Davvero cambiamenti tettonici stanno avvenendo sotto i nostri occhi, e oggi voglio solo elencarne alcuni ma senza approfondire analisi specifiche, che ho intenzione di fare più avanti nelle prossime settimane. Ma solo guardare questa lista è abbastanza impressionante, almeno per me. Quindi, eccoci qui:

Gli Anglo mettono in cerchio i carri:

La vendita pianificata di SSN statunitensi/britannici all’Australia è a dir poco un ENORME punto di svolta. È anche solo la punta di un grande iceberg:

  • Gli Stati Uniti sembrano aver de facto rinunciato all’Europa, non solo perché il Regno Unito se n’è andato o perché l’UE sta crollando e comunque è ingestibile, ma perché la presa politica che gli Stati Uniti avevano sul continente sta chiaramente svanendo: la NATO è una tigre di carta , i “nuovi europei” sono sopravvissuti alla loro utilità e la Russia ha sostanzialmente attenuato con successo la minaccia proveniente dall’Occidente con il suo sforzo titanico di sviluppare capacità che rendono un attacco alla Russia suicida per qualsiasi paese, compresi gli Stati Uniti, che siano coinvolte o meno le armi nucleari.
  • Fregando la Francia, gli Stati Uniti hanno gettato a mare un alleato piuttosto inutile che ha avuto un breve attacco isterico, ma sta già tornando al suo solito umiliarsi e chiedere l’elemosina (a proposito – quelli che pensano che de Gaulle sia stato l’ultimo patriota francese in grado di dire allo Zio Shmuel “fatti una passeggiata” si sbagliano, Mitterrand è stato l’ultimo, ma questo è un argomento per un altro giorno).
  • Naturalmente, in termini politici/di pubbliche relazioni, gli Stati Uniti continueranno a dichiararsi impegnati nei confronti della NATO e dell’UE, ma il “linguaggio del corpo” (le azioni) degli Stati Uniti contraddicono direttamente questa nozione.
  • Nonostante tutti i suoi enormi progressi dagli anni ‘80 e ‘90, la Cina ha ancora due principali punti deboli tecnologici: i motori degli aerei e gli SSN. Si dà il caso che questi siano anche due veri punti di forza degli USA. Schierando altri 8 SSN vicino alla Cina, gli Stati Uniti stanno massimizzando in modo molto intelligente l’uso delle loro migliori risorse e danneggiando la Cina dove farà più male. Tuttavia, questo comporta alcuni rischi molto reali, di cui parlerò di seguito.

I BRICS stanno per diventare inutili:

Il Brasile è attualmente gestito da Stati Uniti e Israele. Il Sudafrica è in una profonda crisi. Per quanto riguarda l’India, sta facendo quello che ha fatto per decenni: cercare di tenere il piede in più scarpe mentre cerca di indebolire la Cina. Quindi sembra proprio che i BRICS stiano diventando i “BRICS”, il che ci lascia in realtà con “solo” l’alleanza “RC” che in realtà ha un vero nome: i cinesi la chiamano “Partnership strategica globale di coordinamento per la nuova era”.

Ancora una volta, non credo che nessuno dissolverà formalmente quella che all’inizio era un’alleanza piuttosto informale, ma di fatto i BRICS sembrano perdere gran parte del loro fascino e delle loro illusioni. Per quanto riguarda Russia e Cina, non “salveranno” gli ex membri dei BRICS per un senso di simpatia, soprattutto non contro la loro stessa volontà: lasciate che si salvino da soli, o almeno ci provino. In quel caso, forse.

Inoltre, siamo onesti, i BRICS erano un concetto economico che era principalmente un’alleanza di paesi deboli contro le grandi potenze economiche e militari del Nord e dell’Ovest.

Quanto all’alleanza russo-cinese (chiamiamola così, anche se formalmente non è così), essa è già di per sé più potente dei BRICS e anche più potente dell’Occidente unito (USA+NATO+UE+ ecc.).

La SCO sta cambiando velocemente (grazie allo Zio Shmuel)

Se Biden fosse stato un “agente di Putin” segreto (“agente del KGB” è il termine preferito negli Stati Uniti, almeno da chi non sembra rendersi conto che il KGB è stato sciolto trent’anni fa) non avrebbe potuto fare “meglio” di quello che ha fatto in Afghanistan. Ora, grazie a questa perdita di faccia galattica, i membri (più) piccoli della SCO (Kazakistan, Kirghizistan, Tagikistan, Uzbekistan) si stanno seriamente preoccupando di ciò che accadrà. Ancora meglio, l’Iran (molto potente) diventerà ufficialmente un membro della SCO questo mese! Ancora una volta, né la Russia né la Cina “hanno bisogno” della SCO per la loro difesa, ma sicuramente rende le cose più facili per loro. Parlando di Afghanistan, il Pakistan è già membro della SCO, così come l’India.

