Guardate questo video di diplomatici dell’UE (e di altri paesi) che depongono fiori nel luogo in cui è morto di recente un bielorusso:

Questa azione è davvero mozzafiato nella sua ipocrisia e totale delusione.

Perché?

Beh, per prima cosa, questi tizi non si rendono conto che la loro reputazione è stata distrutta da quando hanno “garantito” l’accordo tra Yanukovich e gli ucronazisti, un accordo che, come tutti sappiamo, è stato infranto il giorno successivo. Direi anche che l’autorità morale dei leader dell’UE è stata azzerata quando si sono associati agli Anglo-Sionisti nella guerra contro la nazione serba. Oh, e ho già detto che gli europei sono anche i principali responsabili di ciò che è accaduto sia in Ucraina che in Libia? In conclusione, a meno che il tuo QI non fluttui da qualche parte sotto il 70, sai che le lacrime di coccodrillo dei politici dell’UE non significano assolutamente nulla.

Ma poi “migliora”.

Il tizio che è morto l’ha fatto mentre cercava di lanciare una specie di bomba fatta in casa alle forze dell’ordine. Questo lo rende un terrorista, almeno secondo la legge statunitense.

Apparentemente, quando un terrorista cattivo sbaglia e si uccide, questo lo rende un terrorista buono. Almeno agli occhi dei leader dell’Impero Anglo-Sionista.

Riuscite ad immaginare cosa accadrebbe se, ad esempio, i diplomatici russi, venezuelani, iraniani e cinesi arrivassero in ogni luogo in cui un aspirante assassino di poliziotti è stato ucciso (per suo errore o dai poliziotti) negli Stati Uniti o in Francia?

È inoltre piuttosto divertente vedere rappresentanti di paesi come gli Stati Uniti o la Francia (che picchiano brutalmente e persino uccidono i manifestanti) dare lezioni di “democrazia” ad un regime che ha ucciso molte meno persone rispetto alla maggior parte delle “democrazie occidentali”.

Torniamo al mondo reale adesso.

Il motivo per cui i diplomatici occidentali si sono impegnati in questa sciocca azione di pubbliche relazioni non è il risultato di un qualche tipo di piano intelligente. Affatto! Questo è l’ennesimo caso del tipo “ad una persona con un martello tutto sembra un chiodo”: si comportano in questo modo perché è l’unica cosa in cui sono quasi bravi. Agli yankee e agli israeliani piace uccidere molti civili, gli europei amano far vedere quanto siano “dignitosi” e “civilizzati”. Il fatto che nessuno li prenda più sul serio non li infastidisce neanche un po’ (sono per lo più del tutto inconsapevoli di questo).

In verità, il Vecchio Mondo è diventato la prostituta (a buon mercato o addirittura non pagata) dell’Impero Anglo-Sionista.

Com’è assolutamente disgustoso…

In questo momento l’Impero sta sostanzialmente riutilizzando il “libro di testo ucraino” sulla Bielorussia. Tutto ciò che ci manca è che la Nuland distribuisca bagel ai rivoltosi.

Posso ripetere a tutti che la Bielorussia lasciata da sola non sarà mai in grado di resistere alle forze combinate dell’Impero, almeno non sul lungo termine. Un completo ritorno alla Russia è l’unica opzione possibile per la Bielorussia per essere libera.

Il Saker

AGGIORNAMENTO: Ho appena sentito che tutti i russi arrestati dal KGB bielorusso sono stati rimpatriati in Russia. Questo è molto positivo ed estremamente importante, in quanto mostra che Lukashenko non ha osato consegnare un solo uomo al regime ucronazista. Eccellente!

*****
Pubblicato su The Saker.is il 14 agosto 2020
Traduzione in italiano a cura di Raffaele Ucci per Saker Italia.


La redazione di Saker Italia ribadisce il suo impegno nella lotta anti-mainstream e la sua volontà di animare il dibattito storico e politico. Questa che leggerete è l’opinione dell’autore; se desiderate rivolgere domande o critiche purtroppo questo è il posto sbagliato per formularle. L’autore è raggiungibile sul link dell’originale presente in calce.

L’opinione dell’autore non è necessariamente la nostra. Tuttavia qualsiasi commento indecente che non riguardi l’articolo ma l’autore, sarà moderato, come dalle regole in vigore su questo sito.

Condivisione: