I neoconservatori dell’amministrazione Trump, il Segretario di Stato Mike Pompeo, il Consigliere per la Sicurezza Nazionale John Bolton e l’inviato per la Siria James Jeffery, stanno lottando per salvare i loro piani per la Siria che il presidente Trump ha cancellato quando ha ordinato il completo ritiro.

Quei piani erano per una occupazione permanente della Siria nord-orientale da parte degli Stati Uniti, la riduzione dell’influenza iraniana nelle zone controllate dal governo, e un’eventuale eliminazione del governo siriano sotto il presidente Assad attraverso negoziati. Queste erano chimere, obiettivi che non avevano alcuna possibilità di essere raggiunti.

Inoltre, Trump non aveva mai acconsentito [in inglese] a questi progetti. In aprile aveva annunciato che voleva le truppe americane FUORI dalla Siria. Ha dato al suo staff sei mesi per raggiungere questo obiettivo. Ma invece di seguire quegli ordini, Pompeo e Bolton hanno provato a mettere in atto i loro piani:

Alla fine dell’anno scorso, alcuni dei falchi consiglieri del presidente hanno redatto una nota che impegnava gli Stati Uniti in una presenza a lungo termine in Siria, che includeva obiettivi di una duratura sconfitta dello Stato Islamico, una transizione politica e l’espulsione dell’Iran, dicevano alcuni funzionari. Il presidente non ha firmato il memo, che gli è stato presentato solo alcune settimane fa.

In effetti, Trump aveva avvertito il suo entourage per mesi che voleva uscire dalla Siria in breve tempo…       

                                                                                                                                                     

Il piano di Bolton per l’Iran non ha mai realmente avuto alcun effetto al Pentagono, dove i funzionari non sono stati ufficialmente incaricati di alcuna nuova missione oltre all’operazione contro lo Stato Islamico. Anche i funzionari militari consideravano problematica l’espansione dell’Iran in Siria, ma erano scettici sulla mancanza di chiare giustificazioni legali che sarebbero state indispensabili per un’azione militare offensiva contro le forze sostenute dall’Iran.

Trump ha riconosciuto che quei piani erano senza senso e ha ordinato di terminarli. In quel processo aveva avuto anche un’idea irrealizzabile: consegnare la Siria nord-orientale alla Turchia per combattere lo Stato Islamico già sconfitto. La Turchia non vuole [in inglese] la Siria nord-orientale. Non vuole rischiare quella guerra sanguinosa contro i curdi che sarebbe necessaria per sostenere una simile occupazione.

 

 

L’unica soluzione appropriata è quella di ridare il governo della Siria nord-orientale (in giallo nella mappa) al governo Siriano (in rosso). Damasco disarmerebbe i curdi o li integrerebbe all’interno del suo esercito nazionale. Sarebbero sotto controllo e non sarebbero più una minaccia per la Turchia. Tutte le parti potrebbero così facilmente raggiungere quella necessaria soluzione di convivenza pacifica.

Tutti tranne i “neocons” americani.

Oggi il Consigliere per la Sicurezza Nazionale Bolton è in viaggio per Israele per preparare nuovi piani [in inglese]:

Un funzionario dell’amministrazione Trump ha detto ai giornalisti in viaggio con Bolton che lui intendeva discutere il ritmo del ritiro, così come i livelli delle truppe americane nella regione. Ci si aspettava che Bolton spiegasse che alcuni reparti di truppe statunitensi con sede in Siria per combattere lo Stato Islamico si dovranno trasferire in Iraq con la stessa missione, e che alcune forze americane potranno rimanere nell’avamposto militare di al-Tanf, nel sud della Siria, per contrastare la crescente attività iraniana nella Regione.

Bolton ha anche voluto trasmettere il messaggio che gli Stati Uniti saranno “molto di sostegno” agli attacchi israeliani contro obiettivi iraniani in Siria, …

Scommetto che nessuno di questi punti è stato firmato da Trump. La pubblicazione di queste idee è un altro tentativo di Bolton per far emergere in primo piano le sue visioni politiche personali.

