Breaking news
  • No posts where found

Blog

Pescando in acque agitate – Gli Stati Uniti nel Mar Meridionale Cinese

Il solo fatto che la Cina abbia dispute territoriali con alcune delle nazioni adiacenti al Mar Meridionale Cinese non significa che le stia minacciando – nonostante questo gli Stati Uniti pare necessitino di un antagonista.   La politica estera della “nazione indispensabile” diventa ancora più complicata. Avremmo potuto pensare che con le varie crisi in corso in Ucraina e Medio Oriente gli Stati Uniti avessero le mani occupate. Per niente,

Sfogo del Saker: dovrebbero rotolare delle teste nella LNR!

Bene, sembra che alla fine la LNR e la DNR non considerino la Crimea come parte dell’Ucraina. Il mio amico Alexander Mercouris spiega ogni cosa su Russia Insider. Alexander, gentilmente, lo chiama un “travisamento”. Ebbene, non sarò così gentile e la chiamerò un’altra c*******a per la quale, di nuovo, dovrebbero rotolare delle teste. In senso figurato, ovviamente. In ogni caso, come diamine abbiano fatto queste persone a non rendersi conto

Perché Putin NON è Hitler

– Marco Bordoni – Esistono precisi segnali mediatici  dai quali si può chiaramente capire che il blocco atlantico si prepara ad aggredire un Paese e che la sua dirigenza ha iniziato ad ingegnerizzare il consenso delle masse per rendere accettabile l’opzione militare. Uno di questi è la “spoliazione rituale” dal rispetto cerimoniale che si attribuisce ad un capo di Stato, spoliazione che si compie attraverso campagne denigratorie personali ed una rappresentazione

Vita politica di V.V. Putin – Quinta Parte – Ricostruire l’economia, il problema Yukos, i Giochi Olimpici

Quinta parte del documentario di Vladimir Solovyov sulla vita politica del presidente russo Putin, oltre le grottesche e volgari rappresentazioni occidentali che lo dipingono ora come un “dittatore”, ora come un “nuovo Hitler”, perchè si rifiuta di svendere il suo Paese all’Impero. La ricostruzione dell’economia del Paese, la domatura degli oligarchi (con il caso particolare della Yukos di  Khodorkovsky), il ripristino almeno parziale della legalità. E poi il recupero dei

L’intervista del Saker a “Ramzes”, un ufficiale degli Spetsnaz GRU

Saker: Presentati con poche parole, dicci in quale brigata hai servito, che grado hai raggiunto e qual era la tua specialità militare. Ramzes: Il mio pseudonimo negli Spetsnaz GRU era Ramzes. Sono nato in Russia. Ho preso servizio nel 1994 ed ho terminato nel 1999. Sono stato un cadetto degli aviotrasportati per quattro anni poi ho servito un altro anno con il grado di tenente. Ho servito nella 16° brigata

Scontri a Maryinka – Padre e figlio

Un altro servizio di Andrei Filatov sugli scontri dei giorni scorsi a Maryinka. Duello a colpi di AGL (lanciagranate automatici) fra le truppe ucraine e gli uomini della Brigata Internazionale “Pyatnashka”, in cui militano insieme anche padre e figlio. ***** Sottotitoli in Italiano a cura di Mario per SakerItalia.it

Vita politica di V.V. Putin – Quarta Parte – La guerra in Iraq, terrorismo a Mosca, ricostruire una nazione

Quarta parte del documentario di Vladimir Solovyov sulla vita politica del presidente russo Putin, oltre le grottesche e volgari rappresentazioni occidentali che lo dipingono ora come un “dittatore”, ora come un “nuovo Hitler”, perchè si rifiuta di svendere il suo Paese all’Impero. L’opposisizione ad una guerra in Iraq, la cui aggressione è stata compiuta comunque dagli Stati Uniti, esibendo “prove” sulle “armi di distruzione di massa” sulle quali Putin ironizza

Breve aggiornamento sulla (molto pericolosa) situazione ucraina

Cari amici, Per prima cosa, voglio solo farvi sapere che sto lavorando a due interviste che, penso, troverete interessanti: una con Michael Hudson ed un’altra con un esperto sulla Siria, che preferisce rimanere anonimo. Entrambe dovrebbero essere molto interessanti. Datemi qualche altro giorno per pubblicarle. Adesso passiamo all’Ucraina. Un rapporto da leggere ed un video da guardare [NdT: entrambi in inglese]. Tirando le somme: la situazione è molto MOLTO tesa.

“Frau Merkel, con gli USA non andiamo da nessuna parte”

Un attacco frontale al filo-atlantismo e alla politica di rigore della Merkel. Dalla leader dell’opposizione Sahra Wagenknecht una dura critica alle ingerenze USA in Europa. Dai rapporti con la Russia all’approvazione del TTIP, dal caso Grecia alla sudditanza alla Troika. ***** Video pubblicato da PandoraTV Traduzione a cura di Maria Heibel

Eurasia e Dontorni: contro lo Sciovinismo, contro la Globalizzazione, un nuovo Stato Nazionale

L’Unione Europea è oggi considerata da molti un fattore di prevaricazione e di dominio. Tuttavia ci ricordiamo cosa c’è stato prima: secoli di guerre fratricide fra gli stati nazionali. E’ possibile rivalutare l’elemento nazionale senza precipitare in una spirale di conflitti? – Paolo Borgognone – Questa è più o meno la valutazione di Noam Chomsky, che in Capire il potere affermò: «Ritengo che in ultima analisi sarebbe necessario rompere il