L’ultimo sottomarino lanciamissili balistici a propulsione nucleare russo, il Knyaz Vladimir, è entrato in servizio attivo nella Marina russa il 12 giugno, Giornata della Russia.

In precedenza, il 28 maggio, il certificato di accettazione era stato firmato presso l’azienda Sevmash. L’1 giugno, Giornata della Flotta del Nord, il documento è stato approvato dal comandante in capo della marina, Ammiraglio Nikolaj Evmenov.

“La Giornata della Russia, il 12 giugno, alla Sevmash di Severodvinsk, si terrà una cerimonia solenne per l’ammissione nella Marina dell’ultimo sottomarino incrociatore lanciamissili strategico progetto Borey-A 955A, il Knyaz Vladimir, e l’alzabandiera della bandiera di Sant’Andrea”, diceva il comunicato.

La Marina ha sottolineato che il sottomarino incrociatore nucleare non ha rivali al mondo.

“Questo evento sottolinea lo status della Federazione Russa come una grande potenza marittima con una flotta oceanica. Il sottomarino incrociatore strategico lanciamissili Knyaz Vladimir incarna il pensiero scientifico avanzato dei nostri scienziati e costruttori navali”, affermavano le parole di Evmenov.

Secondo la dottrina navale della Federazione Russa, in futuro i sottomarini di questo progetto, che saranno costruiti in una grande serie, costituiranno la base delle forze nucleari strategiche della Russia.

La cerimonia è stata guidata dal capo della Marina, Ammiraglio Nikolaj Evmenov.

Hanno partecipato anche il comandante della Flotta del Nord Aleksandr Moiseev, il Viceministro dell’Industria e del Commercio Oleg Rjazancev, il governatore ad interim dell’Oblast di Arcangelo Aleksandr Cybulskij, il Sindaco di Severodvinsk Igor Skubenko, il Presidente della United Shipbuilding Corporation (USC) Aleksej Rachmanov e il CEO di Sevmash Michail Budnichenko.

In precedenza, il Knyaz Vladimir aveva completato l’ingresso controllato in mare ed era arrivato a Severodvinsk, nello stabilimento della Sevmash.

Il vascello era nel Mar Bianco dal 12 maggio, i test sono stati effettuati prima in superficie e poi in posizione subacquea. La parte principale dei test, tra cui quella dei razzi e dei siluri, si è svolta alla fine del 2019.

Il Knyaz Vladimir è un sottomarino incrociatore strategico lanciamissili migliorato Progetto 955A, che rappresenta la quarta generazione di sottomarini a propulsione nucleare costruiti per la Marina russa. È stato varato nel novembre 2017. Secondo i dati del Ministero della Difesa russo, il sottomarino Knyaz Vladimir è meno rumoroso e presenta migliori sistemi di controllo delle manovre, della profondità e degli armamenti.

Tutti i sottomarini classe Borei possono trasportare 16 missili balistici Bulava. Sono inoltre dotati di tubi lanciasiluri da 533 mm. I costruttori navali in precedenza avevano pianificato di consegnare il sottomarino a propulsione nucleare Knyaz Vladimir alla marina russa entro la fine del 2019.

Secondo quanto riferito, l’SLBM Bulava – una variante navale del Topol-M – può essere equipaggiato con sei-dieci testate nucleari con veicoli di rientro multipli (MIRV) indirizzabili in modo indipendente, che producono da 100 a 150 chilotoni ciascuno, nonché da 10 a 40 esche. Il Bulava con propellente solido a tre stadi (con l’ultimo stadio a propellente liquido) ha una gittata stimata di oltre 8.300 chilometri.

Il Knyaz Vladimir è stato impostato nel 2012 e varato nel 2017 con un ritardo di due anni. Il sottomarino lanciamissili balistici a propulsione nucleare classe Borei-(A)-II presenta capacità stealth potenziate, migliore manovrabilità subacquea e può trasportare SLBM supplementari.

*****

Pubblicato da Southfront il 12 giugno 2020
Traduzione in italiano a cura di Raffaele Ucci per Saker Italia.

__________

La redazione di Saker Italia ribadisce il suo impegno nella lotta anti-mainstream e la sua volontà di animare il dibattito storico e politico. Questa che leggerete è l’opinione dell’autore; se desiderate rivolgere domande o critiche purtroppo questo è il posto sbagliato per formularle. L’autore è raggiungibile sul link dell’originale presente in calce.

L’opinione dell’autore non è necessariamente la nostra. Tuttavia qualsiasi commento indecente che non riguardi l’articolo ma l’autore, sarà moderato, come dalle regole in vigore su questo sito.

Condivisione: