Breaking news
  • No posts where found

Siria

In realtà la Russia sta vincendo in Siria

Anche se non ci sono stati passi da gigante, la Russia sta facendo progressi nel raggiungimento dei suoi obbiettivi, sia militari che diplomatici.   Fin dall’inizio dell’intervento militare russo in Siria c’è stato un costante martellamento di critiche. Molte di queste si basano su una sorta di principio di “equivalenza”, asserendo che quello che la Russia sta facendo è uguale, se non peggio, di tutto quello che gli Stati Uniti

La Turchia si è nascosta sotto l’ombrello della NATO

L’abbattimento del bombardiere russo nei cieli sopra la Siria e la conseguente accusa che le nostre forze aeree hanno violato lo spazio aereo turco ha portato il mondo sul baratro di una grande guerra mai vista fin dai tempi della crisi dei missili cubani. Non c’è nulla di sorprendente, anche se per gli ultimi due anni, Mosca e Ankara hanno costantemente dimostrato cordialità reciproca. Ma era la cordialità degli avversari

Caccia russo abbattuto: un’azione di guerra della NATO

Nonostante la sfacciata provocazione, la Russia deve continuare verso il traguardo. Praticamente sotto i riflettori, la Turchia ha rivendicato l’abbattimento di un caccia russo Sukhoi Su-24. Il New York Times, nel suo articolo: “La Turchia abbatte un caccia russo presso il confine siriano” dice che: Martedì, aerei da combattimento turchi di pattuglia presso il confine siriano hanno abbattuto un caccia russo entrato nello spazio aereo turco, una escalation temuta da

Un Aviatore è Salvo!

Iniziamo la giornata con una buona notizia. Il Ministro della Difesa Shoigu ha annunciato questa mattina che le operazioni di recupero del navigatore del SU 24 abbattuto, il Capitano Konstantin Murahtin, sono state coronate da successo. L’aviatore è stato tratto in salvo dall’esercito siriano e accompagnato alla base russa di Hmeymim, vicino Latakia, attorno alle 03:40. E’ vivo e sta bene. L’operazione è durata 12 ore e Shoigu ha personalmente

La Credibilità Turca è in Discussione

Su-24 russo abbattuto. Il Ministero della Difesa Russo nega la violazione dello spazio aereo turco e dice di poterlo provare. L’ordine di abbattimento è giunto direttamente dal primo ministro Turco. Secondo i Russi il Su-24 volava a 6.000 metri ed erano presenti 2 F16 tuchi. E’ la prima volta nella storia che un paese NATO abbatte un velivolo russo / sovietico, compiendo quello che a tutti gli effetti è un

Settimana N° 7 dell’intervento russo in Siria: un drammatico aumento di intensità

Questa settimana è stata chiaramente dominata da due eventi principali: l’attacco terroristico a Parigi e la dichiarazione ufficiale russa sul fatto che il Volo Kogalymavia 9268 è veramente precipitato a causa di una bomba. Primo, vorrei far notare che, contrariamente a tutte le previsioni sul fatto che Russi, Egiziani e tutte quante le nazioni coinvolte avrebbero mentito e cercato di insabbiare questo attacco, ciò non è successo. Russi ed Egiziani sono

Nota per i Media Mainstream: Jihadi John NON è il nome di una base aerea siriana

Ecco un gioco interessante che potete fare usando nient’altro che Google. Andate sul maggior motore di ricerca del mondo e digitate “Kuweires”. Noterete che apparirà un certo numero di siti web, dove si parla di una incredibile vittoria riportata dall’esercito siriano, sostenuto dalla copertura aerea russa, in cui è stata liberata una base aerea di importanza strategica, sotto assedio da parte dell’ISIS da due anni e mezzo, con centinaia di

La Russia aumenta notevolmente le sue operazioni anti-Daesh

Come avevo già predetto un paio di settimane fa, la Russia ha aumentato notevolmente il ritmo delle sue operazioni contro il Daesh. Primo, la Russia ha utilizzato tutti i suoi più potenti bombardieri a lunga autonomia (Tu-22M3, Tu-95MC e anche il Tu-160) per colpire gli obbiettivi del Daesh con bombe a caduta e missili da crociera. Guardate questo filmato veramente molto esplicativo. Secondo, la Russia ha annunciato che 25 bombardieri

Situazione Militare in Siria al 16 Novembre 2015

Fronte nord di Latakia. Pochi giorni fa avevamo comunicato la liberazione di Ghmam, località strategica perché spalanca le porte della zona settentrionale della provincia. Ieri sera le truppe siriane della 103° brigata della GR (Guardia Repubblicana) assieme alle milizie siriane NDF e ad altre formazioni di combattenti siriani locali, hanno ingaggiato battaglia con le forze terroriste aprendosi la strada con aspri combattimenti e conquistando diverse alture strategiche che dominano alcune