Breaking news
  • No posts where found

Medio Oriente

S-300 in azione a Damasco, l’aviazione iraniana viene schierata nella base aerea T4 presso Homs, gestita dalla Russia

La guerra siriana sta rotolando giù come una palla di neve in inverno, con sempre più elementi nuovi che si aggiungono al conflitto. La presenza di nuove armi e nuove truppe peserà come un macigno sulle diverse formazioni impegnate sul terreno e su tutti gli sforzi diplomatici tesi a far terminare la guerra in Siria. Un alto ufficiale del Centro Operativo Unificato di Damasco (dove si coordinano Russia, Iran, Siria

In realtà la Russia sta vincendo in Siria

Anche se non ci sono stati passi da gigante, la Russia sta facendo progressi nel raggiungimento dei suoi obbiettivi, sia militari che diplomatici.   Fin dall’inizio dell’intervento militare russo in Siria c’è stato un costante martellamento di critiche. Molte di queste si basano su una sorta di principio di “equivalenza”, asserendo che quello che la Russia sta facendo è uguale, se non peggio, di tutto quello che gli Stati Uniti

La Turchia si è nascosta sotto l’ombrello della NATO

L’abbattimento del bombardiere russo nei cieli sopra la Siria e la conseguente accusa che le nostre forze aeree hanno violato lo spazio aereo turco ha portato il mondo sul baratro di una grande guerra mai vista fin dai tempi della crisi dei missili cubani. Non c’è nulla di sorprendente, anche se per gli ultimi due anni, Mosca e Ankara hanno costantemente dimostrato cordialità reciproca. Ma era la cordialità degli avversari

Agguato al Jet Russo: non una Sfida ma un Colpo di Coda

– Marco Bordoni – C’è un paese che ha un glorioso passato imperiale, messo in crisi dall’esplosione dei nazionalismi dell’ottocento. Un paese che ha cercato a lungo di europeizzarsi ed occidentalizzarsi ma che è stato messo alla porta con condiscendenza dall’Unione Europea che, dopo avere molto promesso e altrettanto preteso, ha trasformato in emarginante ogni modulo astrattamente integrativo. Un paese che alla fine ha trovato un equilibrio attorno ad una

Caccia russo abbattuto: un’azione di guerra della NATO

Nonostante la sfacciata provocazione, la Russia deve continuare verso il traguardo. Praticamente sotto i riflettori, la Turchia ha rivendicato l’abbattimento di un caccia russo Sukhoi Su-24. Il New York Times, nel suo articolo: “La Turchia abbatte un caccia russo presso il confine siriano” dice che: Martedì, aerei da combattimento turchi di pattuglia presso il confine siriano hanno abbattuto un caccia russo entrato nello spazio aereo turco, una escalation temuta da

Un Aviatore è Salvo!

Iniziamo la giornata con una buona notizia. Il Ministro della Difesa Shoigu ha annunciato questa mattina che le operazioni di recupero del navigatore del SU 24 abbattuto, il Capitano Konstantin Murahtin, sono state coronate da successo. L’aviatore è stato tratto in salvo dall’esercito siriano e accompagnato alla base russa di Hmeymim, vicino Latakia, attorno alle 03:40. E’ vivo e sta bene. L’operazione è durata 12 ore e Shoigu ha personalmente

La Credibilità Turca è in Discussione

Su-24 russo abbattuto. Il Ministero della Difesa Russo nega la violazione dello spazio aereo turco e dice di poterlo provare. L’ordine di abbattimento è giunto direttamente dal primo ministro Turco. Secondo i Russi il Su-24 volava a 6.000 metri ed erano presenti 2 F16 tuchi. E’ la prima volta nella storia che un paese NATO abbatte un velivolo russo / sovietico, compiendo quello che a tutti gli effetti è un

Settimana N° 7 dell’intervento russo in Siria: un drammatico aumento di intensità

Questa settimana è stata chiaramente dominata da due eventi principali: l’attacco terroristico a Parigi e la dichiarazione ufficiale russa sul fatto che il Volo Kogalymavia 9268 è veramente precipitato a causa di una bomba. Primo, vorrei far notare che, contrariamente a tutte le previsioni sul fatto che Russi, Egiziani e tutte quante le nazioni coinvolte avrebbero mentito e cercato di insabbiare questo attacco, ciò non è successo. Russi ed Egiziani sono

Nota per i Media Mainstream: Jihadi John NON è il nome di una base aerea siriana

Ecco un gioco interessante che potete fare usando nient’altro che Google. Andate sul maggior motore di ricerca del mondo e digitate “Kuweires”. Noterete che apparirà un certo numero di siti web, dove si parla di una incredibile vittoria riportata dall’esercito siriano, sostenuto dalla copertura aerea russa, in cui è stata liberata una base aerea di importanza strategica, sotto assedio da parte dell’ISIS da due anni e mezzo, con centinaia di