Erdogan, ricevuta da Trump la richiesta di prendere la Siria nord-orientale ma non disposto a farlo, ha sollevato richieste [in inglese] che gli Stati Uniti non sono disponibili ad accontentare:

La Turchia sta chiedendo agli Stati Uniti di fornire sostanziali aiuti militari, compresi i raid aerei, i trasporti e la logistica, per consentire alle forze turche di assumersi la principale responsabilità per la lotta contro i militanti dello Stato Islamico in Siria, sostengono i funzionari degli Stati Uniti.

Le richieste turche sono così estese che, se pienamente soddisfatte, l’esercito americano dovrebbe ulteriormente aumentare il suo coinvolgimento in Siria invece di ridurlo, hanno aggiunto i funzionari.

Bolton in seguito volerà ad Ankara per discutere i piani turchi:

I partecipanti includeranno il consigliere per la sicurezza nazionale della Casa Bianca John Bolton; il generale Joe Dunford, Comandante del Comando Unificato; e James Jeffrey, inviato del Dipartimento di Stato per la Siria.

Un funzionario degli Stati Uniti ha affermato che l’amministrazione non è disponibile a fornire tutto il supporto militare che i turchi stanno chiedendo, in special modo per quanto riguarda il supporto aereo.

Senza il supporto aereo degli Stati Uniti, Erdogan non può attaccare la Siria nord-orientale. L’aeronautica turca è debole. Molti dei suoi piloti più esperti sono stati licenziati per presunto sostegno e coinvolgimento nel colpo di Stato gulinista contro Erdogan. L’aviazione non è in grado di fornire quel necessario supporto di cui i soldati sul campo avrebbero bisogno 24 ore al giorno, 7 giorni a settimana. C’è anche conflitto all’interno del comando dell’esercito turco [in inglese]. Se dovesse ordinare un attacco, Erdogan lo darebbe solo per le aree curde lungo il confine settentrionale, non contro lo Stato Islamico. Anche questo è qualcosa che gli Stati Uniti non vogliono [in inglese] affatto:

Molti esperti e funzionari temono anche che i turchi possano prendere di mira i combattenti curdi che da tempo hanno fornito agli Stati Uniti un solido sostegno nella campagna contro i militanti dello Stato Islamico, subendo per questo considerevoli perdite di vite umane.

Per cercare di mitigare questi rischi, Jeffrey, l’inviato del Dipartimento di Stato, sta cercando di creare un accordo con i turchi che consenta loro di entrare nella Siria settentrionale evitando aree in gran parte curde, dicono i funzionari degli Stati Uniti che hanno familiarità con quei piani.

Jeffrey e la sua squadra  del Dipartimento di Stato hanno creato una mappa codificate a colori della Siria nord-orientale, nel tentativo di negoziare un piano di condivisione del potere che potrebbe evitare un costoso scontro turco-curdo nella zona. … Un ex funzionario degli Stati Uniti ha descritto la mappa come un accordo “Sykes-Picot lisergico”, …

L’idea è delirante. Non ci sono confini tra curdi, arabi e altre etnie nel nord-ovest della Siria. Le popolazioni sono miste. Solo le percentuali etniche variano da città a città. L’attuazione dell’idea porterebbe ad una pulizia etnica e ad una guerra senza fine.

I curdi non sono più disponibili a seguire la guida degli Stati Uniti.

Jeffrey ha chiesto al generale Mazloum Abdi, comandante curdo dei combattenti siriani, di non intrattenere accordi con il governo del presidente Bashar al-Assad mentre l’amministrazione Trump cerca di sviluppare la sua strategia.

“F*ttiti”, ha replicato il generale Abdi, mentre i curdi continuano a negoziare [in inglese]:

I leader curdi siriani mirano ad assicurare un accordo politico mediato dalla Russia con il governo del presidente Bashar Assad, indipendentemente dai piani degli Stati Uniti di ritirarsi dalla loro regione, ha detto alla Reuters un alto funzionario curdo.

L’amministrazione a guida curda che gestisce gran parte della Siria settentrionale ha presentato un percorso per giungere ad un accordo con Assad durante i recenti incontri in Russia ed è in attesa della risposta di Mosca, come ha detto Badran Jia Kurd, che ha partecipato agli incontri.

Un accordo tra i curdi e il governo siriano “è inevitabile [in inglese], dice un alto funzionario militare curdo. Gli Stati Uniti si sono dimostrati ancora una volta inaffidabili, e i curdi non hanno nessun altro posto dove andare.

Nessuno dei nuovi piani e idee presentati da Bolton ha senso. È improbabile che abbiano la benedizione di Trump. Mentre il ritiro degli Stati Uniti dal nord-est della Siria potrebbe essere ritardato di un altro mese o due, alla fine è probabile che procederà.

La settimana scorsa ha visto nuovi sviluppi nel governatorato di Idlib. Idlib è in gran parte governato dall’organizzazione di al-Qaeda Hayat Tahrir al Sham (HTS), la vecchia Jabhat al-Nusra. Ci sono anche molti altri gruppi sotto il controllo turco. Ma la Turchia aveva recentemente trasferito molti di quei combattenti per attaccare Manbij, nella valle dell’Eufrate, tenuta dagli Stati Uniti e dai curdi. Quell’attacco è stato fermato quando l’esercito siriano ha preso il controllo dell’area.

Mentre i gruppi appoggiati dai turchi a Idlib sono stati indeboliti, HTS ha colto l’occasione per rafforzare il proprio controllo. Lunedì HTS (in grigio) ha attaccato le aree ad ovest di Aleppo che erano tenute da Nour al-Din al-Zenki. Nour al-Din al-Zenki, una volta sostenuti dalla CIA: divennero “famosi” quando nel 2016 alcuni dei suoi combattenti pubblicarono un video in cui decapitavano un ragazzino malato di dieci anni senza alcun motivo plausibile.

 

 

Negli ultimi cinque giorni almeno 130 persone sono state uccise [in inglese] nei combattimenti ad Idlib. Zenki è stato eliminato dall’area che teneva (colorata in grigio) e i rimanenti combattenti sono fuggiti nel cantone settentrionale di Afrin, sotto il controllo dell’esercito turco. L’HTS ha preso il controllo delle armi pesanti di Zenki, inclusi quattro carri armati.

HTS ora controlla tutte le aree vicine alla Turchia e al cantone di Afrin, controllata dalla Turchia. HTS ha mandato un ultimatum ad altri gruppi di Idlib, e ha richiesto un ulteriore controllo sulle città di Maarat al-Nu’man e Ariha nel sud del governatorato. Dato che nessuno degli altri gruppi è in grado di resistere a HTS, probabilmente presto avrà il controllo di queste aree. Prendere queste aree potrà dare il pieno controllo di HTS sulle autostrade M4 e M5. Il controllo delle autostrade può essere utilizzato per generare denaro e come moneta di scambio nelle negoziazioni future.

L’accordo di Astana tra Russia e Turchia su Idlib stabiliva che l’HTS sarebbe stata respinta a 15 miglia dalle aree governate. Le autostrade M4 e M5 avrebbero dovute essere riaperte al governativo. La Turchia avrebbe dovuto attuare e garantire quei punti, ma nessuno di essi è stato raggiunto. I soldati turchi di stanza in sei posti di osservazione intorno al governatorato di Idlib sono ostaggi di HTS. Dal momento che la Turchia non ha mantenuto le promesse, Siria e Russia hanno tutti i diritti di ignorare l’accordo, attaccare HTS, e liberare Idlib.

Che la Turchia abbia fallito in Idlib rende più probabile che si asterrà dall’invasione della Siria nord-orientale. Le sue posizioni militari in Siria sono sempre più in difficoltà. Perché aggiungerne di nuove al caos che è stato provocato?

*****

Articolo di b pubblicato su Moon Of Alabama il 5 gennaio 2019
Traduzione in italiano di Pappagone per 
SakerItalia

[le note in questo formato sono del traduttore]

Condivisione: