Tutto indica che l’Ucraina potrebbe iniziare un’offensiva invernale nel Donbass, e il possibile uso di un attacco sotto falsa bandiera con armi chimiche per darle il via.

L’Ucraina del 2018 è molto diversa da ciò che l’Europa si aspettava. Invece della riforma economica e sociale promessa in occasione del colpo di Stato Euromaidan nell’Ucraina del 2014, il governo di Petro Poroshenko sta adottando la forza bruta per mantenere il potere dopo le elezioni del 2019.

ONG e sostenitori europei sono preoccupati che i poteri conferiti dalla dichiarazione della Legge Marziale a Poroshenko possano essere troppo affascinanti per lui. Sono preoccupati che Kiev calpesterà i diritti umani e civili in Ucraina.

Il 10 dicembre, Eduard Basurin della DNR ha dichiarato [in inglese] che l’intelligence di Kiev sta per inscenare un attacco il 14 dicembre, il giorno prima che la Chiesa Ortodossa ucraina voti per l’autocefalia (libertà dal Patriarcato di Mosca).

L’Ucraina inizierà il suo attacco dalla regione di Mariupol con un gruppo di 12.000 uomini, con oltre 50 carri armati e 40 lanciarazzi multipli.

Questo gruppo darà una spinta offensiva fino al confine, cercando di guadagnare quanto più possibile prima che l’avanzata entri in stallo.

Dal Saker di settembre [in inglese] – Quando l’Ucraina inizierà l’assalto alla LDNR, mi aspetto che sarà condotto in modo simile al 2014. Il motivo è semplice. A meno che non abbiano acquistato aeromobili o missili superficie-superficie su larga scala, il terreno e le sue caratteristiche non sono cambiati. Provare un blitz non ti farà arrivare molto lontano prima che le tue truppe vengano decimate. Gli ucraini hanno iniziato a martellare Donetsk e Lugansk nel 2014 per convincere le repubbliche a difendere le città, e poi hanno cercato di aggirarle.

I primi obiettivi da conquistare sono le due strade principali che collegano le città. Successivamente, l’Ucraina probabilmente cercherà un assalto via terra, e di evitare il contatto il più possibile sulla strada per il confine. Nel 2014 hanno avuto delle guide che li hanno portati attraverso il terreno aperto.

Le 12.000 truppe ed equipaggiamenti a Mariupol sono presenti per due motivi. Uno è quello di sostenere la propaganda ucraina con una possibile finta, per attirare le risorse della DPR lontano da dove l’Ucraina vuole. L’altro motivo è di avviluppare l’intero confine mentre le truppe sulla linea di contatto ingaggiano le difese di DNR e LNR. Nel 2014, l’Ucraina non ha stanziato abbastanza risorse per farlo, anche se, a parte le zone di confine chiave, i confini erano relativamente poco protetti. Ciò ha portato i volontari della Diaspora ucraina a sparare sui locali che cercavano di fuggire dal conflitto.

Kerč’

L’incidente di Kerč’ e le sue ramificazioni sono ancora in cima alla lista internazionale, perché il Rappresentante Speciale degli Stati Uniti in Ucraina Kurt Volker afferma che forse le navi ucraine erano in acque internazionali quando la guardia costiera russa ha sparato e le ha confiscate.

La parte imbarazzante di quello che dice Volker è che si basa sul rapporto di Bellingcat ricavato dalle mappe di Google e, secondo l’autore, la Russia era 500 metri oltre la linea territoriale. Bellingcat dovrebbe investire in risorse migliori perché a causa del suo errore ha fatto sembrare stupido il Rappresentante degli Stati Uniti in Ucraina Volker.

Andando oltre, l’Ucraina sta rivendicando il diritto di transito attraverso lo Stretto senza utilizzare le procedure stabilite, compreso l’uso di un pilota che guidi le navi in sicurezza. La Russia sostiene che l’Ucraina si è rifiutata di chiamare il porto di Kerč’ per chiedere il passaggio attraverso lo Stretto, e questa negligenza ha avuto lo scopo di creare un incidente internazionale.

L’Ucraina a settembre ha attraversato lo stretto con navi da guerra con una scorta russa. Tutto questo è stato persino videoregistrato. Tuttavia, subito dopo, la Marina ucraina l’ha definita una vittoria dicendo che non aveva avvertito o confermato il transito, o usato un pilota per navigare nel canale poco profondo.

Il passaggio della marina ucraina attraverso lo Stretto a settembre è stato chiaramente registrato come questo ultimo tentativo di novembre. Se si esaminano le registrazioni di settembre, che includono il video, è possibile visionare l’accettatazione della legge e la procedura svolta.

