Blog

Perché l’imbrigliare Huawei non è una vittoria nella guerra tecnologica

L’azienda cinese gioca la parte della regina della scacchiera tecnologica, ma Pechino dirà semplicemente ai suoi ragazzi-prodigio di puntare al livello successivo. È una guerra geopolitica e geoeconomica. Fredda, finora, ma adesso in procinto di arrivare sotto zero. La Strategia per la Sicurezza Nazionale statunitense lo rivela [in inglese] inconfondibilmente. La Cina è un competitore strategico e deve essere rintuzzato in tutti i modi e su tutti i fronti: economico,

La fase unipolare è finita

La partnership strategica tra Russia e Cina, che si è consolidata la scorsa settimana in Russia, ha mandato le elite statunitensi in “paranoia suprema”, modalità che sta tenendo in ostaggio il mondo intero. Con una breve passeggiata a San Pietroburgo lo scorso venerdì, è cominciato qualcosa di straordinario. Dopo la camminata, hanno preso una barca sul fiume Neva, hanno visitato il leggendario incrociatore Aurora e quindi sono andati all’Ermitage per

Situazione operativa sui fronti siriani del 10-6-2019

La Grande Battaglia per Idlib Ritorniamo dopo la pausa elettorale ad occuparci della situazione nello scenario del mondo più infuocato, la Siria. Continua lo scontro tra gli eserciti in campo, le forze siriane, SAA, NDF ed altre milizie locali come quelle cristiane di Suqaylabiyah (di cui abbiamo parlato in occasione delle 5 ragazze cristiane uccise dai missili delle milizie qaediste mentre si trovavano a catechismo) e le forze jihadiste e

Mahathir apre un vaso di Pandora politico per l’Ucraina

Il Primo Ministro malese Mahathir Mohamad ha causato shock in un discorso pubblico in cui ha respinto il rapporto “ufficiale” olandese che accusa la Russia dell’abbattimento del volo malese MH17 nel luglio 2014, settimane dopo che un colpo di Stato guidato dalla CIA aveva fatto cadere il presidente eletto dell’Ucraina. Nonostante il ridimensionamento dei commenti del leader malese da parte dei media tradizionali occidentali, si stanno creando nuovi grandi potenziali

Assange: un nuovo precedente immorale dell’Occidente

Ogni volta che scrivo in merito a quanto sia caduto in basso l’Occidente, anche quando faccio ipotesi su quanto ancora è destinato a scendere, scopro che la realtà supera la fantasia in men che non si dica. L’arresto di Julian Assange e la serie di accuse che sta improvvisamente affrontando, sta raggiungendo un livello tale che può essere visto solo come un altro precedente che l’Occidente “userà” nel prossimo futuro

I media occidentali sono la chiave dell’inganno siriano

Sotto tutti i punti di vista l’affermazione di questa settimana, quella da parte dei combattenti collegati ad al-Qaeda secondo cui il governo siriano li aveva presi di mira con armi chimiche [in inglese] nella provincia di Idlib (il loro ultimo rifugio in Siria), avrebbe dovuto essere trattata dai media occidentali con un alto grado di scetticismo. Il fatto che gli Stati Uniti e gli altri governi occidentali abbiano accolto con

Perché Hashim Thaçi ha bisogno di un altro conflitto con la Serbia?

Il 27 maggio il presidente della Serbia Aleksandar Vucic ha esortato ad affrontare la verità e a riconoscere che la Serbia ha perso il Kosovo. Il 28 maggio le unità della polizia kosovara si sono introdotte nei distretti serbi nel nord del Kosovo e hanno arrestato circa due dozzine di persone, inclusi agenti di polizia del Kosovo di nazionalità serba e anche un dipendente russo della Missione delle Nazioni Unite in

Sovranisti di tutto il mondo – unitevi!

Sappiamo tutti che i Neoconservatori sono di gran lunga il più grande e influente gruppo di sponsor delle guerre d’aggressione statunitensi. Sono quelli che hanno fatto pressioni maggiori per l’invasione dell’Iraq, e sono quelli che per decenni hanno provato ogni possibile sporco trucco per attirare gli Stati Uniti in atti di aggressione contro l’Iran. In effetti, dal punto di vista del diritto internazionale, i Neoconservatori potrebbero essere visti come una

La caduta dell’Aquila è vicina

Siamo arrivati al momento cruciale, in cui la superpotenza in declino comincia a dubitare di se stessa? La stampa americana ha appena raccontato quello che l’ex presidente Jimmy Carter ha detto a Donald Trump durante il loro recente incontro. L’inquilino della Casa Bianca ha invitato il suo predecessore per parlare con lui della Cina, e Jimmy Carter ha pubblicamente riferito il contenuto di questo incontro durante un’assemblea battista in Georgia.

6 russi famosi che furono mandati in un gulag

Il regno di Joseph Stalin fu un’era di terrore in cui tutti, dal ministro al contadino, potevano subire una lunga pena detentiva o la pena di morte per reati minori. Qui presentiamo le storie di sei persone illustri che hanno attraversato gli orrori delle prigioni di Stalin. Come afferma lo storico Viktor Zemskovnotes, solo nel 1953 (l’anno della morte di Stalin) c’erano 5,4 milioni di persone in prigione – quindi