Blog

La Blackwater-Academi nel Donbass

Il vicecomandante delle Forze Armate della DPR, Eduard Basurin, denuncia la presenza di contractors americani nel Donbass. ***** Sottotitoli in italiano a cura di Mario per Sakeritalia.it  

La signora Zina

Il giornalista ucraino Anatoliy Shariy ci fa conoscere la signora Zina, una dei tanti volontari che prestano la propria opera a Donetsk ***** Sottotitoli in italiano a cura di Mario per Sakeritalia.it  

L’ economia politica della guerra civile: come l’ Ucraina si è impoverita quanto il Tagikistan in un solo anno

Il Tagikistan è stata a lungo considerato come la più povera delle ex repubbliche sovietiche. Nel 2013 per esempio, il PIL procapite a parità di potere d’acquisto era pari a 2.536 dollari, mentre in Ucraina era pari a 8.652 dollari. Sembrerebbe inappropriato paragonare l’impoverito Tagikistan, provato dalla guerra civile, con l’Ucraina, prosperosa fino a poco tempo fa. Ma non è cosi semplice. Lo scoppio della guerra civile e la disintegrazione

Perché la Russia e la Cina si incontreranno faccia a faccia il Giorno della Vittoria

Domenica, parlando alla Radio Nazionale Cinese, Jin Carong, docente all’Università Renmin, ha spiegato perché Russia e Cina hanno un comune senso storico a proposito della seconda Guerra Mondiale, e per quale motivo la loro partnership sarà probabilmente duratura. In un’intervista con la Radio Nazionale Cinese pubblicata sabato, Jin Carong, professore all’Istituto di Relazioni Internazionali dell’Università Renmin, ha spiegato le posizioni simili di Russia e Cina a proposito della Seconda Guerra

Eurasia e Dintorni: Religione e Modernità

Uno dei maggiori ostacoli ad una autentica rinascita della religiosità potrebbe essere la dilatazione della conoscenza dell’ambiente in cui viviamo che abbiamo ottenuto negli ultimi secoli. Già ai tempi di Dante la gente poteva porsi dei dubbi sulla “verità” di una rivelazione religiosa osservando l’estensione del mondo e la presenza di tanti popoli “infedeli”. Oggi conosciamo la natura e la dimensione dell’universo, la storia dell’evoluzione dell’uomo e l’origine biologica della

Un’ intera generazione di ucraini dovrà rispondere per i fatti di Maidan

Il Fondo Monetario Internazionale è indeciso: dobbiamo prolungare l’agonia di questa nazione e di questo governo o dobbiamo porvi fine una volta per tutte? Sembrerebbe che la si voglia prolungare. Il Vicepresidente della commissione europea Kristalina Georgiyeva lunedì scorso ha riconosciuto che l’Ucraina avrà bisogno di 40 miliardi di dollari nel corso dei prossimi anni, molto più di quanto i creditori hanno in programma di concedere in prestito. Kiev ha

Bat’ka non va Mosca il 9 maggio. Una notizia che non deve sorprendere.

Durante il fine settimana è giunta la notizia che il Presidente Bielorusso Aleksandr Lukashenko non parteciperà alla parata di Mosca il prossimo 9 maggio. Una decisione seguita da vicino ad una sensazionale dichiarazione della portavoce del Dipartimento di Stato Marie Harf: “per questa parata militare specifica (si tratta di un evento, uno solo) abbiamo considerato attentamente quello che sta accadendo in Ucraina e stiamo incoraggiando gli altri paesi a fare

Sostieni la campagna per l’uscita dell’Italia dalla NATO per un’Italia neutrale

Portare l’Italia fuori dal sistema di guerra Attuare l’articolo 11 della Costituzione   L’Italia, facendo parte della Nato, deve destinare alla spesa militare in media 52 milioni di euro al giorno secondo i dati ufficiali della stessa Nato, cifra in realtà superiore che l’Istituto Internazionale di Stoccolma per la Ricerca sulla Pace quantifica in 72 milioni di euro al giorno. Secondo gli impegni assunti dal governo nel quadro dell’Alleanza, la

Il ‘Trono di Spade’ arabo: il gioco sporco di Casa Saud nello Yemen

La Casa Saud, appoggiata dagli USA, fomenta da lungo tempo i contrasti tra i vari governi yemeniti, gli Houthi, la Fratellanza Musulmana e Al-Qaeda, in una versione realistica del “Trono di Spade”, come ha osservato Mahdi Darius Nazemroaya.   Ora che lo Yemen è sotto le bombe per costringerlo ad accettare l’ordine autoritario di USA e Arabia Saudita, è difficile immaginare che la Casa Saud avesse precedentemente agito a favore degli

Regime di Kiev: il destino dell’opposizione moderata

  Nota di Voxpopulievo: l’Ucraina ha creato una banca dati di “separatisti, militanti, ecc.”. La chiamano “Informazioni per le autorità di polizia e dei servizi speciali su terroristi filo-russi, separatisti, mercenari, criminali di guerra, e assassini”. Data la situazione nel Paese e le recenti leggi che sono state approvate, chiunque in Ucraina non sia d’accordo con i metodi e le idee del regime, può potenzialmente essere inserito nel database. Oles