Blog

Autunno nel Donbass

Da quando è stata sparata l’ultima cannonata è passato già abbastanza tempo da poterne dimenticare il suono. La tregua si mantiene. Questo da una parte dà speranza, ma dall’altra genera attacchi di leggera paranoia. Le piogge battenti sono terminate. A Donetsk ha fatto il suo arrivo l’autunno vero, quello colorato d’ambra delle cartoline. Come in una commedia romantica ambientata a New York, ma con tinte locali. La brezza trasporta l’odore delle

Se li bombardano, sono Daesh

Il Presidente Putin è un pirata, niente di più, niente di meno. Nel suo discorso all’ONU, si è impossessato del marchio di cui il Presidente Bush Jr. detiene il copyright dal 2001, la lotta contro il Terrore. Per questo motivo gli Americani sono stati sorpresi: il Presidente Russo ha ripetuto loro la metafora preferita dei loro presidenti. E’ stato un intelligente stratagemma: invece di sottolineare le discrepanze tra Russi e Statunitensi,

Terza settimana dell’intervento russo in Siria: il ritorno della diplomazia

La fine della legge internazionale e della diplomazia La fine della Guerra Fredda venne salutata come una nuova era di pace e sicurezza, in cui le spade si sarebbero trasformate in aratri, i vecchi avversari in amici e il mondo avrebbe assistito ad un nuovo sorgere di amore universale, pace e felicità. Naturalmente non è successo nulla di tutto questo. Quello che è successo è che l’Impero Anglo-Sionista si è

Valdai XII: il Discorso completo di Vladimir Putin

L’argomento della conferenza di Valdai di quest’anno è Società fra Guerra e Pace: Superare le Logiche del Conflitto nel Mondo di Domani. Nel periodo fra il 19 ed il 22 ottobre, esperti da oltre 30 paesi hanno preso in considerazione vari aspetti della percezione della guerra e della pace nella consapevolezza del pubblico e nelle relazione internazionali, della religione e delle interazioni economiche fra Stati. * * * Presidente della Russia,

Che cosa succederebbe se il Daesh decidesse di attaccare la Russia?

Voglio condividere con voi un video molto interessante sulla più grossa esercitazione militare tenutasi nella Russia dei giorni nostri: la “Centro -2015”. Negli anni della Guerra Fredda, un video di questo tipo sarebbe stato classificato “TOP SECRET” e le agenzie di spionaggio occidentali avrebbero pagato una fortuna pur di averlo. Al giorno d’oggi la Russia ha completamente mutato rotta e mostra un grado di apertura sorprendente. In questo video potete

La coalizione americana della perfidia

Sono giorni ormai che un generale israeliano, catturato all’interno dell’Iraq, viene interrogato da quelli che si pensa siano istruttori delle Guardie Rivoluzionarie Iraniane aggregati alle milizie che attualmente lo detengono. Da Veterans Today: “L’Alto Rappresentante per gli Affari Esteri al Parlamento degli Stati Uniti e Segretario Generale del DESI (Dipartimento Europeo per la Sicurezza e l’Informazione), Dr. Haissam Bou-Said ha confermato che, in base alle informazioni fornite dal Parlamento internazionale

Situazione militare in Siria al 26 Ottobre 2015

Fronte di Damasco: Proseguono i combattimenti attorno alle sacche terroriste che lambiscono la capitale e occupano anche qualche quartiere periferico a nord della città. Trattandosi di ambiente urbano o densamente abitato i progressi non possono che essere lenti. I motivi della natura statica di questa fase del conflitto sono molteplici. Prima di tutto va valutato il logorio delle forze armate dell’esercito arabo siriano, quello del presidente Assad per intenderci, che in

Intervista a Kostantin Sivkov sulle operazioni militari russe in Siria

Cari amici, questo è il testo integrale dell’intervista a cui mi riferivo nella mia sfuriata su quello che per me è solo uno agitare di bandiere. Considerate tutte le discussioni che ha fatto nascere qui, sento di dover chiarire alcuni aspetti: non sto “appoggiando” Sivkov o le sue tesi (specialmente le sue “altre” tesi non menzionate in questa intervista). Credo però che Sivkov sia un esperto di cose militari molto

Gli Ultimi Fiaschi nella Politica Estera Americana – Parte I

Circa quindici mesi fa ho pubblicato un pezzo sui Fiaschi Americani In Politica Estera, nel quale riassumevo il significativo peggioramento della situazione  causata dal coinvolgimento americano in Afghanistan, Iraq e Georgia, tra gli altri, e continuava predicendo che in modo analogo l’Ucraina si sarebbe rivelato l’ennesimo fiasco. Oggi possiamo affermare con sicurezza che è andata esattamente così. L’ingerenza USA in Ucraina non ha prodotto nessuno dei risultati per i quali

Attraverso lo specchio: “l’aggressore” russo invita la squadra paralimpica dell’Ucraina ad allenarsi in Crimea

A volte quando guardo l’Ucraina ho la sensazione che il mio Paese sia scivolato attraverso lo specchio di Alice. I liberatori sono diventati “colonizzatori” e gli assassini di bambini sono diventati eroi. Criminali condannati e schizofrenici patologici servono nella polizia. I “guerrieri della luce” stanno bombardando donne e bambini, mentre i “terroristi” ricostruiscono le scuole. Il governo che parla di libertà di parola e di dignità imprigiona i giornalisti che