I predatori cercano cibo nei villaggi di tutta la Siberia mentre gli esperti climatici avvertono che ogni anno gli incendi peggioreranno a causa dell’aumento vertiginoso delle temperature di 10° sopra la media.

Gli animali selvatici si rivolgono agli umani mentre sfuggono ai boschi simili a camere a gas, con incendi che continuano a imperversare su quasi 3 milioni di ettari.

Anche l’Artico è in fiamme, con il fumo che ricopre un’area più grande dell’Unione Europea e uno stato di emergenza dichiarato in diverse grandi aree della Siberia.

Ed è stato emesso un terribile avvertimento su un grande cambiamento nel clima in Siberia.

Video degli incendi che infuriano nel Bogučanskij rajon, Territorio di Krasnojarsk.

Maksim Jakovenko, capo del Servizio Federale russo per l’Idrometeorologia e il Monitoraggio Ambientale, ha dichiarato:

“La questione chiave sono gli incendi boschivi, quindi vorrei dire che la situazione peggiorerà ogni anno a causa (dei) cambiamenti climatici.

Le temperature in alcune regioni della Siberia avevano già superato i livelli medi da 8 a 10 gradi centigradi”, ha detto.

“Significa che in futuro dovremo affrontare ondate di calore durature, terreni asciutti e quindi aumenti delle temperature, non esponenziali, ma ad un ritmo significativo, superiore alla media in tutto il mondo.

Ecco perché la situazione climatica (in Siberia) peggiorerà”.

Fox

Bear cub in Ust-Kut

Bear cub in Ust-Kut

Aggressive bear in Zamzor village

Le volpi e gli orsi che hanno cercato aiuto dalle persone., Ma quello arrivato nel villaggio di Zamzor, Oblast’ di Irkutsk (foto in fondo), si è rivelato aggressivo ed è stato abbattuto.

Anche se il Presidente Putin ha ordinato al Ministero della Difesa di coinvolgere l’esercito nell’estinzione degli incendi, non esiste un sistema per aiutare gli animali selvatici.

Tutto quello che possono fare è fuggire e cercare cibo altrove, con i residenti locali che cercano di fare tutto il possibile per aiutare.

Ma possono anche rappresentare una minaccia per gli umani.

“Un piccolo orso bruno è uscito dal bosco ieri sera.

Era tutta pelle e ossa, con evidenti tracce di ustioni e così esausto da non aver paura delle persone”, ha detto il residente di Angarsk Maja Fleišter.

“Mio marito, che ora è nella taiga di Ust’-Kut, ha dato all’orso biscotti e acqua.

All’inizio l’orso ha ringhiato, ma poi ha ingoiato l’acqua e ha preso i biscotti, facendo piangere tutti gli osservatori – e quelli che hanno trascorso la scorsa settimana soffocati dai fumi”.

Video del cucciolo d’orso avvistato vicino alla città di Ust’-Kut.

Si dice che animali in preda al panico siano stati visti ad est e ad ovest del Lago Bajkal, anche sul territorio della vasta regione di Krasnojarsk e nella regione più fredda della Russia, la Jakuzia, anch’essa in fiamme.

Un rapporto ha parlato di una famiglia di volpi, con la madre che è riuscita a portare i suoi cuccioli fuori dal bosco e li ha spostati perché vivessero proprio accanto a una strada, in piena vista dei lavoratori di un pozzo di petrolio di Ičedinskij, ha detto un rapporto.

“Non cercate di ostacolarti”, ha avvertito il biologo moscovita Sergej Naidenko dell’Istituto di Ecologia e dell’Evoluzione Severcov.

“Gli animali selvatici in fuga non cercheranno conflitti con gli umani, tutto ciò che dovete fare se uno o più di loro entrano nel vostro terreno recintato è aprire le porte e non spaventarli.

Per quanto tutti noi vorremmo dare da mangiare agli animali selvatici, vorrei comunque avvertirvi di non farlo.

Potreste dare da mangiare una volta ad un orso esausto, ma non c’è mai la garanzia che non vi attaccherà la seconda successiva”, ha detto Naidenko.

Wildfires in Krasnoyarsk region

Gli incendi nel Territorio di Krasnojarsk.

Wildfires in Irkutsk region

Gli incendi nell’Oblast’ di Irkutsk.

Wildfires in Krasnoyarsk region

Gli incendi nel Territorio di Krasnojarsk.

Burned down forest

“La situazione peggiorerà ogni anno a causa (dei) cambiamenti climatici”.

Diversi giorni fa in Jakuzia giovani orsi bruni hanno invaso uno dei remoti villaggi della regione, uccidendo diversi cani incatenati nei cantieri.

La maggior parte dei grandi animali come orsi, cervi, cinghiali e lupi dovrebbero essere in grado di salvarsi e fuggire dal fuoco, secondo il biologo russo.

Le madri con cuccioli giovani – che in questo periodo dell’anno includono linci, volpi e lepri – ne risentono di più in quanto c’è poco che possono fare per spostare i loro piccoli.

I ricci, che si muovono lentamente, sono “condannati”, ha detto Naidenko, così come la maggior parte degli animali più piccoli come i topi. la cui strategia per evitare il fuoco è quella di nascondersi nelle tane.

“Per vari tipi di topi tutto dipenderà dalla profondità delle loro tane e dalla velocità con cui il fuoco arriverà sopra di esse. Se sopravvivranno al fuoco, la prossima lotta sarà quella di trovare cibo sul terreno bruciato, ha spiegato Naidenko.

Un parco zoologico chiamato Lesnaja Skazka di Barnaul ha offerto i suoi spazi per salvare almeno alcuni animali selvatici.

“Siamo in grado di ospitare fino a 30 grandi animali su 7 ettari della nostra terra libera”, ha dichiarato il direttore dello zoo Sergej Pisarev.

“Ieri abbiamo ricevuto visitatori da Irkutsk, che hanno affermato che a fuggire dai boschi erano principalmente alci e cervi”.

*****

Articolo di Svetlana Skarbo pubblicato il 2 agosto 2019 su Global Research.

Traduzione in italiano a cura di Raffaele Ucci per Saker Italia.

Condivisione: