Breaking news
  • No posts where found

Sfera di civiltà Russa

Il robot autonomo subacqueo Poseidon minaccia di nuovo gli USA

  Da qualche parte dev’essere successo qualcosa, per attirare tanta attenzione degli analisti statunitensi sulle minacce alla sopravvivenza stessa degli Stati Uniti nel caso la Russia dovesse utilizzare i suoi nuovi sistemi di armamenti. Siamo sinceri: la Russia è più debole dell’America. Non prendiamo nemmeno in considerazione l’economia, dove la differenza, ahimè, è di qualche ordine di grandezza. Guardiamo gli aspetti puramente militari, eliminando, per migliorare la comprensione, il “grande

Parlare di intervento occidentale nel Mar Nero è pura fantasia

La Crimea è essenziale per la Russia, strategicamente ed economicamente, ma le speculazioni su Ankara che contribuirebbe ad aumentare la presenza degli Stati Uniti nel Mar Nero sono inverosimili, visti gli accordi energetici della Turchia con Mosca. Una lotta di potere sul Mar Nero tra la Russia e gli Stati Uniti e la NATO ha il potenziale per svilupparsi come una trama fondamentale del Nuovo Grande Gioco del 21° secolo

I nodi delle pensioni russe vengono al pettine

Secondo RT, che cita un sondaggio del Levada Center [entrambi i link in inglese],  Un nuovo sondaggio ha rivelato che oltre il 50% dei russi è deluso dal governo di Dmitrij Medvedev, ritenuto non in grado di frenare la crescita dei prezzi e di fornire posti di lavoro alle persone. Circa il 23% ha dichiarato di essere assolutamente sicuro che il governo debba dimettersi, con un altro 30% che dice al

La Russia smorza l’entusiasmo sulle Curili

I calendari di Putin potrebbero subire un decremento delle vendite in Giappone nel 2019 Ci sono grandi aspettative che il 2019 potrebbe essere un anno cruciale nelle relazioni russo-giapponesi. Il presidente Vladimir Putin potrebbe visitare il Giappone per il vertice del G20 a giugno, e si è speculato sul fatto che il Primo Ministro giapponese Shinzo Abe abbia intenzione di firmare un trattato di pace in quell’occasione, portando le ostilità

Il “Fury” sovietico: come un solo carro armato ha fermato un’intera divisione tedesca

Sembra una storia uscita da un film hollywoodiano: nel giugno 1941, un carro armato pesante sovietico osò combattere contro 5.000 soldati tedeschi, e li tenne a bada per quasi 24 ore. Dopo il lancio dell’Operazione Barbarossa, gli eserciti tedeschi si schiantarono contro le truppe sovietiche come una valanga, penetrando per centinaia di chilometri nel territorio sovietico. In queste circostanze disperate, l’esercito sovietico tentò, se non di fermare i Nazisti, almeno

Quando la MAD non è FOLLE? RISPOSTA: Никогдa

  * никогда (Nik-og-da) La parola russa per MAI Mentre entriamo nel nuovo anno, Putin entrerà nel suo ventesimo anno da presidente. Il Cremlino ritrae Putin come un salvatore: un leader che ha sollevato la Russia in ginocchio dopo gli anni successivi al declino dell’Unione Sovietica. E quasi 20 anni dopo che Boris Eltsin gli ha consegnato la presidenza, e con tre mandati completi alle spalle, Putin sembra più forte

Un viaggio storico in Crimea

Washington insiste che le sanzioni rimarranno fino a quando la Russia non restituirà la penisola all’Ucraina, ma questo non accadrà mai. Per Mosca, la Crimea è tornata al suo posto, e questa è una regione che ha visto i conquistatori andare e venire per secoli. Siamo nei resti di Panticapaeum, la capitale del Regno del Bosforo Cimmerio, fondata nel secondo quarto del VI secolo a.C. su entrambe le sponde dello Stretto

L’incidente nello Stretto di Kerč’: una prospettiva mediorientale

Lo Stretto di Kerč’, un luogo che non viene menzionato spesso nei media – o nei social media – mediorientali è diventato molto più familiare in quella regione da quando le navi ucraine sono entrate di recente nelle acque territoriali russe nel Mar Nero. Nel mondo arabo un certo numero di giornalisti ha discusso dell’incidente: hanno trattato le due parti come uguali, e si sono concentrati sugli aspetti militari piuttosto

Perché la Russia non invaderà l’Ucraina, gli staterelli baltici o chiunque altro

La macchina della propaganda Anglo-Sionista ci avvisa costantemente che la Russia sta per invadere un paese. L’elenco dei candidati per l’invasione è lungo, e spazia dalla Norvegia all’Ucraina e include gli staterelli baltici, la Polonia e persino paesi più a ovest. Naturalmente, ci viene anche detto che la NATO e gli Stati Uniti sono qui per impedirlo. Bene, grazie a Dio per loro, giusto? Ma quello che manca in modo

Parla la forza – verrà sparato a tutti gli aerei, le navi e le truppe che si avvicineranno alla frontiera russa con intenzioni ostili

Nei confronti dei nemici stranieri, per la prima volta da una generazione, i funzionari russi hanno smesso di parlare di avvertimenti, gravi conseguenze, conseguenze più gravi, linee rosse, mirini e risposta [tutti e tre i link in inglese] proporzionata; hanno invece permesso alla forza di parlare. Ciò sostituisce le prove di posizione, manovre, comunicazioni preventive e legge internazionale, i cui dettagli sono ancora in discussione riguardo agli incidenti della scorsa