Breaking news
  • No posts where found

America del Nord

La giornata dello ‘sbiancamento’ dell’omicidio (AGGIORNATO)

La propaganda è facile da smontare una volta apprese alcune regole di base. Una è questa: “più forte è lo slogan, più grande è la menzogna”. Questo è il caso della Giornata dei Veterani, in cui gli americani ringraziano i loro veterani per il loro “servizio”. Ora, anche mettendo da parte le vere ragioni per cui gli americani si arruolano, c’è un fatto molto più importante che la macchina della

Alla faccia dell’amministrazione Biden che cerca relazioni stabili e prevedibili con la Russia!

Uno dei mantra adottati dall’amministrazione Biden da quando circa 10 mesi fa si è insediato il 46° Presidente degli Stati Uniti, è il dichiarato desiderio di cercare “relazioni stabili e prevedibili con la Russia”. Quella frase è stata articolata dal Presidente Joe Biden e dai suoi più stretti collaboratori. Sembra arrogante, per quanto abbia un tono riluttante di desiderio di collaborazione. Perché non “relazioni normali e cordiali”? E’ evidentemente chiedere

La Guerra Fredda con la Cina dissolverà il collante dell’America

L’America, che per il profitto immediato ha delocalizzato gran parte della propria capacità manifatturiera in Cina, potrà permettersi la separazione? A Washington non sanno che fare dopo la fine caotica della guerra “eterna” dell’America. C’è chi si pente amaramente del ritiro dall’Afghanistan e spinge per l’immediato ritorno, altri invece guardano avanti, cioè alla “guerra fredda” con la Cina. Tuttavia, le iniziali grida di disfatta della classe dirigente e l’articolazione del

Gli USA hanno iniziato la loro “grande ritirata”?

Devo iniziare questo articolo ammettendo che “Biden” (nota: tra virgolette mi riferisco al “collettivo Biden”, non all’uomo chiaramente senile) mi ha sorpreso: sembra che la mia regola empirica personale sui presidenti USA (ognuno è anche peggio del suo predecessore) potrebbe non essere necessariamente applicabile nel caso di “Biden”. Questo non vuol dire che “Biden” non finirà per dimostrare che la mia regola empirica è ancora applicabile, solo che ciò che

Contrastare la strategia militare americana – Dimostrazione di fattibilità

La strategia militare americana si basa su tre presupposti. Già nel 1945 gli Stati Uniti davano per assodato che avrebbero avuto la superiorità aerea: sapevano che avrebbero dovuto lottare contro i Sovietici per averla, ma davano per certo che sarebbero stati in grado di ottenerla, almeno nelle aree dove serviva (superiorità aerea locale). La Corea ha opposto una certa resistenza, ma l’aeronautica militare americana ha potuto bombardarla senza particolari limitazioni.

Politica americana mainstream & finte rivoluzioni

Nel 2008 il pubblico americano era stufo della disastrosa politica dello status quo del Presidente George W. Bush, quindi ha unito le forze e ha eletto un candidato progressista che ha fatto campagna elettorale sulla speranza e sul cambiamento per rimpiazzare Bush. Ma non c’è stato alcun progresso: la speranza e il cambiamento non sono mai arrivati. Barack Obama ha continuato e ha ampliato in patria e all’estero tutte le

Ci dicono che l’unica opzione per gli Stati Uniti è un’escalation contro Russia e Cina: è una BUGIA, la distensione E’ possibile

Mentre l’impero centrato negli Stati Uniti si butta a capofitto in un’aggressione crescente contro Russia e Cina, la parola “distensione” è curiosamente assente dai discorsi mainstream. Ma questo è folle, e la distensione è senz’altro una alternativa. In una recente intervista del programma televisivo 60 Minutes con Norah O’Donnell, incentrata sulla politica dell’amministrazione Biden verso la Cina, il Segretario di Stato Tony Blinken ha parlato degli Stati Uniti come difensore

Quello che Biden non ha detto a proposito degli Stati Uniti in Afghanistan

Quando una decina di anni fa in un campo profughi di Kabul ho incontrato una bambina di 7 anni di nome Guljumma, mi ha raccontato che una mattina presto, mentre dormiva, delle bombe sono cadute sulla sua casa nella valle di Helmand, nel sud dell’Afghanistan. Con voce calma e impassibile, Guljumma ha descritto cosa accadde. Morirono alcuni suoi famigliari. Lei perse un braccio. Non erano state le truppe di terra

Il Russiagate va avanti e dà a Biden una copertura politica

L’ultima “valutazione” dell’intelligence americana di questa settimana ha cercato di trovare un modo per aumentare le sanzioni contro Russia e Iran, e per dare una copertura politica a Biden. Il rapporto [in inglese] non classificato e altamente politicizzato è stato ingoiato senza obiezioni dai media mainstream, che hanno svolto il loro doveroso ruolo di fare da tramite della disinformazione verso il pubblico americano, senza ombra di dubbio. Il paragrafo iniziale

Lo Zio Shmuel ha il cervello veramente fuso…

Ormai l’avete sentita tutti. Qui [in inglese] c’è la trascrizione ufficiale dell’intervista: George Stephanopoulos: Il Direttore della National Intelligence stamani se n’è uscito fuori con un rapporto in cui si afferma che Vladimir Putin autorizzò le operazioni durante le elezioni per denigrarla, sostenere il Presidente Trump, manomettere le nostre elezioni, dividere la nostra società. Che prezzo deve pagare? Presidente Joe Biden: Lui ne pagherà il prezzo. Io, noi avemmo una