La maggior parte delle fonti occidentali dicono che i russi hanno violato la Convenzione delle Nazioni Unite sul Diritto del Mare (UNCLOS) [in inglese]. Questo è un termine improprio, perché il Mare d’Azov è considerato un mare interno privato sia dall’Ucraina che dalla Russia. Non è alto mare, e non contiene zone economiche esclusive. Solo le due condizioni avrebbero reso applicabile l’UNCLOS.

Il testo dell’accordo del 2003 tra Ucraina e Russia favorisce la Russia in questo caso.

Legge marziale e Chiesa Ortodossa ucraina

L’unico guadagno dall’incidente di Kerč’ è che Petro Poroshenko ha dichiarato la legge marziale il giorno stesso. È accaduto appena prima del voto iniziale sull’autocefalia per la separazione della Chiesa Ortodossa ucraina (UOC). Il voto è stato cancellato e rinviato al 15 dicembre, il giorno dopo che l’intelligence della DNR ha dichiarato che l’Ucraina inizierà un attacco.

Nel frattempo, l’Ucraina ha deciso che i vescovi dissenzienti sono dei traditori che tentano di distorcere i risultati del voto per favorire il Patriarcato di Kiev.

La relazione dell’Ucraina con le sue Chiese esistenti, e quella che spera di avere con un voto positivo dei vescovi per l’autocefalia (indipendenza) è torbida.

Eppure, l’SBU di Poroshenko  (la versione ucraina dell’FBI) sta arrestando gruppi di vescovi [in inglese] per interrogarli. L’Ucraina sta definendo una minaccia per la sicurezza l’attuale vescovo della Chiesa Ortodossa ucraina del Patriarcato di Mosca, e sta interrogando i vescovi e i metropoliti in vista del voto (Sobor) in quello che sembra un palese tentativo di cambiare il loro voto per favorire l’indipendenza della UOC.

Consegnando la Chiesa al vescovo nazionalista ucraino Filarete, Poroshenko riuscirà a mantenere la promessa elettorale di una Chiesa-Esercito-Lingua ucraina unita e ricostruita.

Riconoscere Stepan Bandera come eroe dell’Ucraina

Il Senato ucraino (la Rada) ha appena votato per riconoscere nuovamente il capo nazionalista ucraino della Seconda Guerra Mondiale, Stepan Bandera, eroe dell’Ucraina. Questa mossa è al di là di ogni controversia, perché l’OUNB (Organizzazione dei Nazionalisti ucraini-Bandera) era tra gli assassini più entusiasti della Seconda Guerra Mondiale.

Per coloro che non conoscono Bandera, le sue schiere includevano 3 o 4 battaglioni delle Waffen SS, che fungevano anche da guardie nei campi di sterminio. L’OUN è responsabile della morte per fame di oltre 3 milioni di prigionieri di guerra sovietici in Ucraina.

L’OUN ha commesso i primi atti di olocausto della Seconda Guerra Mondiale a Khatyn e Babij Jar, appena fuori Kiev. Oggi a Babij Jar, invece del memoriale dell’Olocausto promesso per commemorare i 36.000 ebrei che sono stati uccisi lì, il governo ucraino ha costruito memoriali ai membri dell’OUN che potrebbero aver preso parte a crimini contro l’umanità.

L’Ucraina tenta di dire che Bandera e l’OUN erano contro i nazisti tedeschi, ma non secondo Slava Stetsko, la sua unica luogotenente rimasta in vita e leader dell’OUN nel 1991. È l’unica persona che conosceva la verità, e la Stetsko dice chiaramente che era a Berlino nel 1945 per chiedere a Hitler più soldi per costituire armate per servire il Reich.

Il riconoscimento a qualsiasi livello di Stepan Bandera da parte dell’Ucraina dovrebbe essere il fattore che mostra esattamente dove si trova politicamente il paese. Bandera era un fascista e credeva in un governo forte. La politica del suo seguace oggi è la stessa.

Che razza di paese è l’Ucraina, che rende un uomo che Adolf Hitler considerava violento e instabile il suo eroe nazionale?

L’Europa e gli Stati Uniti farebbero bene ad educare la diaspora ucraina e il governo ucraino su ciò che significa essere democratici. Il paese non ha mai trovato il suo orientamento sull’unico fattore veramente importante e necessario per entrare nella società internazionale, e ha bisogno di aiuto.

*****

Articolo di GH Eliason pubblicato su The Saker.is l’11 dicembre 2018
Traduzione in italiano a cura di Raffaele Ucci per SakerItalia.

[le note in questo formato sono del traduttore]

Condivisione: