Tejas Single Engine Light Fighter

Caccia monomotore Tejas.

L’aeronautica indiana è decisa a finalizzare un accordo per l’acquisto di 83 caccia monomotore leggeri Tejas Mk1A, che segneranno il secondo ordine importante per l’aeromobile a seguito di un precedente ordine per 40 jet. Lo sviluppo del Tejas è iniziato negli anni ‘80 e, dopo ingenti ritardi e quasi 40 anni di lavoro, l’aeromobile ha ricevuto l’autorizzazione operativa finale (FOC) dall’autorità di certificazione dell’aviazione indiana nel febbraio 2019. Il caccia è assimilabile al Gripen svedese e al caccia pakistano JF-17, ed è considerevolmente più leggero dei modelli monomotore di fascia più alta come l’F-16 Fighting Falcon americano [entrambi i link in inglese] e il J-10 cinese. Anche se viene pubblicizzato come un programma indigeno, molti dei sistemi principali del Tejas sono stati acquistati da fornitori stranieri, tra cui il motore americano F404 – lo stesso di quello progettato per alimentare il caccia leggero F-20 Tigershark negli anni ‘70, una suite di sensori ed elettronica israeliana e missili aria-aria russi.

Caccia pesante Su-30MKI e caccia leggero Tejas.

Lo sviluppo di un caccia indigeno leggero e a basso costo è stato perseguito da diversi paesi, dalla Svezia a Taiwan, per una serie di ragioni, consentendo loro non solo di adattare il jet alle esigenze delle loro forze armate, sviluppare tecnologie di fascia alta a livello nazionale e perseguire le loro filosofie progettuali, ma anche perché la produzione interna di jet è generalmente molto più economica rispetto all’importazione a prezzi di mercato. Considerando i piani altamente ambiziosi che ha l’India per espandere la sua flotta di caccia, che richiederanno la creazione di oltre una dozzina di nuovi squadroni nel prossimo futuro, un jet indigeno leggero a basso costo fornirebbe un mezzo efficace per farlo, pur rimanendo nei limiti del bilancio della difesa del paese. L’unico problema è che il Tejas indiano, in gran parte a causa della sua dipendenza da tecnologie estere molto costose, è molto lontano dall’essere un caccia a basso costo – il recente ordine è costato al Ministero della Difesa 62,7 milioni di dollari per aereo.

Caccia leggero monomotore Tejas.

Acquistando i sensori e l’elettronica israeliani e l’F404 a prezzi d’esportazione, ovvero le parti più costose del jet, i Tejas non possono essere fabbricati come piattaforma autoctona economica come il JF-17 pakistano, il Ching Kuo e il Brave Eagle taiwanesi, il J-10 e l’L-15 cinesi o l’F-16 americano. Usando l’F-35A americano come esempio della discrepanza nei prezzi dei caccia nazionali ed esportati, il jet viene acquistato dall’aeronautica per circa 80 milioni di dollari ad aereo, ma viene commercializzato per l’esportazione a circa 200 milioni di dollari ad aereo. Allo stesso modo, mentre il Su-57 russo è attualmente il caccia non occidentale più costoso commercializzato per l’esportazione, con un prezzo di esportazione stimato in circa 110 milioni di dollari, viene acquistato dall’aeronautica russa per soli 35 milioni di dollari ad aereo [tutti e tre i link in inglese]. Rispetto ai prezzi ai quali la Russia e gli Stati Uniti stanno acquistando il Su-57 e l’F-35A, entrambi design all’avanguardia di quinta generazione che sono considerevolmente più pesanti e più sofisticati dei Tejas, il caccia indiano sembra presentare al paese un rapporto qualità-prezzo molto inferiore di quanto si pensasse in precedenza.

*****

Pubblicato da Military Watch Magazine il 21 marzo 2020
Traduzione in italiano a cura di Raffaele Ucci per Saker Italia.

[le note in questo formato sono del traduttore]

__________

La redazione di Saker Italia ribadisce il suo impegno nella lotta anti-mainstream e la sua volontà di animare il dibattito storico e politico. Questa che leggerete è l’opinione dell’autore; se desiderate rivolgere domande o critiche purtroppo questo è il posto sbagliato per formularle. L’autore è raggiungibile sul link dell’originale presente in calce.

L’opinione dell’autore non è necessariamente la nostra. Tuttavia qualsiasi commento indecente che non riguardi l’articolo ma l’autore, sarà moderato, come dalle regole in vigore su questo sito.

Condivisione: