Breaking news
  • No posts where found

Medio Oriente

Voci su un attacco alla base aerea russa di Khmeimin in Siria – analisi iniziale (aggiornamento)

Hanno cominciato a diffondersi delle voci su un presunto attacco alla base aerea russa di Khmeimin in Siria. Ho analizzato le fonti di informazione russe, e qui di seguito è ciò che ho trovato fino ad ora: Un attacco c’è stato E’ stato un attacco combinato di lanciarazzi multipli e mortai I razzi sono stati tutti intercettati e distrutti I colpi di mortaio sono arrivati a destinazione e hanno causato

Le politiche statunitensi verso l’Iran

Zach Carter      @ZachJCarter 10:10 – 6 gen 2018   Piuttosto che commentare sulla politica interna iraniana, trovo molto più istruttivo riflettere sulle politiche statunitensi che hanno plasmato (e torturato) l’Iran per oltre sessant’anni. Nel fare ciò, noi potremo immaginare le risposte di un Occidente responsabile alle molto reali rimostranze degli iraniani. Zach Carter      @ZachJCarter 10:10 – 6 gen 2018   Nel 1953, la CIA rovesciò il

Le proteste in Iran

  Sayed Mousavi 🇮🇷🇵🇸       @SayedMousavi7  17:49 – 31 dic 2017 Mentre esistono in Iran legittime lagnanze e proteste su questioni interne, alcuni “analisti dell’Iran” di Twitter stanno veramente diventando sovra-eccitati. Perciò andiamo un po’ a fondo della questione, chi c’è nelle strade, quanto grandi sono veramente le folle e chi ci si sta unendo…   Sayed Mousavi 🇮🇷🇵🇸       @SayedMousavi7   Le proteste stanno andando avanti da tre giorni.

Rivoluzione iraniana, l’ultimo siluro del dollaro per affondare il multipolarismo

Nelle prossime settimane potrebbero essere inaugurati gli scambi di un nuovo titolo future al nuovo Shanghai International Energy Exchange. Il future in questione si chiama Medium Sour Crude Oil. E ha la caratteristica di essere quotato e scambiato in yuan, non in dollari. Il medium sour crude oil, al quale il future fa riferimento, viene estratto soprattutto da giacimenti che si trovano in Russia, Iran, Iraq, Venezuela, Malaysia, Nigeria. Tra

Perché Erdogan vuole di nuovo Assad fuori dai giochi?

  EHSANI2        @EHSANI22 15:19 – 28 dic 2017 Molti si stanno chiedendo perché Erdogan, di punto in bianco, abbia deciso di attaccare pubblicamente Assad e di affermare che è “impossibile continuare con lui al potere”. In parole povere, ora Erdogan sembra essere pienamente cosciente di quanto Damasco sia determinata circa il prossimo capitolo della guerra in Siria.   EHSANI2        @EHSANI22   Date le apparentemente

L’Uomo dell’anno 2018 per il Saker: tutti quelli che hanno dato la loro vita per la Siria

È un paio d’anni che “fingo di essere il Time magazine”, ma quest’anno non avevo candidati chiari, almeno non uno originale. Avrei potuto rielencare nomi già fatti, ma in qualche modo volevo trovare qualcuno che mi ispirasse davvero. E poi oggi ho visto questa foto sul sito di Colonel Cassad [in russo]: La foto mostra ciò che Colonel Cassad ha definito “una versione siriana del Reggimento Immortale” in Russia. Non appena

Il Washington Post chiama all’indignazione per la guerra allo Yemen – ma nasconde il ruolo americano in essa

Giusto in tempo per il Natale, il Washington Post piange per l’epidemia di colera in Yemen causata dalla guerra americano-saudita contro il paese: Un milione di persone hanno contratto il colera in Yemen. Dovreste essere indignati. [in inglese] Il Comitato Internazionale della Croce Rossa ha riferito oggi che un milione di yemeniti hanno contratto il colera negli ultimi 18 mesi. Più di 2.000 sono morti, secondo le Nazioni Unite. È

La morte della “diplomazia della spola” di Kissinger: il fattore Gerusalemme

Di Ghassan Kadi per il Saker Nessuno ha servito l’Impero Americano come Henry Kissinger, e con tutta la letteratura – sceneggiature comprese – che è stata scritta su di lui e sulla sua “diplomazia della spola”, probabilmente nessuno ha descritto la sua migliore performance come Patrick Seale nel suo libro “Asad”. Dopotutto, anche se Kissinger è sempre ricordato come il diplomatico che ha negoziato i termini dell’accordo coi Vietcong, la

La Russia ha le chiavi per una soluzione negoziata in Siria, ma in Iran sono preoccupati

Mosca è l’unico attore che partecipa ad entrambi i negoziati di Ginevra e di Astana, ma Tehran è sospettosa La città termale russa di Sochi [in inglese], nota per le sue attrazioni turistiche, si è recentemente trasformata in un centro diplomatico, con il dialogo sulla crisi siriana che ora agisce da sua principale attrazione internazionale. Il 22 novembre i presidenti di Russia, Iran e Turchia hanno partecipato ad un summit

Un breve commento sull’ultimo casino di Trump

Ok, lo ammetto: Trump è un agente russo. Ci ho provato davvero, davvero tanto, a negarlo ma ora non posso più farlo perché sono di fronte ad una incontrovertibile verità: solo un agente russo infiltrato nei più alti ranghi del potere negli USA, la Casa Bianca, potrebbe fare quello che Trump ha fatto un paio di giorni fa, e cioè riconoscere Gerusalemme capitale di Israele. E’stata davvero la cosa più