Posts From Raffaele Ucci

La Bulgaria decide ufficialmente di armare l’Ucraina

L’Assemblea Nazionale bulgara ha adottato una decisione storica per iniziare il sostegno militare aperto all’Ucraina La stragrande maggioranza dei parlamentari ha votato a favore della fornitura di armi, munizioni, equipaggiamento, veicoli corazzati e della riparazione dell’equipaggiamento delle AFU danneggiato dai combattimenti. Tuttavia ci sono dubbi sull’attuazione di questa decisione – non tutti i rami del governo bulgaro condividono l’entusiasmo dei parlamentari radicalmente filo-occidentali. Le consegne dirette di armi, veicoli blindati,

Russia e Ucraina si preparano all’imminente battaglia per Kherson

La regione di Kherson si sta preparando a pesanti battaglie. La situazione in prima linea rimane estremamente tesa, poiché le forze armate ucraine lanciano attacchi alle posizioni russe in diverse aree nel tentativo di avanzare verso la città di Kherson, dove si è conclusa l’evacuazione ufficiale dei civili. L’8 novembre, il vice capo dell’amministrazione regionale di Kherson Kirill Stremousov ha affermato che le unità ucraine hanno tentato di sfondare la

Chi avrebbe mai pensato che Mosca potesse diventare la “città sulla collina”?

Pochi hanno notato che la Russia sembra avere un’ampia diversità di opinioni sulla situazione dell’Ucraina. Questo non può essere il caso di uno stato autoritario governato con pugno di ferro. Nel flusso di pensiero occidentale c’è molto clamore sulle critiche alla gestione della crisi da parte di Vladimir Putin. È come se l’ordine mondiale liberale non riuscisse a decidersi. Putin è apertamente uno Stalin? Oppure, la Russia è più democratica

Altri segni della tempesta in arrivo

Oggi, come faccio spesso, menzionerò alcuni titoli e aggiungerò alcuni commenti a ciascuno di essi. Quindi eccoci qui [tutti i link in inglese]: Biden “indignato” dalla mossa russa: che si parli del vero, reale, Biden, o del collettivo “Biden” non fa differenza: gli Anglo hanno usato l’accordo sul grano per attaccare la Russia, e Biden è indignato dal fatto che la Russia ne facesse un problema. Dovete concederlo: i leader

Alcuni argomenti ucraini

Oggi questi due tweet sono comparsi nella mia cronologia: Il primo loda gli sforzi della sicurezza informatica del Regno Unito per la protezione delle reti in Ucraina. Il successivo riferisce dei tentativi riusciti di un gruppo della Repubblica di Donetsk di hackerare il software militare fornito dagli USA per gestire il campo di battaglia in Ucraina. La violazione sembra essere molto reale. — Ad aprile ho avvertito [in inglese] della

Alcuni pensieri sulla tesi della “bomba sporca” e sulla funzione dell’odio

Primo, è davvero possibile? La risposta è sì, assolutamente. C’è abbastanza combustibile esaurito per reattori nucleari civili (non per le armi) per ottenere abbastanza materiale radioattivo. Ancora più importante, c’è un sacco di “know how” tra scienziati e ingegneri ucraini. Inoltre, far arrivare materiali radioattivi o specialisti è qualcosa che l’Egemonia Anglosionista potrebbe fare. Ho menzionato la pletora di politici ucronazisti con gli occhi luccicanti che sognano ad occhi aperti,

Sitrep sui Balcani: la rivoluzione arancione in Bosnia ottiene poco successo

Dopo due spettacolari fallimenti, questa volta l’opposizione a guida straniera nella Repubblica Srpska non è sicura di trionfare. Sembra che la nostra valutazione iniziale [in inglese] sul fatto che la rivoluzione arancione dopo le elezioni del 2 ottobre, scatenata nella Repubblica Srpska [Repubblica Serba di Bosnia ed Erzegovina], fosse un po’ prematura, così come lo è stata la parata trionfale dell’opposizione la notte delle elezioni, prima ancora che i voti

Alcuni aggiornamenti, e un cartone al posto della musica del weekend

Oggi iniziamo con alcuni titoli [in inglese] che illustrano l’attuale strategia dell’unilateralismo russo: Putin annuncia nuove misure di sicurezza in Russia Putin introduce la Legge Marziale nelle ex regioni ucraine Lavrov riconosce che “non ha senso” mantenere la solita presenza diplomatica in Occidente I primi due sono davvero scontate, e mostrano che il Cremlino comprende perfettamente ciò che l’Egemonia Anglosionista intende fare prossimamente. L’ultimo è semplicemente un’ammissione pubblica che parlare

Alcuni aggiornamenti sulla crociata della NATO contro la Russia

Introduzione: impostazione del contesto attuale Prima di dare un’occhiata agli ultimi sviluppi più interessanti, penso sia importante affermare chiaramente una cosa che deve essere ripetuta quasi costantemente: quella a cui assistiamo oggi non è una guerra tra Russia e Ucraina, ma tra Russia e l’Occidente unito, consolidato. In pratica ciò significa che la Russia è in guerra con gli Stati Uniti e la NATO, con la seconda che non è

Editorialista di 19FortyFive: il confronto invernale promette il fallimento per l’Ucraina

La guerra d’inverno in Ucraina può solo significare un disastro: mentre le forze armate ucraine sperano che la loro offensiva raggiunga la città di Kherson entro questo inverno, la Russia continua a prepararsi per un massiccio contrattacco che potrebbe iniziare già il mese prossimo. Questa opinione è condivisa dall’edizione americana di 19FortyFive. Per capire cosa probabilmente accadrà durante la fase bellica di novembre e dicembre, è utile considerare il corso