Tag "CIA"

Rivisitando la 5a e, soprattutto, la 6a colonna russe (AGGIORNATO)

Prima le cose facili. La Russia ha una tipica quinta colonna: “Liberali” filo-occidentali, agenti di influenza assortiti, nostalgici degli anni ‘90 (quando potevano saccheggiare la Russia quanto volevano), i tizi del consenso di Washington, gente che odia la Russia (per qualsiasi motivo) e sogna il giorno in cui la Russia si sgretolerà, ecc. ecc. ecc. Sono oggettivamente agenti di influenza per le operazioni psicologiche occidentali [PSYOPs]. Ho coniato il termine

Cyberattacco contro la Corea del Nord: motivo dell’escalation di gennaio 2022?

Quando si parla delle ragioni della fine della moratoria [in inglese] nordcoreana, i media globali e la maggior parte degli esperti ignorano un fattore che avrebbe potuto svolgere un ruolo chiave nella decisione della leadership della Corea del Nord. Il 14 gennaio 2022, NK News ha riferito [in inglese] della scomparsa della Corea del Nord da internet che è durata diverse ore, poiché i server centrali del paese non erano

Una guerra in Ucraina è tattica – Putin fa strategia

Il 22 novembre, 63 giorni fa, il 22 novembre è partita [in inglese] la corsa dei media “occidentali” alla guerra in Ucraina: Gli Stati Uniti hanno condiviso informazioni, comprese mappe con gli alleati europei, che mostrano un accumulo di truppe e artiglieria russe che si preparano a un’offensiva rapida su larga scala in Ucraina da più località, se il presidente Vladimir Putin deciderà di invadere, secondo persone che hanno familiarità

I tre tipi di “cambio di regime” degli Stati Uniti

Nel corso della lunga e documentata storia [in inglese] dei rovesciamenti illegali di governi in paesi stranieri ad opera degli Stati Uniti per costruire un impero globale, sono emerse tre modalità con cui Washington attua diffusamente i suoi “cambi di regime”. Dall’alto. Se il leader preso di mira è stato democraticamente eletto e gode del sostegno popolare, la CIA lavora con i gruppi d’élite (come i militari) per rovesciarlo (qualche

Il NED “partner della CIA” dà 2,6 milioni di sterline ai gruppi di informazione inglesi

Un’agenzia finanziata dal governo americano, che sostiene di promuovere la democrazia e invece contribuisce a indebolire i governi indipendenti da Washington, è entrata decisamente nello spazio dei media dal 2016. Il NED, National Endowment for Democracy, ha finanziato gruppi come Bellingcat, Index on Censorship, Article 19, Finance Uncovered e la Fondazione Thomson Reuters Un ex funzionario della CIA ha detto a Declassified che il NED è un “veicolo” per la

Quei russi cattivi

Questa politica non ha senso. Il New York Times ha riferito questa settimana [in inglese] che la Russia sta preparando la sua opinione pubblica per una potenziale guerra con gli Stati Uniti. Mosca sta “promuovendo il patriottismo” insegnando agli studenti delle scuole superiori storia e storia militare, secondo il Times, e che i media russi affermano che il paese si considera “circondato da nemici”, e potrebbe essere costretto a difendersi

Un rapimento giudiziario

“Se ne abbiamo il coraggio, guardiamo noi stessi per capire cosa ci sta succedendo”- Jean-Paul Sartre Le parole di Sarte dovrebbero risuonare nella nostra testa dopo la grottesca decisione della Corte Suprema del Regno Unito di estradare Julian Assange negli Stati Uniti, dove lo aspetta “una morte vivente”. E’ la punizione per il crimine di vero, corretto, coraggioso, vitale giornalismo. In queste circostanze, il termine “errore giudiziario” non è adeguato.

Intervista con A.B. Abrams sul suo ultimo libro e sulla guerra in Siria

A.B. Abrams ha pubblicato da poco il suo ultimo libro intitolato “Guerra mondiale in Siria – Conflitto globale nei campi di battaglia mediorientali”. Si può ordinare [in inglese]  su ClarityPress o su Amazon. Per chi non si ricordi chi sia A.B. Abrams, qui e qui ci sono due dei suoi precedenti contributi [in inglese] al blog del Saker. Il libro ha già riscosso UN SACCO di apprezzamenti, che ho raccolto

Propaganda e Media (Parte 5) – Parliamo di qualche bugia

Nei miei articoli precedenti ho affermato che siamo esposti (più spesso di quanto possiamo immaginare) ad articoli con notizie che sono completamente false e che parlano di eventi che non sono mai accaduti o la cui descrizione non somiglia affatto all’evento reale. Uno degli schemi più comuni è quello di inventare un evento (solitamente il racconto di una qualche efferatezza) e di utilizzare come prova una foto non pertinente e

Ecco come Biden “sta dalla parte del popolo cubano”

I media mainstream stanno attaccando il governo cubano [in inglese] in risposta alle recenti proteste a Cuba, mentre il presidente Joe Biden dichiara [in inglese] che “noi stiamo dalla parte del popolo cubano”. Loro però ignorano o minimizzando la causa che ha portato alle difficoltà economiche di Cuba: l’illegale e punitivo embargo americano che Biden ha lasciato in essere. A partire da Dwight D. Eisenhower, ogni presidente americano ha mantenuto