È importante notare che la SCO non diventerà una “NATO asiatica” o un’“anti-NATO” o qualcosa di simile. Ancora una volta, perché Russia, Cina e altri dovrebbero voler seguire un modello fallito? Hanno ripetuto fino alla nausea che le loro alleanze sono di unioni di stati (veramente!) sovrani, e che questa unione non ostacolerà in alcun modo questa sovranità (inoltre, né la Russia né la Cina hanno la necessità limitare la sovranità degli altri membri della SCO per cominciare).

L’UE sta lentamente commettendo un suicidio economico e politico

Inizialmente, la Francia ha avuto un grave attacco isterico, ma probabilmente non sta facendo l’unica cosa che dovrebbe fare dopo quello che è successo: lasciare la NATO e sbattere la porta, molto forte. De Gaulle o Mitterrand lo avrebbero fatto subito, ma Macron? Essendo il falso senza spina dorsale definitivo che è, sarebbe miracoloso se facesse qualcosa di significativo (oltre a reprimere brutalmente tutte le rivolte in Francia).

Nel momento in cui scrivo il risultato delle elezioni in Germania è troppo ravvicinato per essere annunciato, ma anche se il NS2 può funzionare, il livello di isteria russofoba in Europa è così estremo che quasi sicuramente accadrà quanto segue: l’UE continuerà con la sua retorica fino a quando i prezzi non saliranno ancora di più, a quel punto si rivolgeranno all’unico paese di cui l’UE ha disperatamente bisogno per sopravvivere: la tanto odiata e temuta Russia. Non citatemi, ma la scorsa settimana ricordo i seguenti prezzi per 1000 metri cubi di gas in Europa (poco meno di 1000 dollari), Ucraina (1600 dollari) e Bielorussia (120 dollari). Potrei averlo memorizzato male (ero in viaggio), e potrebbe essere cambiato, ma la morale è questa: solo la Russia non può dare all’UE l’energia di cui ha bisogno, e ha esattamente ZERO motivi per rendere a quelle prostitute russofobe qualsiasi favore (diverso da quelli simbolici). E anche se la memoria mi ha giocato uno scherzo, quel che è certo è che i prezzi dell’energia sono alle stelle, le riserve dell’UE sono molto basse e le temperature in calo. Benvenuti nel mondo reale 🙂

Non parlerò nemmeno nel “multiculturalismo”, “inclusività”, “positività” e altre sciocchezze Woke che la maggior parte dei paesi dell’UE ha accettato come dogmi (anche la Svizzera ha ceduto [in inglese]).

Gli Stati Uniti sono come un aereo che va a pezzi a mezz’aria

Come molti di voi sanno, ho deciso di stare lontano dalla politica interna degli Stati Uniti (per molte ragioni diverse). Quindi userò solo una metafora: gli Stati Uniti sono come un aereo che, a causa dell’incompetenza del pilota e delle lotte intestine, si sta sgretolando a mezz’aria con i suoi passeggeri che ancora discutono su chi dovrebbe essere il prossimo pilota, come se ciò potesse fare una qualsiasi differenza. Alcuni passeggeri continueranno a litigare fino a quando non colpiranno il suolo. Altri sono impegnati in “risse a mezz’aria” pensando apparentemente che se riescono a picchiare a sangue l’altro tizio, in qualche modo impediranno alla gravità di fare ciò che fa.

La realtà è molto più semplice: un sistema che non è praticabile E che non può riformarsi (troppo impegnato ad adorare se stesso e ad incolpare gli altri di tutto) può fare solo una cosa: crollare e, probabilmente, anche rompersi. Solo dopo gli Stati Uniti, o come si chiameranno gli stati che seguiranno, potranno ricostruirsi in qualcosa di totalmente diverso dagli Stati Uniti, che sono morti soffocati dalla propria arroganza quest’anno (come tutti gli altri imperi della storia, tra l’altro, l’ultimo è quello sovietico).

Le elezioni russe

I risultati sono arrivati e sono l’ennesima perdita di faccia galattica per l’Impero Anglo-Sionista. Il principale partito del Cremlino ha preso un colpo, i Comunisti hanno fatto molto bene, l’LDPR di Zhirinovski ha perso molto e un nuovo partito (moderatamente pro-Cremlino) è entrato per la prima volta. Considerando i molti miliardi di dollari che l’Occidente ha speso per cercare di creare una crisi simile alla Bielorussia in Russia (Navalnyj, Petrov, Boshirov & Co.), questo è l’ennesimo fallimento davvero gigantesco per l’Occidente. Semmai, l’ascesa del Partito Comunista della Federazione Russa mostra che molte persone sono stufe di due cose: 1) ciò che vedono come una tiepida, se non addirittura debole, politica estera russa verso l’Occidente e 2) delle politiche Liberali (economicamente parlando) di Putin e del suo entourage. Assolutamente NESSUNO in Russia vuole “relazioni migliori” o qualsiasi tipo di “dialogo” con l’Occidente rabbiosamente russofobo. E nella misura in cui Russia e Stati Uniti *devono* semplicemente parlare tra loro (essendo superpotenze nucleari), ovviamente lo faranno. Ma l’UE in quanto tale è di zero interesse per la Russia. E se la Russia ha bisogno di fare qualcosa (ma cosa, comunque?), parlerà con gli Stati Uniti, non con i suoi sottoposti dell’UE. Nonostante tutti i suoi problemi, gli Stati Uniti contano ancora. Ma i pagliacci dell’UE?

