Breaking news
  • No posts where found

Militaria

Parte 3 – Navi per il soccorso ai sottomarini nella Marina russa

Sto scrivendo mentre è in corso una ricerca internazionale per il sottomarino argentino ARA “San Juan”. Segnalato l’ultima volta 250 Km al largo della costa della Patagonia, il “San Juan”, un classe TR-1700 costruito in Germania, era già scomparso da 48 ore quando le autorità navali hanno fatto un annuncio pubblico. Questo accade nel momento in cui, la settimana precedente, i sommozzatori della Marina Russa sono riusciti a immergersi fino

PARTE 2 – Verso una marina russa “corvetta-centrica”

Nel precedente articolo “Parte 1: fregate della marina russa”, abbiamo visto come il ridimensionamento delle navi da combattimento negli ultimi 30 anni sia il risultato di un enorme balzo in avanti tecnologico e progettuale. Sostanzialmente, la moderna capacità navale russa è quella di avere una capacità effettiva di lancio di missili di circa 600-1000 Km dal luogo in cui si trova la nave, appoggiata da una serie sovrapposta di sistemi

La flotta russa PARTE 1: verso una marina “fregata-centrica”

Dopo una breve pausa dovuta a motivi professionali, qui sotto troverete la prima parte di un articolo sulla Marina russa, sull’ultima generazione di fregate e sui progressi tecnologici che hanno permesso alla potenza marittima russa di essere notata a livello globale. Questo articolo è in parte una risposta all’articolo originale, “Le nuove fregate con capacità oceaniche diventeranno le navi di superficie principali della marina russa”, risalente a quest’estate, scritto da

Sfatare due miti americani

Ci sono due miti, profondamente impressi nelle menti della maggior parte degli americani, che sono estremamente pericolosi e che possono portare ad una guerra con la Russia. Il primo mito è il mito della superiorità militare statunitense. Il secondo mito è il mito dell’invulnerabilità statunitense. Credo che sia fondamentale sfatare questi miti prima che finiscano per costare milioni di vite e indicibili sofferenze. Nel mio ultimo pezzo per Unz Review

L’esperienza in Siria stimola un grande progresso nella modernizzazione delle forze armate russe

La Siria è diventata un banco di prova per le armi russe. L’occasione non è stata persa e le lezioni imparate sono state prese in considerazione per rendere le forze armate più efficienti. Gli aerei Sukhoi Su-35, Su-30S, Su -30SM e Su-30 sono stati testati in battaglia e modernizzati [in Inglese]. I missili da crociera Kh-101 e Kalibr [in Inglese] lanciati dal Mar Caspio hanno eseguito attacchi a lungo raggio di

Lo spazioplano top secret Yu-71: dalla Russia a New York in 40 minuti

Questo velivolo top secret, conosciuto come Yu-71, fa parte del Progetto 4202 del programma missilistico russo [in Inglese]. Ci sono molte poche informazioni sul velivolo, ma presumibilmente l’aereo può sviluppare velocità fino a 11.000 chilometri orari, e pare che questo aerorazzo sia anche super-maneggevole e in grado di entrare nello spazio orbitale. I test del nuovo velivolo continuano, anche se si ritiene già che con l’aiuto di questo nuovo tipo di

Buk-M3: entra in servizio la formidabile arma russa per la difesa aerea

Il nuovo sistema russo per la difesa aerea a breve-medio raggio Buk-M3 è entrato [in Inglese] in servizio. Il sistema ha sostenuto i test finali [in inglese] a giugno. L’M3 è una modernizzazione dei precedenti sistemi Buk, con un hardware completamente nuovo e capacità di molto migliorate. Il sistema altamente mobile è progettato per colpire bersagli aerei, terrestri e marittimi, inclusi aerei tattici e strategici, elicotteri, missili balistici a corto raggio, missili

Il Su-34 si diffonde nel mondo dopo le impressionanti prestazioni in Siria

L’eccellente cacciabombardiere Sukhoi Su-34 (nome in codice NATO Fullback [Terzino]) – il cavallo di battaglia russo in Siria – ha catturato la maggior parte dell’attenzione ed è giusto che sia così. È stato soprannominato Anatra Infernale dalla NATO durante la campagna siriana. E’ il più avanzato velivolo da attacco al suolo che la Russia ha impiegato nella sua campagna mediorientale – il primo dispiegamento in combattimento del jet al di fuori

Gorlovka celebra la giornata delle Forze Aviotrasportate

Il 2 Agosto la popolazione di Gorlovka ha celebrato la giornata delle Forze Aviotrasportate. I paracadutisti russi, i VDV, hanno sempre indossato un berretto blu e una maglietta a maniche lunghe con strisce blu orizzontali, detta anche telnyashka. Sono soprannominati “desant” (russo: Десант) dal francese “Descente”. Queste le immagini della celebrazione del giorno delle Forze Aviotrasportate a Gorlovka, nella Repubblica di Donetsk, in Donbass. Oleg Gasmanov: No one, but us

Uno sguardo alle moderne Forze Aviotrasportate Russe

I VDV russi sono in assoluto un fenomeno unico e non devono essere con­fusi con qualsiasi altra forza aerea. Per prima cosa, i VDV sono completamente meccanizzati. Così mentre sono “paracadutisti”, questi paracadutisti non svolgono solo funzioni da fanteria leggera (come, ad esempio, l’82° Divisione Aviotrasportata USA), ma rap­presentano anche una forza mobile meccanizzata, disponendo di *molta* potenza di fuoco. L’artiglieria di cui dispone il VDV comprende sistemi come la