Blog

I risultati del sondaggio sul futuro del blog!

Cari amici, il sondaggio adesso è chiuso e sono felice di constatare che 1.067 di voi hanno risposto alle domande. Oggi quello che voglio fare è pubblicarne i risultati, domanda per domanda, insieme alle mie valutazioni. Ma per prima cosa, voglio ringraziarvi della partecipazione a questo sondaggio che per me è molto importante ed interessante. Alcuni risultati mi hanno sorpreso e mi sento molto meglio ora che so cosa ne

Russofobia a più livelli

La russofobia è una cosa molto interessante da osservare. Per primo, diamo uno sguardo alla parte alta dello spettro. In un articolo dell’Atlantic Council intitolato “La Russia pianifica una offensiva primaverile in Ucraina, avverte l’ex capo della NATO Wesley Clark” [in inglese, NdT], il generale Wesley Clark, il moderato democratico che cercò di far scoppiare la Terza Guerra Mondiale, dichiara che i russi stanno preparandosi a lanciare un’offensiva primaverile fra

Situazione Militare – 3 aprile 2015

– Stefano Orsi – Come da copione, nonostante il silenzio operativo dichiarato ormai più di un mesa fa, proseguono bombardamenti e combattimenti nel Donbass. In omaggio alla tregua formale, non parleremo di “fronti” ma di “settori” nella nostra rassegna, ameno fino a che la situazione non tornerà a surriscaldarsi. Settore di Donetsk Sono continuamente segnalati afflussi di rinforzi in uomini e materiali (comprese armi pesanti) dell’esercito ucraino a ridosso della linea

Nello Yemen l'”Asse della Gentilezza” mostra il vero volto dell’Impero e dimostra che Lenin aveva ragione.

I titoli dei media sullo Yemen la dicono tutta: * Gli USA rimuovono le ultime forze speciali dal Yemen (e nel processo distruggono le loro attrezzature). * Il consolato russo nello Yemen è stato danneggiato da attacchi aerei sauditi– come da fonte di ambasciata. * All’aereo russo inviato per l’evacuazione del personale è stato negato l’atterraggio in Yemen, e quindi e’ stato dirottato al Cairo * Militari cinesi sbarcano nel

Il De Bello Ucraino dell’Oligarca

Già sappiamo della fabbrica del consenso, della manipolazione dell’informazione, dell’inesistenza della società (Thatcher), della lotta di classe al contrario e del potere del “Paese eccezionale” di “intervenire dovunque nel mondo i nostri interessi sono minacciati.” (Obama 2014). Ci vuol quindi poco a concludere che nell’Europa della NATO e dell’Euro, la democrazia e’ una demofandonia. Ma, arrivata in Ucraina, tramite il pronunciamiento di ispirazione (e finanziamento) CIA, la demofandonia ha attraversato

Il crollo finanziario che conduce alla guerra

Scorrendo i titoli della stampa mainstream occidentale, e subito dopo, passando dall’altro lato dello specchio, per confrontarli con gli effettivi avvenimenti, si può avere l’impressione che  i propagandisti  americani, e tutti quelli che li seguono in scia, stanno impegnando tutta la loro potenza per trovare pretesti per un intervento militare di qualunque genere, sia attraverso la fornitura di armi al cadavere delle forze armate ucraine, o inscenando sfilate di equipaggiamento

Un piccolo potpourrì di notizie relative al blog

Cari amici, Oggi voglio solo dirvi un po’ di cose relative al blog. Per primo, voglio accennare alla gente di Vox Populi Evo che ha iniziato a condividere con noi più video sottotitolati in inglese, come i due recenti su Mozgovoi e Givi. Meglio ancora, si sono poi trovati d’accordo a sottotitolare in inglese l’intera intervista del famoso autore ucraino Oles Buzina sulla storia del suo Paese. Questo è un

Le sanzioni USA colpiscono un “eurasianista” critico del Cremlino (Aleksandr Dugin)

Cos’é questa fissazione dell’Occidente per Aleksandr Dugin? Benché sia un noto ideologo russo di destra, Aleksandr Dugin non ha alcuna influenza sulla politica pubblica russa, e nessun accesso al presidente Vladimir Putin. Marlene Laurelle di Foreign Affairs magazine (“Impauriti dall’ombra di Putin”) spiega: Dugin non ha uno status ufficiale all’interno del governo russo. […] Nè Dugin é parte della cerchia più vicina a Putin. I due uomini potrebbero anche non