Breaking news
  • No posts where found

Militaria

Il progettista dell’ F-16 conferma la versione russa dell’attacco turco

L’articolo è preso in prestito da un altro sito. Il Saker tedesco ha deciso di pubblicarlo, in via eccezionale, in quanto costituisce un riassunto molto accurato delle tematiche inerenti all’abbattimento del Su-24 russo. L’articolo in questione riporta la testimonianza del progettista degli F-16, Pierre Sprey, a favore della versione russa dell’incidente. In una conferenza del Cremlino, aperta ai giornalisti di tutto il mondo, il presidente Vladimir Putin aveva infatti dichiarato

Heavy Metal – Domande e risposte

Saluti alla comunità Saker e ai suoi lettori. Partecipo con molto piacere a questa sessione di domande e risposte con voi. Dalla comunità sono arrivate domande molto interessanti e, per facilitare la lettura, le ho raggruppate per argomenti. Inoltre, alcuni dei lettori sono stati così gentili da rispondere essi stessi ad alcune delle domande. In questi casi ho solo corretto qualcosa e aggiunto i commenti, se necessario. Prima di incominciare,

Heavy Metal – Un confronto fra i mezzi corazzati russi e occidentali

Prefazione a cura di Saker: Kakaouskia è stato un collaboratore costante di questo blog e, quando ho capito che aveva esperienza diretta dei blindati occidentali e russi (in quanto ufficiale di carriera), gli ho chiesto di scrivere un breve “messa a confronto” fra i progetti di queste due scuole molto diverse di progettazione ed uso dei mezzi corazzati. Spero che troverete interessante questa iniziativa e, se così fosse, potrei cercare

Il Valore della Scienza nella Previsione Strategica

Alla fine di gennaio [2013 n.d.t. ] si è tenuta la sessione principale dell’Accademia di Scienze Militari. Ai lavori hanno partecipato rappresentanti del governo ed esponenti della direzione delle Forze Armate della Federazione Russa. Segnaliamo alla vostra attenzione i passi principali della relazione del Capo di Stato Maggiore Generale delle Forze Armate della Federazione Russa sul tema: “le principali tendenze di sviluppo delle forme e delle modalità di impiego delle

La Difesa Anti-balistica Strategica Russa

Ospitiamo oggi, con il gentile consenso della testata Analisi Difesa, una interessantissima analisi di Mirko Monteni avente ad oggetto i progressi della Federazione Russa nello sviluppo di un proprio “scudo” in risposta ai tentativi simili posti in atto dagli Stati Uniti dopo la denuncia unilaterale, da parte degli Americani, del trattato ABM. Vista la lunghezza dell’analisi riportiamo qui una presentazione dell’autore, invitando i lettori a scaricare il testo integrale disponibile

La NATO Scalda i Motori: attivazione di un Battaglione Carri Tedesco

La Germania ha pianificato l’attivazione di un battaglione carri che esiste solo sulla carta, nel tentativo di migliorare le proprie capacità militari. Il Ministro della Difesa ha parlato di “variazione dello stato di sicurezza” nel corso del conflitto in Ucraina. In un’intervista pubblicata su una rivista venerdì, il Ministro della Difesa Ursula von der Leyen, ha detto che il battaglione di base a Bergen, nello Stato della Bassa Sassonia, riceverà

Perché l’F-35 è un facile bersaglio dei Flankers

Superato dalla famiglia dei caccia Su-30 in termini di capacità belliche e caratterizzato da difetti critici di progettazione, l’F-35 statunitense è sulla via dell’obsolescenza – creando vuoti nelle difese aeree occidentali.   I progettisti volevano fare dell’F-35 il più letale degli aerei da caccia di tutti i tempi; ma il predatore si è trasformato in preda, letteralmente. In tutti gli scenari simulati con l’F-35 posto di fronte al russo Su-30

Ramzan Kadyrov offre a Putin le sue *personali* forze speciali volontarie cecene.

Un video incredibile, grazie mille alle persone che lo hanno tradotto in meno di 24 ore!! Il video inizia mostrando le forze speciali cecene equipaggiate con uniformi russe militari e delle forze speciali di polizia. Notate che l’età media sembra essere attorno ai trent’anni. Li possiamo chiamare duri combattenti con esperienza. Verranno impiegati da Putin e in caso affermativo, come? È difficile stabilirlo. Probabilmente non in modo ufficiale, ma dal

Caccia italiani nel Baltico per operazioni Nato anti-Russia

Articolo di Antonio Mazzeo, 31-12-2014 Il 27 dicembre quattro caccia multiruolo Eurofighter “Typhoon” dell’Aeronautica militare italiana sono giunti nella base lituana di Siauliai per partecipare alla Baltic Air Patrol (BAP), l’operazione Nato di “pattugliamento” e “vigilanza” dei cieli del Baltico e di “difesa” aerea di Estonia, Lettonia e Lituania, partner orientali dell’Alleanza atlantica. I caccia, gli equipaggi e il personale impegnati nella missione che durerà sino all’aprile 2015 provengono dal 4°

Unione Europea e Ucraina: coloro che hanno più da perdere dalle attuali politiche statunitensi contro la Russia

  Sabato 13 Dicembre  2014 Cari amici , ho appena ricevuto una email da Larchmonter 445 che solleva una domanda molto importante. Con il suo permesso, ho deciso di condividere la mia risposta con tutti voi. The Saker  **** LA DOMANDA: L’Ucraina sta diventando una base NATO/USA priva di un’economia sostenibile, con un governo criminale completamente corrotto. Ha perso le caratteristiche di uno Stato. Sappiamo che l’economia non funziona, ed