'F-35 Curse': Another F-35 Crashed During Training Mission, Now In Japan

Un F-35 Joint Strike Fighter.

Il 10 aprile, le Forze di Autodifesa del Giappone hanno confermato che uno dei loro F-35A Joint Strike Fighter si è schiantato in mare al largo della Prefettura di Aomori, nel nord del paese [in inglese].

Le Forze di Autodifesa e la guardia costiera hanno inviato navi per effettuare operazioni di ricerca e soccorso. Un portavoce ha confermato che il relitto è stato recuperato ma il pilota era ancora disperso.

Otto navi e sette aeromobili, compreso un aereo di pattugliamento marittimo P-8 Orion della U.S. Navy, stanno prendendo parte alle missioni di ricerca e soccorso.

Non è ancora chiaro quale sia stata la ragione dello schianto, dal momento che i funzionari hanno detto che il pilota era accompagnato da altri 3 caccia F-35A, in missione di addestramento il 9 aprile.

Inizialmente i funzionari hanno affermato che non ci sono state segnalazioni di problemi prima di perdere i contatti.

Più tardi, il 10 aprile, il Ministro della Difesa Takeshi Iwaya ha detto [in giapponese] ai giornalisti che il pilota aveva segnalato di annullare la missione di addestramento poco prima che la comunicazione si interrompesse e l’aereo scomparisse dai radar.

L’aereo era in testa ad un gruppo di quattro aerei per manovre di addestramento, quando ha inviato un segnale di “annullare l’esercitazione” e poi è scomparso dal radar, ha detto Iaway.

“Avremo bisogno di collaborare con le forze statunitensi e credo che verranno presi provvedimenti per questo”, aggiungendo anche che la priorità era determinare la causa dell’incidente.

Un portavoce delle Forze di Autodifesa giapponesi ha dichiarato [in inglese] che il caccia aveva meno di 1 anno, ed è stato consegnato nel maggio 2018. È stato il primo ad essere montato in Giappone e ha volato per 28 minuti prima di precipitare. L’aereo aveva registrato un totale di 280 ore di volo.

13 F-35A sono attualmente dispiegati presso la base aerea di Misawa nel nord del Giappone, ed è destinato a diventare la spina dorsale della prossima generazione di caccia del paese. I rimanenti 12 caccia F-35A sono stati messi a terra mentre è in corso l’indagine.

La Reuters ha chiesto al produttore, Mitsubishi Heavy Industries Ltd, di fornire un commento, ma non c’è stata risposta. L’aereo perso costava 14 miliardi di yen (125,98 milioni di dollari), diversi milioni di dollari più di uno acquistato direttamente dagli Stati Uniti.

L’F-35A giapponese, secondo i rapporti, è stata la prima variante A in assoluto del Joint Strike Fighter a schiantarsi.

Un caccia F-35B si è schiantato dopo una manovra di decollo breve e atterraggio (STOVL) vicino alla Marine Air Corps Station di Beaufort, in Carolina del Sud, nel mese di settembre [in inglese], provocando una messa a terra temporanea del velivolo. Si ritiene che la causa dello schianto sia il risultato di un tubo del carburante difettoso.

La Lockheed Martin sta anche lavorando su una variante C che operi dalle portaerei.

Dopo l’incidente di settembre, l’intera flotta di F-35 è stata messa a terra per ispezioni. Anche Israele e Australia [entrambi i link in inglese] hanno messo a terra le loro flotte.

In precedenza, nel 2017, l’Australia aveva messo a terra i suoi caccia F-35 dopo che una correzione promessa non era stata presa in considerazione.

Nonostante “solo” 2 incidenti di F-35, il progetto militare più costoso continua ad essere afflitto da problemi costanti. Il programma F-35 dovrebbe costare più di 1.5 trilioni di dollari nel corso della sua durata di 55 anni, anche se il costo di ogni aeromobile dovrebbe ridursi a 80 milioni di dollari entro il 2020.

Un rapporto del 30 gennaio 2019, ottenuto da Bloomberg [in inglese], ha mostrato che la vita operativa dei primi jet a decollo e atterraggio breve e atterraggio verticale F-35B acquistati dal Marine Corps “è ben al di sotto” della durata prevista di 8.000 ore per flotta; “potrebbe essere un minimo di 2.100” ore, ha detto l’ufficio di prova del Pentagono nel rapporto annuale del 2018.

Il Segretario alla Difesa USA facente funzioni Patrick Shanahan ha detto ai giornalisti che il caccia F-35 “ha molte opportunità per maggiori prestazioni”.

“L’affidabilità ad interim e le metriche di manutenzione sul campo per soddisfare l’obiettivo previsto dell’80% non sono state rispettate, ha detto il direttore dell’ufficio dei test Robert Behler nella nuova valutazione, dato che i miglioramenti “non si stanno ancora traducendo in una migliore disponibilità”.

  • Le attuali prestazioni della flotta sono “ben al di sotto” dello standard
  • I test sulla sicurezza informatica degli aerei nel 2018 hanno mostrato che alcune precedenti vulnerabilità “non sono state ancora sanate”, afferma la valutazione
  • La quantità di tempo necessaria per riparare gli aerei e tornare allo stato di volo “è cambiata di poco” nel 2018; rimane la percentuale “superiore al” necessario per indicare i progressi come il numero di aerei delle flotte e le ore di volo in aumento, dice la valutazione
  • Lo strumento di manutenzione computerizzato noto come “ALIS” non “funziona ancora come previsto”, in quanto alcune carenze di dati e funzioni “hanno un effetto significativo sulla disponibilità degli aeromobili” e sui voli di lancio
  • Personale addetto alla manutenzione e piloti “devono affrontare problemi pervasivi con l’integrità e la completezza dei dati su base giornaliera”, afferma l’ufficio test
  • I test di settembre del modello di mitragliatrice dell’aeronautica per gli attacchi aria-terra indicano una precisione “inaccettabile”, ha detto l’ufficio test del Dipartimento della Difesa.

*****

Pubblicato da Southfront il 10 aprile 2019.
Traduzione in italiano a cura di Raffaele Ucci per Saker Italia.

[le note in questo formato sono del traduttore]

Condivisione: