Tag "Bombardamenti"

La tragedia e l’inganno dell’esperimento nei Balcani della NATO: 20 anni dopo

Il 24 marzo 1999 era un ordinario giorno di scuola di metà settimana a Belgrado (mercoledì). All’improvviso, metà della mia classe liceale se ne andò in silenzio per andare a casa prima, citando i parenti d’oltreoceano che dicevano che la campagna di bombardamenti della NATO era iniziata nel sud, inclusa un’autorizzazione per colpire Belgrado. I miei amici e io (per i quali la TV satellitare era un lusso inimmaginabile!) lasciammo

Battaglia di Mosul – Situazione al 6 novembre 2016

L’esercito iracheno sta spingendo le forze dell’ISIS verso il centro della città. I terroristi in ritirata incendiano i pozzi di petrolio, per ostacolare con il fumo le azioni di bombardamento della coalizione americana. Da nord avanzano i Curdi, anche con le unità femminili. In mezzo a tutto, la popolazione civile. ***** Sottotitoli in Italiano a cura di Mario per SakerItalia.it

Ministero della Difesa Russo – Media briefing 11 febbraio 2016

Commento del Saker: La parte interessante comincia al minuto 4:15. E’ una dichiarazione alquanto sorprendente. Non credo di aver mai udito prima d’ora un Ufficiale Russo dichiarare così apertamente il suo disgusto e disprezzo per i suoi “colleghi” statunitensi. Ascoltate voi stessi: Il portavoce del Ministero della Difesa Russo, Maggiore Generale Igor Konashenkov risponde alle accuse americane sui presunti bombardamenti russi contro l’ospedale di Aleppo. ***** Sottotitoli in Italiano a

Operazioni dell’Aviazione Russa

Le forze aeree della Federazione Russa, operanti in Siria, colpiscono le raffinerie di petrolio e le colonne di autocisterne dell’ISIS.

Offensiva siriana

Le prime operazioni offensive di terra dell’esercito siriano contro le posizioni dell’ISIS fiaccate dai bombardamenti russi. Servizio di Evgeniy Poddubniy per il canale TV Russia24. ***** Sottotitoli in Italiano a cura di Mario per SakerItalia.it

Poroshenko ha mantenuto una promessa: “I nostri Figli andranno negli Asili e nelle Scuole, i loro vivranno nelle Cantine”

– Vittorio Nicola Rangeloni * – Dopo oltre un anno dall’inizio dei conflitti nella città di Pervomaysk, parecchie famiglie vivono tutt’ora sotto terra nei rifugi di epoca sovietica. Siamo stati nel rifugio di una vecchia fabbrica della città, ed abbiamo incontrato bambini, anziani e famiglie che da un mese ed un anno non hanno altra soluzione che vivere in condizioni assurde.  Non è facile trovare lo scantinato per chi non ne

La sporca Guerra: Armi al Fosforo contro il Villaggio di Zholobok

– Vittorio Nicola Rangeloni*- VNR: Ci troviamo nel villaggio di Zholobok, un altro dei punti più colpiti della Repubblica Popolare di Lugansk. Siamo di fronte a questo edificio che è stato bombardato l’altro ieri. Vedete che in seguito all’esplosione è andato a fuoco… Si vede ancora il fumo che sale dalle macerie. In questa casa abitava una signora con il nipote, una famiglia che fortunatamente nel momento dell’impatto dell’ordigno non

Dove la tregua non esiste: reportage dal villaggio di Donetskij

– Vittorio Nicola Rangeloni*- Siamo arrivati nel villaggio di Donetskij, qua ci sono tantissime case distrutte. Ci troviamo a due chilometri dalle postazioni ucraine, dal ventinovesimo posto di blocco dove sono schierate le forze armate ucraine e unità polacche. Vediamo in che condizioni vive la gente normale…  Non i separatisti, non i terroristi, ma la gente più comune: anziani, bambini, famiglie, che ogni giorno vengono coinvolti da questi eventi che

Donetsk, manifestazione del 15 giugno 2015

Un servizio di Graham Phillips sulla manifestazione che si è tenuta nel centro di Donetsk il 15 giugno 2015 dalle persone che vivono costantemente sotto i bombardamenti dell’esercito ucraino. Le considerazioni su Poroshenko sono al min. 9,47. ***** Sottotitoli in Italiano a cura di Mario per SakerItalia.it

Il Parlamento Europeo marcia unanime verso la guerra

Salvo sorprese dell’ultimo minuto, tutti i sette gruppi del Parlamento Europeo voteranno oggi una mozione surreale con la quale (fra l’altro) l’Assemblea: – “Condanna energicamente la politica aggressiva ed imperialista della Russia, che costituisce una minaccia per l’unità e l’indipendenza dell’Ucraina e rappresenta una minaccia potenziale per l’Unione Europea.” (punto 5); – “Richiede la continuazione dell’odierno regime sanzionatorio dell’Unione Europea in particolare in occasione dell’imminente incontro del Consiglio del marzo 2015, dal