Il sistema globale di difesa anti-missili balistici della NATO è una minaccia diretta alla sicurezza della Russia.

A conclusione di una serie di colloqui sui temi della sicurezza, il Presidente Russo Vladimir Putin ha parlato ai generali ed ai capitani dell’industria della Difesa riuniti a Sochi, ribadendo all’uditorio che la Russia continuerà a sviluppare tecnologie militari avanzate per la propria sicurezza.

Il Presidente Russo ha ricordato come sia stato proprio l’equilibrio tra le potenze militari ad evitare un conflitto su vasta scala tra le parti durate la Guerra Fredda, e che la Russia continuerà ad opporsi ai tentativi di alterare tale equilibrio strategico nel mondo.

Con ciò Putin ha fatto riferimento esplicito al sistema globale di difesa missilistica anti-balistica della NATO, che costituisce una minaccia diretta agli interessi di sicurezza della Russia.

Il Presidente Russo Vladimir Putin, rivolgendosi ai Militari Russi, ha affermato:

“Il nostro obiettivo è di neutralizzare efficacemente ogni minaccia militare alla sicurezza della Russia, inclusi il sistema strategico di difesa anti-missili balistici [della NATO], il concetto prompt global strike e la guerra informatica“.

“Noi continueremo a fare tutto il necessario per mantenere l’equilibrio strategico tra le potenze”.

“Le principali potenze mondiali stanno attualmente investendo le più avanzate conoscenze scientifiche nello sviluppo di armamenti, incluse tecnologie laser, ipersoniche e robotiche. Anche la Russia sta portando avanti tali ricerche“.

“Nel creare sistemi d’arma avanzati, noi ci atteniamo strettamente agli obblighi internazionali che la Russia si è assunta; ma altre nazioni, come tutti sappiamo, rinnegano gli accordi già presi, proprio come nel caso del sistema di difesa anti-missili balistici”.    

“Putin ha alluso in questo modo al ritiro unilaterale dal trattato ABM, nel 2002, da parte dell’Amministrazione USA di George W. Bush”, secondo quanto riportato da RT.

Mosca accusa gli USA ed i suoi partner della NATO di minacciare la sicurezza nazionale russa perseguendo sistemi per contrastare la deterrenza nucleare russa, espandendo l’Alleanza verso i suoi confini e sviluppando tecnologie avanzate per l’attacco convenzionale che potrebbero essere utilizzate in un’aggressione su vasta scala.

 *****

Articolo di Alex Christoforou pubblicato da The Duran il 18.11.2016
Traduzione in Italiano a cura di Jacobus per SakerItalia.it