[Nota a margine: la parola “Comunista” di solito suscita una reazione istintiva da parte degli statunitensi sottoposti a lavaggio del cervello. Ma per il resto di loro, lasciatemi dire che anche se non penso che il Partito Comunista della Federazione Russa sia ciò di cui la Russia ha bisogno, e anche se non ho niente di buono da dire su Zjuganov o sulla maggior parte della leadership del KPRF, dirò che KPRF non significa gulag, falci e martelli che uccidono bambini ucraini, carri armati russi nel centro di Varsavia o simili sciocchezze. Ci sono diversi partiti “Comunisti” in Russia, e nessuno di loro è nemmeno lontanamente simile al tipo di partito che era il vecchio e cattivo PCUS. Quindi, anche se i politici statunitensi si sentono molto arguti nel parlare del virus del PCC e di quel tipo di sciocchezze (Ted Cruz è ufficialmente il mio “idiota preferito” al Congresso ora), questo è così lontano da qualsiasi realtà che non mi preoccuperò nemmeno di spiegare qui.]

La pandemia di COVID

Wow, solo wow. Da dove comincio??? Il discorso di Biden su questo argomento è stata un’odiosa dichiarazione di guerra a tutti coloro che non accettano pienamente la linea “ufficiale” della Casa Bianca. Il fatto che molti (la maggior parte?) di coloro che non accettano la linea ufficiale del partito ACCETTINO una versione ancora più stupida degli eventi non rende giusto costringerli a scegliere tra le loro convinzioni e, diciamo, il loro lavoro, o il loro diritto a muoversi. Ancora una volta, dopo aver ascoltato Biden, ho continuato a chiedermi se fosse un “agente di Putin”, poiché le sue azioni stanno solo accelerando la rottura dell’“aereo americano” di cui ho parlato sopra. Potete dire molte cose sui dissidenti del COVID, ma non potete negare loro due cose: 1) una sincera convinzione nelle loro idee e 2) una convinzione altrettanto sincera che le loro libertà, valori e diritti fondamentali siano calpestati da bugiardi patologici e truffatori (alias politici+BigPharma).

Resisteranno e, sì, violentemente se necessario. Perché per loro è una questione sia di dignità umana personale che di sopravvivenza!

Almeno, e finora, gli Stati Uniti hanno ancora una potente Costituzione che renderà molto difficile agli attuali pazzi alla Casa Bianca fare ciò che apparentemente vogliono (costringere 80 milioni di americani ad obbedire, “altrimenti…”). Inoltre, i tribunali federali non possono essere semplicemente ignorati. Inoltre, gli stati americani hanno ancora molto potere. Infine, la maggior parte degli americani ha ancora a cuore gli ideali di libertà, amministrazione locale, privacy, ecc. Ma i paesi dell’UE non hanno simili protezioni dagli abusi governativi: è vero, negli Stati Uniti questi sono tutti diritti che vengono indeboliti di giorno in giorno se non ore, ma almeno non sono stati *ufficialmente* abrogati (ancora?).

Se volete vedere quanto possono andare male le cose senza simili diritti, basta guardare lo spettacolo di fenomeni da baraccone pandemico in Canada, Australia o Nuova Zelanda!

Infine, e indipendentemente dalla sua effettiva origine (sono ancora indeciso su questo), la pandemia di COVID ha cancellato tutto il trucco e ha mostrato al mondo intero il vero volto dell’Occidente e dei suoi governanti: deboli, ignoranti, arroganti, vigliacchi ipocriti, la cui unica vera preoccupazione è quella di pararsi il sedere e “afferrare ciò che può essere afferrato” prima dell’inevitabile e definitiva esplosione (nucleare, economica o sociale).

