Tag "Al Tanf"

Situazione operativa sui fronti siriani, riepilogo novembre 2018

Bollettino n. 160 del 7-1-2019 Riprendiamo con l’anno nuovo il racconto e l’analisi degli eventi che continuano ad accadere in Siria. Naturalmente con l’eliminazione di tutte le principali sacche di terroristi o combattenti al soldo di potenze straniere, l’attività bellica si è notevolmente rallentata e spesso limitata a piccoli scontri a fuoco localizzati o scambi di artiglieria. Vediamo attraverso delle analisi settimanali quanto accaduto in questo periodo, ci fermeremo al

Sitrep con Stefano Orsi Nr.045

Incontriamo nuovamente Stefano per fare il punto della situazione in Siria con gli ultimi sviluppi sul campo e l’attacco chimico subito dai civili di Aleppo, taciuto dai nostri media. Parleremo poi della crisi dello Stretto di Kerch, in Crimea, Russia.

Situazione operativa sui fronti siriani al 27-9-2018

Giorno 16-9-2018 Un’altra settimana è trascorsa, e l’azione bellica principale pare essersi spostata verso oriente. Vediamo nel dettaglio come siano evoluti i fronti al momento attivi. Fronte del deserto di Suweida Battaglia di Al Safa Continuano le battaglie presso la Montagna nera di Al Safa. In questo settore operano due brigate, una della 3° Divisione ed una della 10°, che coordinano poi milizie NDF della guardia nazionale, e milizie riconciliate

Sitrep con Stefano Orsi Nr.041

Rieccoci con Stefano dopo due settimane di attesa, gli argomenti di oggi sono: il proseguimento delle operazioni militari siriane in direzione di Idlib; esamineremo la composizione dei “residenti” di Idlib; daremo uno sguardo alla sacca di Al-Tanf e al vicino Iraq; discuteremo delle iniziative diplomatiche russe, prima quella di Teheran, poi quella prossima di Sochi a cui parteciperanno Putin ed Erdogan. Si tratta di una puntata piuttosto lunga, ricca di

Situazione operativa sui fronti siriani al 4-9-2018

La Grande Battaglia per Idlib Parte oggi la prima fase preparatoria della liberazione della provincia di Idlib dalle forze terroriste ad un anno esatto dalla fine dell’assedio di Deir Ezzour. Non è questa la prima campagna militare contro Al Qaeda, già mesi or sono dal fronte orientale partì un potente attacco siriano che portò alla liberazione di diverse cittadine e villaggi, la definitiva messa in sicurezza della “supply road” per

Situazione operativa sui fronti siriani al 10-8-2018

Chiuso il capitolo del sud ovest siriano, con il termine della Grande Battaglia per Daraa e Quneitra, ricominciamo ora con quelle che sono operazioni minori, ovvero l’attacco alla sacca ISIS formatasi alla vigilia dell’operazione di cui sopra e che è stata usata come base per gli attacchi sanguinosi di Suweida, costati la vita a più di 250 civili siriani. Come abbiamo letto nelle precedenti Sitrep e bollettini flash, il giorno

Damasco e Mosca dominano con confidenza il sud della Siria

Dopo che l’aviazione delle Forze Aerospaziali Russe (VKS) con sede a Hmeimim iniziò a partecipare attivamente all’operazione militare di Damasco nelle province di Daraa e As-Suwayda (Nota Bene: in alcuni giorni ci sono ben 70 voli operativi al giorno), le forze governative della Repubblica Araba Siriana (SAR) sono avanzate ulteriormente e, dal 6 luglio, si sono avvicinate al confine con la Giordania, ripristinando i posti di blocco di sicurezza al suo

Sitrep con Stefano Orsi Nr.037

Oggi parleremo dell’offensiva su Daraa e delle riconciliazioni in corso. Parleremo della sacca di Al Sukhnah e della sua prossimità ad Al Tanf, area sottratta dagli Stati Uniti. In ultimo parleremo dello sventato attacco con droni contro l’aeroporto di Hmeimim. Durata 1 ora e 6 min circa. Buona visione!

Situazione operativa sui fronti siriani del 25-6-2018 la n.150!!

Apriamo oggi la nostra 150° SITREP, prima di passare all’analisi dei fronti vi propongo la videositrep che abbiamo realizzato il giorno 22, proprio appena prima che partisse l’offensiva siriana. Facciamo infatti il punto su tutti i fronti in vista di questa attesa operazione. La Grande Battaglia per Daraa ha avuto poi inizio. Giorno 22-6-2018 Ci avviciniamo sempre più a quella che potrebbe essere una delle battaglie più cruente e pericolose