lunga che le forze russe restino appena fuori delle città che bloccano o accerchiano. Lasciamo che semplicemente cuociano a fuoco lento nelle loro aree urbane, diciamo per una settimana. POI guardiamo quali sono le tue opzioni. Tutti gli ipocriti doppiamente benpensanti e segnalanti la propria virtù, piangono sempre lacrime di coccodrillo per i “civili innocenti”, praticamente ogni volta che scoppia una guerra. Ovviamente, a meno che i civili non siano russi, o serbi, o iracheni (ragazzi cattivi). Ma in questo caso, credo che in questo specifico caso i russi dovrebbero fare di tutto per minimizzare le vittime di TUTTI gli schieramenti, ucraini inclusi. Ecco perché:

Gli ucronazisti hanno fondamentalmente ricreato il Volkssturm di Hitler, ed hanno distribuito tutte le armi a loro disposizione a chiunque ne facesse richiesta. Ciò vuol dire che, nel futuro molto prossimo, la versione ucronazista dell’Interahmwe in Rwanda vagherà per il paese. Senza assomigliare affatto alla Somalia o allo Yemen, il Banderastan finirà presto per assomigliare a certe pericolose parti del Congo.

E, io voglio che gli ucraini diano una ripulita alla loro casa, non la Russia, mi dispiace.

Non voglio che il mio paese sia coinvolto in Banderastan, non economicamente, non politicamente, non socialmente. Mentre approvo IN PIENO il doppio obiettivo del disarmo e della denazificazione, ripongo molte speranze che i russi uccideranno la maggior parte dei nazisti e distruggeranno quelle armi che minacciano la Russia. Ma non più di questo!

Mi spiace davvero, ma sono gli ucraini che hanno creato questo casino, e tocca a loro ripulire. Noi non gli dobbiamo esattamente *niente*.

Perciò NON è nell’interesse della Russia uccidere o addirittura disarmare tutte le forze dell’ordine ucraine, anche i militari. E se questo vuol dire rallentare per parlarsi, spero che lo facciano.

Per darvi un’idea del caos attuale, vi mostro la foto di un annuncio fatto in una delle principali stazioni ferroviarie ucraine (che non identificherò). Guardatela, con la mia traduzione:

Il Volkssturm ucraino in azione 🙂

Attenzione!

Per favore, distribuitelo ai vostri contatti.

Sabotatori rashist (Nota: “rashist” termine offensivo per russo) si sono travestiti da poliziotti ucraini. Comprendono l’ucraino ma possono essere riconosciuti perché portano un auricolare!!!! Perciò se vedete un poliziotto con l’auricolare, quello non è un poliziotto ucraino. Fate molta attenzione o semplicemente, sparategli appena lo vedete.

Carino, no?

E, prevedibilmente, dalle città accerchiate o perfino parzialmente occupate, ci sono molti resoconti di scontri fra bande pesantemente armate.

Ieri, un Volkssturm ucraino ha attaccato perfino un gruppo di ufficiali dell’SBU (il KGB ucraino) e li ha disarmati (grazie ragazzi, questo ha sicuramente aiutato la Russia!).

Volete un altre evento folle?

Ze” aveva annunciato che 80 membri delle forze speciali ucraine erano morti per difendere una piccola isola attaccata dai russi. Secondo “Ze”, erano morti eroicamente. Problema: in realtà si erano arresi ai russi, erano stati evacuati, identificati, riforniti (acqua e razioni militari) e accolti nei dormitori fino al loro ritorno a casa.

Ma a chi importa la verità?

Ogni bugia è “lanciata” come un missile o una granata, gli anglosassoni dicono “tutto è permesso in amore e in guerra”.

Niente di nuovo in questo, i russi sono stati esposti a questo fin dai tempi delle Crociate.

Comunque sia, finirò con poche richieste che apprezzerei VERAMENTE se le rispettaste: per favore,

  • Finitela di chiedermi di smascherare le fonti occidentali o ucraine
  • Finitela di inserire nella sezione dei commenti i collegamenti ai media, alle aziende, ai social della Zona A
  • Se “mi dispiace ma…” o “ho dei dubbi su…”, allora per piacere teneteli per voi per almeno 24 ore (meglio ancora 36)
  • E se avete un po’ di amore, rispetto o cura per i vostri neuroni e cervelli, SMETTETE di ascoltare i media della Zona A. Siate gentili con voi stessi, o preparatevi a sembrare stupidi appena aprirete bocca.

Va beh, smetto per la serata.

Arrivederci a tutti in tarda mattinata con, speriamo, meno “nebbia di guerra” e più notizie reali.

Saluti,

The Saker

P.S.:  cercate di ricordare che questo è solo il terzo giorno di guerra, perfino la più piccola guerra 08.08.08 durò cinque giorni (inclusi i soli tre di effettivo combattimento). Questa durerà una settimana o giù di lì, dipende dagli obiettivi del Cremlino (sui quali non sono ancora del tutto certo).

*****

 Articolo di The Saker pubblicato su The Saker il 26 febbraio 2022
Traduzione in italiano di Fabio_san per SakerItalia

[le note in questo formato sono del traduttore]

 __________

 La redazione di SakerItalia ribadisce il suo impegno nella lotta anti-mainstream e la sua volontà di animare il dibattito storico e politico. Questa che leggerete è l’opinione dell’autore; se desiderate rivolgere domande o critiche purtroppo questo è il posto sbagliato per formularle. L’autore è raggiungibile sul link dell’originale presente in calce.

 L’opinione dell’autore non è necessariamente la nostra. Tuttavia qualsiasi commento indecente che non riguardi l’articolo ma l’autore, sarà moderato, come dalle regole in vigore su questo sito.

Condivisione: