Breaking news
  • No posts where found

Europa

Le nuove accuse al Kosovo sono un ricordo delle atrocità di guerra di Bill Clinton in Serbia

Il combattente per la libertà preferito dal presidente Bill Clinton è stato appena incriminato per omicidio di massa, tortura, rapimento e altri crimini contro l’umanità. Nel 1999, l’amministrazione Clinton lanciò una campagna di bombardamenti di 78 giorni che uccise fino a millecinquecento civili in Serbia e Kosovo, in quella che i media americani descrissero con orgoglio come una crociata contro il pregiudizio etnico. Quella guerra, come la maggior parte delle

La lenta disintegrazione della Repubblica in Francia

La prima ondata In Francia, nell’ottobre 2018, c’è stata la protesta di una donna non udente proveniente da una cittadina di campagna. I leader del Paese e i media sono rimasti sbalorditi nello scoprire l’esistenza di una classe sociale che non conoscevano e che non avevano mail incontrato prima: una piccola borghesia esclusa dalle grandi città e relegata nel “deserto francese”, un’area in cui i servizi pubblici sono limitati e

La guerra nel Nagorno Karabakh porrà fine all’amicizia tra Russia e Turchia

Alla vigilia di nuovi scambi di artiglieria al confine tra Azerbaigian e Armenia, ci sono morti da entrambe le parti. Tutti questi sono echi della vecchia guerra per il Nagorno Karabakh. Apparentemente, dopo aver perso allora, Baku è di nuovo pronta a vendicarsi. Resta solo da capire perché questo sta accadendo proprio ora. Il Ministro degli Esteri dell’Azerbaigian in questa occasione ha dichiarato quanto segue: Il punto è che il

Per premere sulla Russia, la Polonia probabilmente accoglierà i soldati statunitensi ritirati dalla Germania

Secondo i media americani, il Presidente degli Stati Uniti Donald Trump sta progettando di ritirare 9.500 soldati dalla Germania. Il numero di truppe statunitensi in Germania sarà quindi ridotto a circa 25.000 in un momento in cui però Varsavia insiste per il rafforzamento della presenza militare americana in Polonia. La Germania paga 35.000 soldati stranieri e di 17.000 lavoratori civili, e relative famiglie per la permanenza nel paese europeo. Tra

Il capo della politica estera dell’UE chiede un riavvicinamento con la Russia e la fine del “sistema a guida statunitense”

Un recente discorso del principale diplomatico dell’UE, Josep Borell, lascia intravedere un nuovo ordine politico filo-asiatico nel continente europeo, mentre la Germania si prepara a guidare il blocco di 27 nazioni. Ma è solo uno stratagemma per frenare l’egemonia cinese? Un cambiamento significativo nell’equilibrio globale del potere potrebbe essere all’orizzonte, se vogliamo credere alle dichiarazioni fatte dal capo della politica estera europea Josep Borrell, mentre si rivolgeva ad un gruppo

Una fiaba europea: 75 anni di liberazione

Per la 75° volta consecutiva l’Europa celebra la sua liberazione. Non c’è dubbio che la Germania nazista sia stata battuta. Ma cosa fanno le truppe americane in un continente che dovrebbe essere libero, e che chiaramente non è l’America? Dal 1941 al 1945 oltre 400.000 militari americani persero la vita nella lotta contro una potenza occupante che infieriva orribilmente contro ebrei e altri civili innocenti. Questi uomini hanno compiuto il

La Risoluzione e l’Inganno

Il 19 Settembre 2019 è stata approvata una risoluzione del Parlamento Europeo che parifica il Nazismo al Comunismo tra le dittature del XX secolo e stabilisce l’Unione Sovietica come paese corresponsabile dello scoppio della Seconda Guerra Mondiale in quanto firmataria del patto Molotov-Ribbentrop, che avrebbe provocato il conflitto. Può sembrare che una deliberazione di questo genere sia una semplice riflessione accademica o l’inutile perdita di tempo di un’istituzione senza niente

Gruppo filo-NATO ammette di non preoccuparsi del disprezzo di Orbán per i “valori occidentali”, finché l’Ungheria contrasterà la Russia

La missione descritta della NATO stessa come espressione dei “valori democratici comuni” della comunità transatlantica ha sempre provocato scetticismo a Mosca. Ora un ex ambasciatore americano presso l’alleanza ha confermato le ipotesi russe. Mentre la Russia ha sempre sostenuto che la qualità più importante per i membri europei è essere disposti a sottomettersi al controllo di Washington, la NATO si definisce come protettrice e promotrice della democrazia e della libertà.

Quando l’intera Europa si schierò dalla parte dei Nazisti contro l’URSS

Qualche parola sull’Unione Europea di Hitler Alla vigilia del 75° anniversario della vittoria del popolo sovietico nella Grande Guerra Patriottica, articoli dedicati a questa guerra appaiono non solo in Russia. La versione spagnola di “ABC” ha pubblicato l’altro giorno un articolo [in spagnolo] intitolato “Un terribile cammino e morte sul ghiaccio: la marcia della Divisione Blu verso l’inferno russo”, glorificando la partecipazione degli spagnoli all’aggressione di Hitler contro l’URSS. “ABC”

Praga non mostra alcun rispetto per i russi che l’hanno liberata dal Nazismo.

Il Maresciallo Ivan Konev, il famoso generale sovietico responsabile della liberazione della maggior parte dell’Europa orientale dalla Germania Nazista e dei suoi alleati è stato una figura di rispetto. È stato immortalato in una serie di busti e statue che possono essere trovati in tutta l’Europa orientale, tra cui Russia, Ucraina, Polonia e Slovacchia. Tuttavia, la Repubblica Ceca è un paese che sta iniziando ad agire in modo molto “non