Breaking news
  • No posts where found

Tag "Carbone"

Il Donbass si sta staccando da un’Ucraina agonizzante

Nel paesaggio politico dell’Ucraina si verificano continuamente spostamenti tettonici. La settimana scorsa, dopo l’imposizione di un blocco totale alla Novorussia da parte degli Ucronazi, la Russia ha dichiarato che, d’ora in poi, riconoscerà i documenti ufficiali rilasciati dalle autorità della DNR e della LNR. [in italiano]. Questa settimana, le autorità novorusse hanno nazionalizzato tutte le principali fabbriche del Donbass [in inglese]. Inoltre, i Novorussi hanno dichiarato adesso che, dal momento che

Il prezzo del blocco: solo a Mariupol rimarranno per strada in 120 mila

L’Ucraina non ha ancora sentito tutti gli effetti del blocco del Donbass effettuato dai nazionalisti radicali. Ma solo per il momento, come avvertono gli esperti ucraini e i dirigenti delle grandi imprese. Se dal 1° marzo le autorità delle repubbliche non riconosciute manterranno le loro promesse, cioè cominceranno la nazionalizzazione delle imprese dei proprietari ucraini, cessando inoltre completamente la fornitura di carbone, allora per l’Ucraina arriveranno tempi duri. Cominceranno le

Perché l’Europa tace sulla proposta ucraina di confiscare le proprietà russe?

Questo brutto episodio dimostra ancora una volta l’impegno dei leader ucraini verso un’Europa i cui valori sono puramente cinici e manipolatori. Il disegno di legge ucraino che propone la confisca delle proprietà della Russia e dei residenti russi in Ucraina è una mostruosità, oltre che essere sfacciatamente illegale. L’Ucraina è un membro del Consiglio europeo e una firmataria della Convenzione europea per la salvaguardia dei diritti dell’uomo e delle libertà

Il nuovo accordo relativo al carbone russo per l’Ucraina ha a che fare con il carbone del Donbass?

Il blogger Russo Ucraino Yurasumy sembra di questa opinione Ogni volta che trovo che il mio tempo non è occupato nello scrivere, amo leggere i commenti di quelli che, da sempre, lamentano il fatto che Putin abbia abbandonato al proprio destino il Donbass. C’è della gente in giro che, di nuovo in preda allo sconcerto, ci propone delle idee da loro considerate “logiche” ma che invece sono folli. Secondo una

La Russia porge la mano a Kiev?

Nella totale indifferenza delle autorità e dei media occidentali la Russia ha compiuto nei giorni scorsi alcuni passi significativi verso una normalizzazione dei suoi rapporti con Kiev. Gli uomini di Mosca hanno evacuato l’istmo di Chongar, un lembo di terra che si stende fra il continente e la Crimea, occupato la scorsa primavera a causa della sua importanza logistica (la località ospita infrastrutture essenziali all’approvvigionamento idrico ed elettrico della penisola).

L’Ucraina vista attraverso gli occhi di un geologo

Di professione, io sono un geologo, non un indovino né un sensitivo. Non ho modo di sapere ciò che sta pensando Putin o di cosa hanno parlato ieri Poroshenko e Obama. Io non sono in rapporti di intimità con gli oligarchi dei diversi paesi coinvolti negli eventi in Ucraina e ho solo una vaga idea delle loro macchinazioni finanziarie. Ma so che le risorse minerarie sono il fondamento dell’economia dell’Ucraina