Il ministro degli Esteri russo, Sergei Lavrov, ha fatto saltare all’ONU il riconoscimento del presidente degli Stati Uniti Donald Trump della sovranità israeliana sulle alture del Golan.
Ritengo che questa sia una dimostrazione consapevole e deliberata di condiscendenza. Tale dimostrazione di condiscendenza insieme a minacce, ultimatum e sanzioni sono, in generale, tutti  strumenti utilizzati dagli Stati Uniti nel campo della politica estera“, ha detto Lavrov in una conferenza stampa con il ministro degli esteri turco Mevlut Cavusoglu.
Cavusoglu ha detto che il riconoscimento è stato il regalo di Trump al primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu in vista delle elezioni, e che quei territori appartengono alla Siria.

 

Il ministro degli Esteri russo S. Lavrov e il suo omologo turco M. Cavusoglu si sono incontrati ad Antalya a fine marzo, facendo poi una dichiarazione pubblica congiunta  sulla decisione degli Stati Uniti di riconoscere la sovranità israeliana sulle alture del Golan.
La dichiarazione dei due ministri arriva dopo che Trump ha firmato un proclama presidenziale riconoscendo unilateralmente il territorio conteso, come parte di Israele, scatenando la condanna dell’ONU.
Pertanto, in una sessione del Consiglio di sicurezza, molti oratori hanno denunciato la mossa del presidente degli Stati Uniti, indicando una risoluzione delle Nazioni Unite che definiva l’annessione israeliana della regione “nulla e senza effetto giuridico internazionale”.
Allo stesso tempo, Russia, Siria, Iran, Turchia e altri paesi hanno condannato l’azione degli Stati Uniti.

Maja Kocijancic, portavoce del servizio diplomatico dell’UE, ha ribadito la posizione di Bruxelles sulla questione, dopo che i principali alleati statunitensi, come Francia, Germania e Regno Unito, si erano rifiutati di sostenere Washington sul riconoscimento della sovranità di Israele sulle alture del Golan, decisione contro le varie risoluzioni delle Nazioni Unite.
Israele conquistò le alture del Golan durante la Guerra dei Sei Giorni del 1967, annettendosi unilateralmente l’area nel 1981. Gli Stati Uniti non avevano riconosciuto ufficialmente l’annessione all’epoca, pur non contrastando l’azione israeliana.

 

 

“…Gli approcci unilaterali degli Stati Uniti e dei loro alleati aumentano le tensioni nel mondo e sfidano il diritto internazionale…”, ha dichiarato il ministro degli Esteri russo .
Gli sforzi compiuti dalla diplomazia internazionale “giocano un ruolo importante nel mantenere la fiducia e la comprensione reciproca tra i popoli e tra società civili“, ha sottolineato il diplomatico.
Questo è particolarmente importante nelle condizioni in cui le tensioni internazionali non solo persistono, ma stanno addirittura crescendo, prima di tutto a causa delle manovre continue degli esponenti statunitensi e dei loro più stretti alleati, per imporre a tutti e ovunque i loro approcci unilaterali, violando gravemente il diritto internazionale “, ha sottolineato Lavrov.

 

Sulla riforma costituzionale in Siria, Lavrov ha dichiarato che le parti hanno accettato di accelerare il processo di formazione del comitato costituzionale siriano in cooperazione con le Nazioni Unite.
“…Abbiamo concordato di accelerare la formazione del comitato costituzionale in collaborazione con i colleghi delle Nazioni Unite e, naturalmente, in collegamento con il governo e l’opposizione siriana. Siamo fiduciosi che il comitato costituzionale aiuterà finalmente ad avviare il processo di pace Ginevra, di cui i nostri colleghi occidentali parlano così tanto… “, ha affermato il ministro russo.
Originariamente, l’accordo per istituire il comitato era stato raggiunto al Congresso di Dialogo Nazionale Siriano, che si era tenuto nella città russa di Sochi nel gennaio 2018.
Tuttavia, le parti coinvolte non hanno finora raggiunto un accordo sulla composizione del corpo. Il comitato dovrebbe includere i rappresentanti del governo siriano, l’opposizione e la società civile.

*****
 Da newsfront, a cura di Enrico Vigna/ CIVG

Condivisione: