Sembra che il livello di democrazia nell’Unione Europea si stia avvicinando a quello della Turchia. Il Parlamento Europeo si prepara a ritirare l’immunità alla leader del Fronte Nazionale Marine Le Pen [in Inglese] e a metterla sotto processo per il tweet che ha pubblicato due anni fa. L’ironia della situazione è il fatto che Marine Le Pen è una candidata alla presidenza, e ha buone possibilità di diventare il prossimo presidente della Francia.

Fino a poco tempo fa, si pensava che simili misure di lotta politica fossero più caratteristiche dei paesi accusati di soffrire di “carenza” di democrazia. Ad esempio, l’Unione Europea e il Parlamento Europeo hanno condannato la Turchia per aver perseguito coloro che pubblicano messaggi “indesiderabili” sui social media. In effetti, le autorità turche hanno perseguito comuni mortali, così come giornalisti e politici per i loro messaggi sui social media.

Sembra che l’establishment politico europeo ritenga tali misure altamente efficienti in una situazione come quella alla quale si può ora assistere nella corsa alle presidenziali francesi. Un recente studio condotto da BVA-Salesforce ha dimostrato che Marine Le Pen, che presiede il Fronte Nazionale francese, ha tutte le possibilità di vincere il primo turno delle elezioni presidenziali.

Il livello del suo sostegno in Francia è recentemente cresciuto del 2,5 per cento al 27,5 per cento, mentre i rivali della Le Pen – il Centrista Emmanuel Macron e il Conservatore François Fillon – hanno perso l’uno per cento ciascuno.

Perché temono la vittoria di Marine Le Pen nelle elezioni presidenziali francesi? Si presume che questa paura non sia basata su luoghi comuni, come ad esempio “nazionalisti di estrema destra” o anche “fascisti”, perché c’è una sentenza in Francia in base alla quale è permesso chiamare il movimento della Le Pen in quel modo. L’Europa non teme le forze di Destra di per sé – l’Europa ha paura del crollo delle sue illusioni: la vittoria di Marine Le Pen nelle elezioni presidenziali seppellirà la pia illusione dell’Unione Europea. Il capo del Fronte Nazionale francese ha promesso che farà uscire la Francia dall’UE, se diventerà presidente. Se la Francia sarà la prossima dopo la Gran Bretagna, vorrà solo dire che l’UE sta crollando come un castello di carte [in Inglese].

La vittoria della Le Pen segnerà il crollo di tutta la burocrazia da svariati milioni di euro che trae profitto dalla lotta alla corruzione in Romania e Bulgaria, alimenta gli stati “insufficientemente democratici” come la Turchia, crea “prospettive illimitate per l’integrazione europea” (Georgia e Ucraina), alimenta l’isteria anti-russa e guadagna sull’afflusso di milioni di migranti. Tutto questo finirà, se Marine Le Pen vincerà le elezioni in Francia.

L’obiettivo è quello di non lasciare che vinca, a tutti i costi.

“Cercheranno di fermare la Le Pen. Non la uccideranno, naturalmente, ma faranno tutti gli sforzi possibili per farle abbandonare la corsa pre-elettorale. Se vince, la Francia farà esplodere il “reattore”, ha detto il critico letterario e blogger Yves Obe a Pravda.Ru.

Naturalmente, ci sono metodi più umani nell’Europa moderna, diversi dall’omicidio, per rimuovere un avversario politico: l’attuale Primo Ministro francese Bernard Cazeneuve ha lanciato una campagna contro il candidato presidenziale, ufficialmente registrato.

“È mia responsabilità fare tutto il possibile per dimostrare ai Francesi che le proposte del FN sono un vicolo cieco nascosto dietro delle bugie”, ha detto Cazeneuve al quotidiano francese Journal du Dimanche prima di imbarcarsi in un tour delle regioni francesi dove la Le Pen gode di maggior sostegno. Ha intenzione di dimostrare agli elettori francesi che se votano per la leader del Fronte Nazionale, possono causare alla Francia e all’UE danni irreparabili.

Poco dopo, le autorità della Repubblica Francese hanno chiesto al Parlamento Europeo di privare Marine Le Pen della sua immunità di europarlamentare, e il Comitato per gli Affari Legali del Parlamento Europeo ha confermato all’unanimità l’iniziativa. Se il Parlamento Europeo sosterrà la decisione, Marine Le Pen potrebbe finire in carcere.

Nel 2015, il capo del Fronte Nazionale [in Inglese] twittò una foto dei crimini commessi dai terroristi dell’ISIS (l’organizzazione terroristica è bandita in Russia), e i pubblici ministeri ritengono che il post della Le Pen su Twitter abbia incitato alla violenza. Gli avversari della Le Pen sono lieti di ottenere un vantaggio anche grazie a fatti già vecchi, specialmente se non sono in grado di trovare un altro motivo per portare Marine Le Pen in tribunale.

Si dà il caso che stiamo assistendo ad un intervento del Parlamento Europeo nel processo elettorale in Francia. “Ovviamente, le istituzioni europee sono coinvolte nel processo e ciò suggerisce che esse abbiano le loro opinioni su chi dovrebbe vincere le elezioni”, ha detto a Pravda.Ru Nikolaj Litvak, assistente professore della Facoltà di Filosofia della MGIMO.

Marine Le Pen è stata già privata una volta dell’immunità parlamentare: è successo nel 2013, quando è stata sospettata di incitamento all’odio religioso, ma in seguito le accuse contro di lei sono cadute.

Lo scandalo in corso può diventare un’ottima trovata pubblicitaria per il Fronte Nazionale, a meno che non si concluda con una sentenza di un tribunale. Se Marine Le Pen finirà in carcere, l’Unione Europea, per lo meno, perderà il diritto di educare “i regimi poco democratici” su come condurre la lotta politica.

*****

Articolo di Dmitrij Nersesov pubblicato su Pravda Report il 2 marzo 2017.

Traduzione in Italiano a cura di Raffaele Ucci per SakerItalia.

[Le note in questo formato sono del traduttore]