Tag "Accordi di Minsk"

Articolo di Vladimir Putin: “La storica unità di Russi e Ucraini”

Durante la recente “Linea Diretta”, mi è stata fatta una domanda sulle relazioni russo-ucraine: ho risposto che Russi e Ucraini erano un unico popolo, un tutt’uno. Queste parole non sono state motivate da nessuna considerazione a breve termine, o suggerite dall’attuale contesto politico. È ciò che ho detto in numerose occasioni, e ciò in cui credo fermamente. Penso sia quindi necessario che io spieghi con precisione la mia posizione, e

Gridare al lupo! Al lupo! in Ucraina

Devo ammettere che prima di mettermi a scrivere questo editoriale avevo dei dubbi: pensavo “non *un altro* articolo che avverte di una potenziale esplosione in Ucraina! Non di nuovo!”. Eppure, gli eventi sul campo sono quello che sono e ignorarli con il pretesto che sono stufo di “gridare al lupo” ancora e ancora non è una soluzione saggia. Cercherò di essere breve però. Per prima cosa, lasciate che vi fornisca

DPR – l’esercito ucraino ha bombardato la periferia di Donetsk: quattro soldati della milizia popolare uccisi e cinque feriti

Il 21 giugno 2021, l’esercito ucraino ha sparato con mortai da 120 mm e razzi anticarro contro Staromichajlovka e Lozovoe, uccidendo quattro soldati della milizia popolare della DPR (Repubblica popolare di Donetsk) e ferendone altri cinque. L’alto numero di vittime è stato causato dal fatto che l’esercito ucraino, in violazione delle sue garanzie di sicurezza, ha sparato sulla squadra che stava recuperando i morti e i feriti dello scontro a

L’Ucraina è un partner strategico americano contro la Russia

L’aggressione orchestrata dagli Stati Uniti contro il Donbass lungo il confine con la Russia dall’aprile 2014 è stata portata a un livello più alto dai membri della linea dura del regime di Biden. Il loro scopo è provocare il conflitto tra Mosca e l’Ucraina colonizzata dagli Stati Uniti. Sebbene improbabile a causa della moderazione russa, si rischierebbe lo scontro diretto tra le principali superpotenze del mondo. La scorsa settimana, senza

Ucraina: un buco nero di tirannia fascista creato dagli USA

Tra i suoi innumerevoli crimini di guerra, contro l’umanità e altri illeciti, il regime di Obama/Biden in Ucraina ha sostituito la democrazia con la tirannia fascista infestata dai Nazisti – nel cuore dell’Europa, al confine con la Russia. In una data imprecisata di maggio, l’interventista Blinken incontrerà a Kiev il presidente fantoccio ucraino installato negli Stati Uniti, Zelenskyj. Secondo l’ex assistente Segretario di Stato americano per gli Affari Europei ed

L’Occidente riconosce di essere fascista

L’11 aprile la Germania ha di nuovo riconosciuto (anche se questa volta solo implicitamente) che il motivo per cui la guerra in Ucraina è continuata dopo il Protocollo di Minsk del 2015, che avrebbe dovuto creare le condizioni preliminari per la pace, è che l’Ucraina si rifiuta di conformarsi a tenervi fede. Sepolta in un articolo pubblicato l’8 aprile dal governo tedesco c’è un’ammissione diretta che ciò che ha bloccato

Cosa è appena successo in Ucraina

Prima di esaminare ciò che è appena accaduto in Ucraina, dobbiamo ricordare la sequenza di eventi che hanno portato alla situazione attuale. Proverò a fare un breve riassunto (saltando molti dettagli) nello stile di un elenco puntato: Non sappiamo se Ze inizialmente intendesse fermare la guerra nell’Ucraina orientale, ma sappiamo che non solo non è riuscito a fermarla, ma per molti versi le sue politiche sono state anche peggiori di

C’erano una volta i “Partner Occidentali”

In questi mesi abbiamo assistito ad un incremento sostanziale dei bombardamenti ucraini sul fronte del Donbass. Non soltanto artiglierie pesanti, vietate dai trattati di Minsk, sono state smistate sui fronti, ma anche carri armati e truppe. Da settimane la pressione è aumentata, in concomitanza delle esercitazioni NATO. Questo ha spinto la Federazione ha dispiegare lungo i confini del proprio territorio una quantità di mezzi e truppe notevole. E’ stata svolta

L’Ucraina fa finta di non voler risolvere il conflitto nel Donbass con la forza – ipocrisia o paura della Russia?

Dopo più di un mese di continua escalation, accumulo di armi pesanti vicino alla linea del fronte e minacce di guerra, l’Ucraina ha fatto pubblicamente un voltafaccia completo, con dichiarazioni successive di funzionari che affermano che Kiev non vuole risolvere il conflitto del Donbass con la forza. Il problema è che queste belle e pacifiche dichiarazioni sono in totale contraddizione con quelle di altri politici ucraini del partito di Zelenskyj,

L’Occidente si rifiuta risolutamente di affrontare la realtà in Crimea

Uno degli aspetti più noiosi dei media tradizionali è il modo in cui ignorano la storia e trattano tutti i sistemi moderni come se fossero privi di contesto storico. Da nessuna parte questo è più evidente quando si presenta la situazione attuale in Crimea. I politici e i giornalisti occidentali sembrano completamente privi di contesto storico quando discutono dell’attuale attrito tra Russia e Ucraina sullo stato della Crimea. Peggio ancora,