Questo velivolo top secret, conosciuto come Yu-71, fa parte del Progetto 4202 del programma missilistico russo [in Inglese]. Ci sono molte poche informazioni sul velivolo, ma presumibilmente l’aereo può sviluppare velocità fino a 11.000 chilometri orari, e pare che questo aerorazzo sia anche super-maneggevole e in grado di entrare nello spazio orbitale.

I test del nuovo velivolo continuano, anche se si ritiene già che con l’aiuto di questo nuovo tipo di arma la Russia otterrà un vantaggio nucleare sugli USA [in Inglese] entro il 2025.

“La corsa agli armamenti [in Inglese] alla fine del secolo scorso ha dato l’opportunità al nostro paese di lasciarsi alle spalle i paesi della NATO nello sviluppo del settore della difesa e di creare armi di quarta generazione”, ha detto il Vice Primo Ministro Dmitrij Rogozin. “La quinta generazione, cerchiamo di essere obiettivi, per una serie di ragioni comprensibili legate al crollo dell’Unione Sovietica, è rimasta bloccata a livello degli uffici di progettazione. Il compito attuale della nostra industria della difesa è quello di migliorare le armi di quinta generazione e fare un passo verso il futuro, dobbiamo lavorare sulla sesta e la settima generazione. Abbiamo già sviluppi del genere, e devo dire che sono molto riusciti, queste sono armi assolutamente nuove e talvolta imprevedibili”, ha detto il funzionario.

Molto probabilmente, il Sign. Rogozin parlava di un aereo ipersonico in grado di trasportare una testata nucleare – lo Yu-71.

Le informazioni sul progetto sono trapelate solo nel febbraio 2015. I funzionari del Pentagono hanno ammesso che la nuova arma russa potrebbe rovinare il piano per creare un sistema di difesa missilistica che circondi la Russia, e, a peggiorare le cose, la nuova arma russa [in Inglese] potrebbe rendere gli Stati Uniti assolutamente indifesi.

Lo Yu-71 è un aereo ipersonico dotato di sistemi per la guerra elettronica, e perciò sarà in grado di attraversare in volo gli Stati Uniti in pochi minuti e disabilitare tutte le stazioni di rilevamento elettroniche sul suo percorso.

Secondo la NATO, è probabile che dal 2020 al 2025 vengano dispiegati fino a 24 velivoli ipersonici in uno dei reggimenti della 13a Divisione Missilistica delle Truppe Missilistiche e Spaziali russe nella regione di Orenburg. Da questa regione, lo Yu-71 sarà in grado di raggiungere Washington in 45-50 minuti, New York in 40 minuti e Londra in 20 minuti, e sarà quindi impossibile rilevare o intercettare il velivolo.

Se le Forze Missilistiche Strategiche russe faranno entrare in servizio missili con testate ipersoniche nel 2025, questo sarebbe una seria ipoteca a favore della Russia. I velivoli ipersonici russi [in Inglese] giocheranno il ruolo di nuova carta vincente nei colloqui con Washington, perché, come dimostra l’esperienza, si possono far negoziare gli Americani solo se si costruisce un’arma che spaventi il Pentagono.

Non è un segreto che la Russia stia sviluppando anche missili da crociera ipersonici che possono raggiungere bersagli a bassa quota. Sarà praticamente impossibile colpirli per dei potenziali sistemi di difesa missilistica, perché i missili sono, di fatto, degli obiettivi aerodinamici, la loro intercettazione è possibile solo entro i limiti dei 700-800 metri al secondo di velocità. Inoltre, un sistema antimissile dovrebbe essere in grado di fare brusche manovre, e per il momento la NATO non ha missili del genere.

Cosa degna di nota, anche Stati Uniti e Cina stanno sviluppando dei loro velivoli ipersonici simili allo Yu-71 russo: il progetto cinese è noto come WU-14, e anche questo è uno spazioplano che la Cina ha testato solo una volta nel 2012. Come lo spazioplano russo, il veicolo cinese è stato in grado di manovrare alla velocità supersonica di 11.000 chilometri orari, ma non è noto, tuttavia, quali armi trasporterà l’aereo cinese.

I risultati degli ingegneri americani sono stati molto più limitati: diversi anni fa, il drone ipersonico Hypersonic Technology Vehicle 2 ha perso il controllo durante il 10° minuto di volo e si è schiantato al suolo.

*****

Articolo di Andrej Terentev pubblicato su Pravda Report il 6 dicembre 2016.

Traduzione in Italiano a cura di Raffaele Ucci per Saker Italia.

[Le note in questo formato sono del traduttore]