Breaking news
  • No posts where found

America del Nord

Massacri: dove sono finiti tutti gli Islamisti?

Introduzione: Nel corso degli ultimi cinquant’anni e oltre, più di centoventicinque omicidi di massa/massacri hanno avuto luogo negli Stati Uniti, ma nessuno dei colpevoli è stato identificato come membro addestrato di un’organizzazione di terrorismo internazionale islamista. Un riesame dei massacri farà luce sulle specificità politiche, culturali e socio-psicologiche della società statunitense. La natura frequente e intensamente sanguinaria di questi assassinii di massa è un fenomeno precipuamente americano. L’alta percentuale di

Lasciate perdere Trump, che dire della pericolosa mentalità di Obama?

Questa settimana il Presidente americano Barack Obama ha guidato il coro denunciando lo sfidante Repubblicano alla Casa Bianca Donald Trump per avere una “mentalità pericolosa” riguardo al suo coinvolgimento dell’Islam nell’omicidio di massa in Florida.  Identificare il demagogo repubblicano come svitato è un compito piuttosto facile. Ma che dire dell’ancora più pericolosa mentalità del presidente Obama e di altre sezioni dell’establishment di Washington, che, ironicamente, si atteggiano a voci più ragionevoli

Un rapporto dell’FBI indica come nella sparatoria di Orlando non fosse stato ucciso nessuno prima dell’ingresso dello SWAT team nell’edificio: Giudice Napolitano

La notizia che avrebbe dovuto essere dappertutto sulle prime pagine è stata in qualche modo seppellita in mezzo a tutta la narrativa ufficiale che abbiamo dovuto sorbirci a proposito della sparatoria di Orlando. Il giudice Andrew Napolitano ha riferito a Fox News che un rapporto dell’FBI indica come nessuno sia stato ucciso fino alle 05:13 di domenica mattina, quando lo SWAT team della polizia aveva fatto irruzione nell’edificio. “Ecco quali

La carta Trump: un possibile effetto domino per la NATO

Mentre il mondo si siede e osserva gli orrori delle elezioni americane, molti non americani sono sollevati dal fatto di non dover scegliere tra Donald Trump e Hillary Clinton; e per ovvie ragioni. Hillary viene dalla vecchia scuola della politica americana; di male in peggio. Il suo “regno”, se ce la farà, sarà una vera continuazione dell’amministrazione Obama. Anche se apporterà dei cambiamenti, e anche se deciderà di mettere gli stivali

Il prossimo “Cyber attacco del governo russo” potrebbe essere un falso Golfo del Tonchino

Ieri il Washington Post ha pubblicato un pezzo che odorava di stronzate dalla prima all’ultima riga: Hacker del governo russo sono entrati nel DNC, rubate indagini su Trump. Gli hackers del governo russo sono entrati nella rete del DNC [Comitato Nazionale Democratico, NdT] e hanno avuto accesso all’intero database di ricerche sul candidato presidenziale del Partito repubblicano Donald Trump, secondo gli ufficiali della commissione e gli esperti di sicurezza che hanno

Il terrorismo americano colpisce Orlando – Non riguarda più solo i Siriani

Un orribile episodio di violenza si è verificato questa settimana, quando Omar Mateen dopo essere entrato in un night club di Orlando, Florida, ha aperto il fuoco, uccidendo 50 persone e ferendone molte altre. Lo stesso Mateen sarebbe poi caduto sotto il fuoco della polizia. Di primo acchito sembra un altro attacco “estremista”, un’estensione della perenne “guerra al terrore” dell’America. In realtà, quella di Mateen è una variante della funzione

Il massacro di Orlando: le bugie, la strumentalizzazione e le domande non fatte

La pista del “omofobo islamico” ha mangiato la polvere in meno di 24 ore. Fin dall’inizio, non avevo capito il significato della sparatoria di Orlando e lo avevo detto chiaro e tondo in un articolo che avevo postato il giorno stesso. Potete leggere il testo completo qui, per cui mi limiterò a riportare solo mia la conclusione finale: questo fatto non ha nulla a che vedere con l’omosessualità, l’Islam o

Tutti subiscono i costi della guerra degli USA contro la Russia, anche l’America

Le sanzioni statunitensi, non solo stanno danneggiando tutti, USA compresi, ma non stanno ottenendo nulla. L’organo del Dipartimento di Stato USA Radio Free Europe/Radio Liberty (RFE/RL) ha comunicato ai lettori la messa in opera di un’azione diplomatica da parte degli Stati Uniti, finalizzata ad “esortare” l’Europa al mantenimento delle sanzioni contro la Russia. Se da un lato gli USA proclamano che la necessità di queste sanzioni sia evidente, e che

Le perdite umane non hanno importanza: i teatri di guerra ed il complesso militare-industriale degli Stati Uniti

Anche se la geopolitica è molto più complicata dei semplici contratti per la difesa, è importante capire che cosa ottengano esattamente gli Stati Uniti da azioni belliche che non danno loro alcun vantaggio nel medio come nel lungo periodo. Per un’analisi più approfondita di questa apparente mancanza di motivazioni, leggete questo articolo di Fort Russ: “Il realismo di Israele crea una politica americana irrazionale contro la Russia in Medio Oriente“.

Un monito russo

Noi, i sottoscritti, siamo Russi che vivono e lavorano negli Stati Uniti. Abbiamo constatato, con crescente ansietà, come l’attuale indirizzo politico di Stati Uniti e NATO ci abbiano messo su una rotta di collisione estremamente pericolosa con la Federazione Russa e anche con la Cina. Molti Americani, rispettati e patriottici, come Paul Craig Roberts, Stephen Cohen, Philip Giraldi, Ray McGovern e molti altri, hanno già messo in guardia su una