Tag "colpo di Stato"

Il punto centrale della campagna per le presidenziali USA

La questione centrale nella campagna elettorale per la presidenza degli Stati Uniti non può essere dibattuta sulla stampa USA, perché i media americani sono stati quasi unanimemente complici nel nascondere all’opinione pubblica le informazioni fattuali e cruciali che sono necessarie affinché si possa esprimere un voto intelligente ed informato. Nessun organo di informazione gode a raccontare della propria complicità in alcunché; pertanto l’insabbiamento continua, vive di vita propria, anche se questa

Non piangere per me ad Aleppo

“Le società giuste non possono essere governate dalle ricchezze o dagli eserciti, con le loro prospettive troppo limitate”. Platone. Sembra che la battaglia di Aleppo sia destinata a non finire bene per i ribelli e gli jihadisti che occupano la città da ormai quattro anni, vivendo con i saccheggi delle case e delle attività dei sostenitori di Damasco, fuggiti molto tempo fa dalla città, con solo la macchina e poche

La transizione della Turchia verso la Russia, e la Grande Scacchiera

Come per tanti leader politici, tiranni e despoti sostenuti dalla CIA, una volta che la tua utilità a Washington ed a Langley scade, o le tue politiche vanno fuori copione, spuntano magicamente un colpo di Stato o un cambio di regime. Nella Turchia di Erdogan abbiamo visto questi modelli, ormai familiari via via che la NATO ed i suoi sostenitori globalisti si rivelano essere sempre più aggressivi contro gli interessi dell’Eurasia.

Quella turca di un Golpe

Molte parole sono state già dette nei giorni scorsi circa il colpo di Stato turco che non è riuscito a prendere piede, ma stranamente alcune cose piuttosto ovvie sono passate sotto silenzio, quindi cercherò di colmare qualche lacuna. In particolare, molte delle cose dette variano dallo stupido al del tutto assurdo. Se questa è propaganda, allora è pessima, debole propaganda. Tuttavia, non mancano le persone che ripetono all’infinito questi argomenti di

SITREP sul colpo militare in Turchia

Il colpo di stato militare pro-NATO è fallito dopo poche ore. I ribelli hanno immediatamente chiuso a tutte le navi gli stretti  dei Dardanelli per fermare le navi russe che navigano verso e dalla Siria. Gli organizzatori del colpo volevano relazioni più strette con la NATO e Washington. I Turchi vogliono relazioni più strette con la Russia e niente Washington. I Turchi vogliono sopravvivere e mangiare e restare al caldo

Lista degli obiettivi: distruggere la “B” dei BRICS

La posta in gioco non potrebbe essere più alta. Non solo è in bilico il futuro dei BRICS, ma il futuro di un nuovo mondo multipolare. E tutto dipende da cosa accadrà in Brasile nei prossimi mesi. Cominciamo con la kafkiana agitazione interna. Il colpo di Stato contro il Presidente Dilma Rousseff rimane una tragicommedia politico/teatrale mediatica senza pari che continua a dare i suoi frutti. Vale anche come caso

Nove tesi riguardo alla guerra in cui siamo impegnati

  Il 26-27 Aprile il Ministero della Difesa russo ha tenuto un’importante conferenza internazionale sulla sicurezza. Ho preso parte ad un gruppo che discuteva delle “rivoluzioni colorate”.   Il tempo assegnato ai conferenzieri (5 minuti) e ai partecipanti alla discussione (1 minuto) era troppo breve per esporre l’intero concetto di rivoluzioni colorate nella politica moderna e il loro impatto sulla sicurezza generale e militare dello stato scosso da un evento simile. Perciò,

L’Impero del Caos colpisce ancora

Subito dopo l’approvazione del Congresso Brasiliano della mozione di Impeachment contro il Presidente Dilma Rousseff da parte di quelli che ho scelto di chiamare le iene della Guerra Ibrida, il Presidente-in-attesa Michel “Brutus” Temer, uno degli artefici del golpe, ha inviato a Washington un senatore, in veste di fattorino speciale, con le ultime notizie sul Colpo di Stato in atto. Il senatore in questione non era in missione ufficiale per

La Russia indica le ‘Rivoluzioni Colorate’ e le ONG straniere come minacce per la sicurezza

La nuova politica di sicurezza nazionale inoltre mostra che la Russia giocherà un ruolo più decisivo nella ricomposizione dei conflitti nell’arena internazionale.   La Russia ha appena pubblicato il documento per la sicurezza nazionale revisionato, che definisce le cosiddette rivoluzioni colorate come un alto rischio potenziale per il Paese. Queste linee guida strategiche rappresentano una reazione al Colpo di Stato in Ucraina ideato dall’alleanza occidentale, e alla minaccia militare dagli

Le tre morti dell’Unione Sovietica. Parte 1: l’economia

Ventiquattro anni fa la nostra patria si risvegliò con la musica del Lago dei Cigni. Il 19 agosto 1991 la Televisione di Stato annunciò che il Presidente Gorbachev, per ragioni di salute, non era in grado di espletare le sue funzioni e il potere passava nelle mani del Comitato Statale per lo Stato di Emergenza. Iniziò un tentativo di colpo di Stato durato tre giorni, seguito da una breve agonia