Breaking news
  • No posts where found

Politica

Un golpe tra le élites occidentali

Mikhail Khazin Izborsky Club I problemi delle élites del progetto globale “occidentale” Breve descrizione del principale problema dell’élite del progetto globale “occidentale” È ormai ovvio che le divisioni all’interno delle élites mondiali hanno avuto un’intensificazione. Negli Stati Uniti e nell’Unione europea è già visibile a occhio nudo, ma neppure in Cina o in altre regioni la situazione è molto migliore. Nella nostra fondazione abbiamo addirittura iniziato a preparare dei documenti

La NATO attraverso lo specchio: un viaggio personale dall’ingenuità alla lucidità

Era una fredda sera di marzo del 2004 quando io ed un insegnante russo di inglese uscimmo dalla University Embankment nella notte dell’isola Vasilevsky, a San Pietroburgo. Eravamo colleghi nella stessa scuola linguistica, che collaborava con la facoltà di Filologia della Università Statale in quella città. Il marciapiede era affollato di studenti, di altri insegnanti e personale amministrativo, perché i corsi erano molto popolari e venivamo buttati fuori alla 9

Dietro il Grande Firewall dell’Occidente, la brutta verità

Il Grande Firewall Occidentale contro il Grande Firewall cinese: metodologie differenti, risultati identici. Una verità non detta è una menzogna. Un fatto nascosto è censura. – L’Autore Quando ho cessato di scrivere per Reflections in Sinoland, dicendo che per il momento non avrei mandato più articoli, in modo da scrivere il mio terzo libro, Red Letters – The Diaries of Xi Jinping, facevo sul serio. Ma nelle ultime due settimane, è

Chi trae beneficio dalla morte di Charlie?

  E’ stato Putin. Anzi no. Insomma, a conti fatti, non è stata “l’aggressione russa” a colpire il cuore dell’Europa. Si è trattato invece di un commando di professionisti della jihad. Chi ci guadagna? Attenta pianificazione e preparazione, Kalashnikov, lanciarazzi, passamontagna, gilet tattici color sabbia con munizioni di riserva, stivali dell’esercito, fuga-passeggiata su una Citroën nera. E la ciliegina sulla mortifera torta: supporto logistico localizzato a Parigi per portare a

L’inutile accordo voluto da tutti

Sono divertito e stupefatto davanti alla superentusiastica reazione della maggior parte dei commentatori che hanno seguito quello che potremmo anche chiamare l’Accordo Minsk-2 (M2A). Apparantemente, le analisi serie sono state abbandonate e rimpiazzate da dichiarazioni ampollose e roboanti ma vuote di significato. Leggendo alcuni dei commenti fatti su questo blog [Vineyardsaker, NdT], si potrebbe anche pensare che la guerra in Ucraina sia finita e che l’Impero Anglo-Sionista, aiutato da Putin,

Come mettere insieme i pezzi

  Ieri, dopo aver scritto i miei tre articoli sulla situazione politica e militare in Europa e nel resto del mondo (leggere qui, qui e qui), sono diventato all’improvviso iper-consapevole, ed ho capito con incredibile chiarezza quel che sta accadendo su questo pianeta poco prima che cessi di esistere. All’improvviso tutti gli elementi e gli eventi sparsi entrano nel grande disegno in modo più bello e coerente. Ho capito perché

Cipro, Russia e geopolitica da scacchista dilettante

E’ con interesse che oggi ho visto il Saker ricordare che il governo di Cipro prenderà in considerazione il “desiderio” della Russia di stabilire una base aerea sull’isola. Essendo un cipriota, vorrei cogliere l’occasione per fornire una breve lezione di storia per i lettori, così come alcune riflessioni in materia. Breve storia Cipro è diventata “indipendente” cessando di essere una colonia del Regno Unito nel 1960 (dal 1878), a seguito

Ipocriti che brillano alla sfilata di Parigi

La marcia unitaria di Parigi, a cui hanno partecipato oltre 40 capi di stato di tutto il mondo, ha messo in luce il “doppio standard” dell’approccio occidentale al problema dalla libertà di parola e della guerra al terrorismo. Pechino, 12 gennaio (Sputnik). Che parata senza precedenti di ipocrisia politica. La vista del generale Hollande, conquistatore del Mali; di David Cameron d’Arabia; di Angela “lasciate morire gli ucraini dell’est” Merkel; di

Il Presidente Ceceno critica l’Europa che adotta due pesi e due misure sul terrorismo

Il Presidente Ceceno Ramzan Kadyrov sostiene che la massiccia risposta dell’opinione pubblica alla sparatoria a Charlie Hebdo potrebbe essere organizzata da chi vuole generare sentimenti anti-islamici e distrarre le persone da altri problemi.   Kadyrov ha illustrato la propria posizione attraverso il suo strumento da tempo preferito – il servizio di condivisione di immagini Instagram. In un esauriente post accompagnato da una sua immagine ha affermato di apprezzare la sincera

Il libretto del Collasso Imperiale

  Alcune persone amano avere il Grande Quadro appeso davanti a loro, il più grande possibile, quello sugli avvenimenti dell’intero mondo, ed io sono felice di accontentarle. Lo sviluppo maggiore del 2014 è di gran lunga questo: finalmente gli Anglo-Imperialisti stanno per essere espulsi dall’Eurasia. Come possiamo dirlo? Bene, c’è il Grande Quadro, il più grande che io abbia potuto trovare. L’ho trovato grazie a  Nikolai Starikov e ad un