Ora torniamo agli SSN australiani

La vendita/affitto di questi SSN non è solo un pericolo per la Cina, ma anche per la Russia. In poche parole, la Russia non può e non permetterà agli Anglo di strangolare la Cina come fecero con il Giappone prima della Seconda Guerra Mondiale. La buona notizia è questa: gli ultimi SSN/SSGN russi sono buoni almeno quanto l’ultima classe Seawolf/Virginia, se non meglio. Idem per le capacità antisommergibile. Quello che manca alla Russia sono i numeri necessari (e le flotte di sottomarini anglo sono molto più grandi, anche “solo” la sola US Navy) e i fondi, che la Cina ha (o può avere). Dal punto di vista del Cremlino, gli Anglo stanno cercando di creare una “NATO asiatica”, cosa che né la Cina né la Russia permetteranno. I cinesi hanno già informato gli australiani che ora sono un obiettivo legittimo per gli attacchi nucleari (a quanto pare, l’Australia vuole diventare la “Polonia del Pacifico”), mentre i russi hanno fatto solo commenti generali di disapprovazione. Ma scommetto questo: lo Stato Maggiore Generale russo e quello cinese (che probabilmente lo hanno previsto da tempo) dispiegheranno insieme le risorse necessarie per contrastare quest’ultima “idea geniale” degli Anglo. In termini puramente militari, ci sono molte opzioni diverse per affrontare questa minaccia, quelle che Cina e Russia sceglieranno diventeranno evidenti abbastanza presto, perché è molto meglio fare qualcosa per impedire che la consegna avvenga effettivamente piuttosto che affrontare otto sottomarini d’attacco più avanzati.

A proposito, i russi stanno anche schierando/semi-testando un SSK avanzato, il classe Lada, che ha sia capacità molto avanzate che, a quanto pare, ancora molti problemi. Gli SSK non sono in grado di minacciare gli SSN in acque aperte (blu), ma in acque meno profonde (verdi/marroni) come stretti o litorali, possono rappresentare una minaccia molto reale, se non altro “liberando” gli SNN perché possano andare a cacciare nelle acque profonde (azzurre). Inoltre, la principale minaccia per i sottomarini viene dall’aria, e qui, ancora una volta, Cina e Russia hanno alcune opzioni molto interessanti.

Conclusione: tempi sicuramente interessanti…

Come dice la maledizione cinese, stiamo vivendo tempi molto interessanti. Il rapido crollo dell’Impero e degli Stati Uniti è, ovviamente, intrinsecamente molto pericoloso per il nostro pianeta. Ma è anche un’occasione d’oro per le nazioni della Zona B per cacciare finalmente gli Anglo e riconquistare la loro sovranità. È vero, gli Stati Uniti hanno ancora molto slancio, proprio come farebbe un aereo di linea in caduta, ma resta il fatto che 1) sono scappati dall’Afghanistan e 2) il fatto che stanno mettendo in cerchio i loro carri anglo mostra che qualcuno da qualche parte lo “capisce”, e ha persino compreso che nonostante l’enorme umiliazione politica che entrambi questi sviluppi rappresentano per i politici narcisisti e i loro seguaci, questo era un prezzo che doveva assolutamente essere pagato per (cercare) di sopravvivere.

Nel mio articolo, la (famigerata) analisi “L’Afghanistan si dimostrerà l’“Ultimo bagliore” dell’imperialismo Usa?” (ha scatenato ancora più isterie e insulti del solito, almeno nella sezione commenti di Unz Review) ho scritto questo: “l’impero britannico aveva i mezzi della sua politica estera. Gli Stati Uniti no».

Questo ora sta cambiando.

Sì, quello che stanno facendo gli Anglo (alias i 5 occhi) è una ritirata. Ma è *intelligente*. Stanno tagliando tutti i “pesi imperiali inutili” e optando per l’opzione “più piccolo ma più forte”. Potrebbe non piacerci, di certo non mi piace, ma devo ammettere che questa è piuttosto intelligente e probabilmente anche l’unica opzione rimasta per l’Impero Anglo-Sionista. Per lo meno, ora è chiaro che gli Anglo non hanno alleati e non li hanno mai avuti. Quello che avevano erano coolies coloniali che si immaginavano come parte di una “comunità di nazioni civili, democratiche e amanti della pace”. Questi coolies sono ora lasciati nel limbo.

Allora, chi sarà il prossimo a mostrare allo Zio Shmuel la porta? La mia ipotesi è la Corea del Sud. E, francamente, dal momento che la Corea del Nord non è un paese che l’Impero può attaccare, e poiché la Cina aumenterà solo la sua (già importante) influenza sia sulla Corea del Nord che sulla Corea del Sud, gli Stati Uniti potrebbero anche fare i bagagli e partire (forse per l’Australia o il Giappone occupato?).

Ok, fine di questa panoramica degli sviluppi.

Ora è il vostro momento di intervenire perché sono abbastanza sicuro di essermi perso alcune cose durante un breve viaggio.

Saluti

Il Saker

*****

Pubblicato su The Saker.is il 26 settembre 2021
Traduzione in italiano a cura di Raffaele Ucci per Saker Italia.

[le note in questo formato sono del traduttore]

Condivisione: