Breaking news
  • No posts where found

Mondo

Le previsioni di Cassad per il 2016

Ecco che il 2015 sta giungendo al termine. È stato più difficile del 2014, ma prevedo che lo sarà meno del 2016 che sta per cominciare. Il paese entra nel terzo anno di guerra fredda con gli Stati Uniti, guerra di cui per ora non si vedono né conclusione, né limiti. Le guerra in corso in Siria ed Ucraina sono in equilibrio. Che cosa mi è rimasto impresso dell’anno che

Panoramica della Situazione sulla Grande Scacchiera

Oggi vi presenteremo una panoramica della situazione sulla grande scacchiera, poiché moltissimi eventi in rapida successione avvengono ultimamente nei fronti della terza (o quarta, se si vuole contare altrimenti) guerra mondiale. Scatole nere Le forze speciali russe, che dapprima erano state capaci di salvare il secondo pilota del Sukhoj abbattuto dai Turchi, sono quindi riuscite anche a trovare la scatola nera. Ieri il ministro della difesa S. Shoigu l’ha portata

Il vergognoso tentativo di Foreign Policy di presentare il bombardamento di Hiroshima come benefico per il Giappone

L’articolo provocatorio della rivista Foreign Policy fa sembrare i bombardamenti nucleari una manna dal cielo, e che gli Stati Uniti abbiano deciso per ragioni umanitarie di salvare il Giappone dal comunismo. Il mese di agosto è ricordato con tristezza come l’unica volta al mondo in cui sono state utilizzate armi nucleari in guerra, laddove gli Stati Uniti hanno sganciato due bombe che hanno ucciso più di 200.000 persone in due

La profezia di Alexander Zinov’ev, dissidente nell’URSS, dissidente nell’Impero Globale

Una serata di rilassamento, combattuto tra rileggermi Cime Abissali di Zivov’ev oppure guardare e riguardare uomini con piedi con patate, mi viene voglia di presentarvi qualcosa del buon Aleksandr Aleksandrovich. Aleksandr Aleksandrovich Zinov’ev nasce a Kostroma nel 1922, e diventa presto un filosofo di fama, ovviamente, dato che trattasi di una persona estremamente intelligente, diviene presto molto critico nei confronti del potere sovietico, e viene costretto all’esilio. Questo gli garantirà una

La Grande Illusione di Stratfor: Russia distrutta entro il 2025

– Marco Bordoni – Lo scorso febbraio l’influente società texana specializzata in pubblicistica su materie geopolitiche e consulenza analitica e investigativa Stratfor ha pubblicato una previsione sugli sviluppi delle tendenze globali per il decennio 2015 – 2025. Si tratta di un rapporto estremamente sintetico e diretto, che in sostanza riprende la visione già presentata da George Friedman, Presidente di Stratfor, consigliere del Dipartimento di Stato, al Chicago Council on Global

La democrazia è una farsa – l’esempio greco in cifre

Il 61.31 % del popolo greco ha respinto quasi lo stesso pacchetto di misure di austerità che poi Alexis Tsipras ha improvvisamente accettato. E ora la stragrande maggioranza dei parlamentari greci ha votato a favore del pacchetto di riforme, con 229 voti ‘SI’, 64 voto ‘NO’, e 6 astenuti. Dal momento che le 6 astensioni non rispettano la volontà del popolo, che chiaramente ha respinto queste misure, a mio avviso

La storia di due ordini mondiali

Cari amici, sono stato contattato di recente da Ron Unz che mi ha chiesto se ero d’accordo a scrivere un articolo per The Unz Review. Ho risposto che ero certamente interessato, ma gli scrissi per avvertirlo che ho una propensione molto forte al “crimethink” e che avevo la necessità di sapere se c’erano argomenti dalla quale avrei dovuto tenermi alla larga. La sua risposta è stata esattamente quella che volevo

Se foste Lavrov o Putin, chi scegliereste come interlocutore in occidente?

Il comunicato unitario del G7 – l’ennesimo esercizio di fantasia Non pubblicherò il testo integrale, che si può leggere qui, ma solo il passaggio sulla “politica estera” che ha a che fare con l’Ucraina: Trovare una Soluzione al Conflitto in Ucraina Rinnoviamo la nostra condanna alla annessione illegale della Penisola di Crimea da parte della Federazione Russa e riaffermiamo la nostra politica di non – riconoscimento. Rinnoviamo il nostro pieno

Anglo-Sionisti 1: Mondo 0 – Punteggio finale?

Tutto ciò è fin troppo ridicolo, fin troppo osceno e ovviamente troppo grottesco per essere vero. Nonostante questo è così. Gli AngloSionisti se la sono presa così tanto per la sconfitta americana (dal Qatar), per la vittoria russa nella competizione che dovrebbe accogliere la Coppa del Mondo di calcio del 2018 e dal fatto che la FIFA ha deciso di votare l’esclusione di Israele, che hanno ordinato una serie di

L’America contro la Russia. Da Teheran a Kiev.

– Gianni Petrosillo – Riprendiamo il discorso sul recente accordo tra Usa ed Iran dal punto dove lo ha lasciato Gianfranco La Grassa. Riporto interamente il paragrafo finale dell’intervento, perché racchiude il cuore della sua previsione, che non è di sicuro campata in aria come quelle dei nostri professori di sventura con la smania d’impressionare il pubblico degli horror talk show dove sono ospiti fissi, ma riveniente da un’analisi accurata