Breaking news
  • No posts where found

Mondo

La democrazia è una farsa – l’esempio greco in cifre

Il 61.31 % del popolo greco ha respinto quasi lo stesso pacchetto di misure di austerità che poi Alexis Tsipras ha improvvisamente accettato. E ora la stragrande maggioranza dei parlamentari greci ha votato a favore del pacchetto di riforme, con 229 voti ‘SI’, 64 voto ‘NO’, e 6 astenuti. Dal momento che le 6 astensioni non rispettano la volontà del popolo, che chiaramente ha respinto queste misure, a mio avviso

La storia di due ordini mondiali

Cari amici, sono stato contattato di recente da Ron Unz che mi ha chiesto se ero d’accordo a scrivere un articolo per The Unz Review. Ho risposto che ero certamente interessato, ma gli scrissi per avvertirlo che ho una propensione molto forte al “crimethink” e che avevo la necessità di sapere se c’erano argomenti dalla quale avrei dovuto tenermi alla larga. La sua risposta è stata esattamente quella che volevo

Se foste Lavrov o Putin, chi scegliereste come interlocutore in occidente?

Il comunicato unitario del G7 – l’ennesimo esercizio di fantasia Non pubblicherò il testo integrale, che si può leggere qui, ma solo il passaggio sulla “politica estera” che ha a che fare con l’Ucraina: Trovare una Soluzione al Conflitto in Ucraina Rinnoviamo la nostra condanna alla annessione illegale della Penisola di Crimea da parte della Federazione Russa e riaffermiamo la nostra politica di non – riconoscimento. Rinnoviamo il nostro pieno

Anglo-Sionisti 1: Mondo 0 – Punteggio finale?

Tutto ciò è fin troppo ridicolo, fin troppo osceno e ovviamente troppo grottesco per essere vero. Nonostante questo è così. Gli AngloSionisti se la sono presa così tanto per la sconfitta americana (dal Qatar), per la vittoria russa nella competizione che dovrebbe accogliere la Coppa del Mondo di calcio del 2018 e dal fatto che la FIFA ha deciso di votare l’esclusione di Israele, che hanno ordinato una serie di

L’America contro la Russia. Da Teheran a Kiev.

– Gianni Petrosillo – Riprendiamo il discorso sul recente accordo tra Usa ed Iran dal punto dove lo ha lasciato Gianfranco La Grassa. Riporto interamente il paragrafo finale dell’intervento, perché racchiude il cuore della sua previsione, che non è di sicuro campata in aria come quelle dei nostri professori di sventura con la smania d’impressionare il pubblico degli horror talk show dove sono ospiti fissi, ma riveniente da un’analisi accurata

Israele e Germania: convergenze indigeste per gli amici della Russia

– Marco Bordoni – “Non abbiamo alleati eterni, e non abbiamo nemici perpetui. I nostri interessi sono eterni e perpetui, e il nostro dovere è seguire quegli interessi.” Lord Palmerston Si preparano dei mal di pancia per il pubblico che segue con simpatia la lotta della Russia per difendere la propria sovranità dai tentativi di sottomissione delle potenze occidentali, specialmente  per le persone che militano nel campo della “sinistra” post

Estinta – Più estinta – Estintissima

Questo blog è dedicato all’idea di presentare il quadro generale – il più generale possibile – di ciò che sta succedendo nel mondo. Fra le linee d’interesse permanenti che lo compongono, possiamo elencare: 1. Il decadimento generalizzato e il collasso finale della civilizzazione industriale, legato al crescere dei costi di produzione delle quantità di combustibili fossili necessari ad alimentarla, al continuo peggioramento della qualità delle risorse energetiche e dell’energia netta che

Una dittatura installata da Barack Obama ad Haiti

Haiti continua a resistere alla dittatura installata da Barack Obama ed all’occupazione militare Dal 12 gennaio 2015 Michel Martelly ha governato Haiti per decreto, con le armi di USA e ONU a sostenere la sua dittatura. Il Consiglio di Sicurezza dell’ONU, guidato da Samantha Powers, ambasciatore statunitense alle Nazioni Unite, ha recentemente visitato Haiti per legittimare e rafforzare l’appoggio delle Nazioni Unite a Martelly contro le obiezioni della gente di

La mia risposta alla valanga di lettere dall’ “altro Occidente”

Oh Cari, quando ho postato il mio recente scambio di mail con “Carpenter” e le mie riflessioni sull’ altro Occidente e il pericolo di una guerra non pensavo di scatenare una simile valanga di commenti e di mail personali. In meno di 24 ore ne ho ricevute più di 100, spesso lunghe e commoventi. Inizio dicendo – e ne sono veramente rattristato, credetemi ma devo proprio iniziare dicendo che non

Ragioni per l’Ottimismo

Questa potrebbe sembrare una strana linea di ragionamento da seguire, visto quanto chiunque altro sta dicendo. Alcuni pensano che il 2015 sarà una ripetizione del 2014 con alcuni cambiamenti incrementali (sempre una scomessa sicura, ma una lettura noiosa) mentre altri stanno stanno mettendo in guardia su di un potenziale scontro nucleare tra USA e Russia (sempre una possibilità, alla pari con l’impatto di un asteroide o una supernova nelle vicinanze