Cari amici,

sono appena tornato a casa e ho visto la notizia che è stato ucciso il Generale Qasem Soleimani, insieme ad altre 5/8 persone, da ciò che è stato inizialmente indicato come un attacco con lanciarazzi multiplo (fonti russe parlano di un attacco con un drone). Era già una cattiva notizia, e poi questo:

Il canale Telegram della testata RIA News riporta che gli Stati Uniti hanno dichiarato di essere i responsabili dell’attacco.

SE lui è davvero morto, allora lo scenario probabile è il seguente:

INIZIO DI UNA CONGETTURA AL 100%

Trump ha minacciato l’Iran, l’Ayatollah Ali Khamenei ha dichiarato che non c’è nulla che possono fare gli Stati Uniti e, solo per provare che si sbagliava, gli Stati Uniti hanno ucciso Soleimani. Certo, l’Ayatollah Ali Khemenei intendeva dire che non c’è nulla di “efficace” che gli Stati Uniti possano fare. Lui non pensava evidentemente ad un codardo assassinio. Per quanto riguarda lo Zio Shmuel, ora può vedere che lui ha “dimostrato agli Ayatollah” quanto sia invincibile l’Impero. E al diavolo le conseguenze (che sono già in corso [in inglese]).

FINE DELLA CONGETTURA AL 100%

Torniamo ora all’attacco.

Francamente, speravo che Trump/Netanyahu avessero abbastanza cervello per NON rivendicare l’attacco, l’avessero o meno fatto loro. E, come previsto, ora sembra che gli Stati Uniti abbiano fatto tale rivendicazione.

Ora c’è solo una domanda da fare: possono gli Iraniani lasciare impunito questo assassinio?

Forse. Ma non posso immaginare che lo facciano.

Poi: non importa COME reagiranno gli Iraniani, gli Stati Uniti lo utilizzeranno come pretesto per attaccare l’Iran.

In questo momento sono le ore 01.46 (orario di Greenwich), ed è troppo presto per fare ipotesi dato che mancano ancora molti elementi fondamentali.

Tuttavia, considerando il poco che sappiamo, non vedo alternative se non avvisarvi tutti che potremmo avere una guerra in Medio Oriente da un minuto all’altro, letteralmente.

Cercherò di trovare notizie per avere altre informazioni.

Se vedete qualcosa di interessante, vi chiedo gentilmente di postare l’informazione nel box commenti (indicando la fonte). Ho SOPRATTUTTO necessità di vedere le conferme UFFICIALI americane che ci sono loro dietro all’attacco.

Il Generale Qasem Soleimani era un vero eroe, ed è stato il mio “Uomo Saker dell’anno [in inglese] nel 2015. Questa è davvero una grave perdita per tutte le persone che amano la liberà. Riposi in pace!

Tornerò più tardi stanotte.

Il Saker

AGGIORNAMENTO 1: questo è ciò che sta riportando la testata PressTV:
https://www.presstv.com/Detail/2020/01/03/615224/Hashd-Sha%E2%80%99abi-public-relations-director-killed-in-rocket-attack-on-Baghdad-airport [in inglese]

AGGIORNAMENTO 2: la TV irachena conferma la morte
https://www.militarytimes.com/news/your-military/2020/01/03/iraq-rockets-fired-at-baghdad-airport-7-people-killed/ [in inglese]

AGGIORNAMENTO 3: PressTV conferma la morte del Generale
https://www.presstv.com/Live [in inglese]

AGGIORNAMENTO 4: “The” Donald ha appena postato questo su Twitter: vale come conferma

AGGIORNAMENTO 5: ora è quindi confermato, guardate voi stessi
https://www.rt.com/news/477354-pentagon-confirms-soleimani-killing/ [in inglese]

(se questi cretini credono davvero di poter “scoraggiare” l’Iran, sono davvero più stupidi di quanto pensassi)

AGGIORNAMENTO 6: secondo tale fonte, questa è una email del Pentagono che contiene una dichiarazione del Dipartimento di Stato: “Sotto la direzione del Presidente, le forze armate americane hanno effettuato un’azione difensiva decisiva per proteggere il personale americane all’estero, uccidendo Qasem Soleimani, il capo della Forza Quds del Corpo delle Guardie della Rivoluzione Islamica Iraniana, un’organizzazione terroristica straniera designata dagli Stati Uniti”.

AGGIORNAMENTO 7: sembra che gli Stati Uniti stiano ora provando a spaventare il personale dell’ambasciata iraniana a Baghdad, vedete qui di seguito:
https://www.presstv.com/Detail/2020/01/02/615194/Iraq-United-States-helicopter-Iran-Embassy-Baghdad [in inglese]  

 

CONCLUSIONE PROVVISORIA:

Bene, ora sappiamo che Soleimani è stato effettivamente assassinato e che lo hanno fatto gli Stati Uniti. Quindi gli elementi fondamentali ci sono tutti. Tutto quello che ora possiamo fare è aspettare le conseguenze politiche di questa uccisione (sia dentro che fuori gli Stati Uniti e sia dentro che fuori l’Iran).

Permettetemi di dichiarare in questa sede che NON credo che la Russia sarà coinvolta in alcun modo, e nemmeno la Cina. Perché? Perché ora tutto dipende dalla reazione iraniana. Cercherò di fare un’analisi entro domani.

Se avete qualsiasi informazione interessante/rilevante, scrivetela gentilmente nella sezione sottostante dei commenti. La leggerò prima di scrivere la mia analisi. In questo momento, vorrei dire che la probabilità di una guerra è pari all’80%, con il margine del 20% per due ragioni: primo, gli Iraniani sono degli attori estremamente sofisticati, e non faranno nulla prima di aver fatto un’analisi approfondita della situazione e, secondo, perché non abbiamo ancora tutti i fatti (abbiamo solo elementi chiave di base).

A questo punto non ha senso per me rimanere in attesa. Meglio che dorma un po’ prima dell’analisi di domani.

Fino ad allora, auguro a tutti buona notte/mattino/giorno o sera.

Fondamentale: non perdete la speranza! Vi spiegherò domani perché non dobbiamo reagire in maniera eccessiva a questo tragico e brutto evento.

Posso ancora dirvi “baci e abbracci”?

Mi atterrò solo agli “abbracci.

Cantando.

Il Saker

***

Articolo del Saker pubblicato su The Saker il 2 gennaio
Traduzione in italiano a cura di Elvia Politi per
Saker Italia.

[I commenti in questo formato sono del traduttore]


La redazione di SakerItalia ribadisce il suo impegno nella lotta anti-mainstream e la sua volontà di animare il dibattito storico e politico. Questa che leggerete è l’opinione dell’autore; se desiderate rivolgere domande o critiche purtroppo questo è il posto sbagliato per formularle. L’autore è raggiungibile sul link dell’originale presente in calce.

L’opinione dell’autore non è necessariamente la nostra. Tuttavia qualsiasi commento indecente che non riguardi l’articolo ma l’autore, sarà moderato, come dalle regole in vigore su questo sito.

Condivisione: