Breaking news
  • No posts where found

Tag "curdi"

L’amministrazione Trump colpita da follia neoconservatrice

Cavolo ragazzi, non ci è voluto molto. Come ho scritto a febbraio, i Neoconservatori e lo stato profondo americano hanno completamente castrato Trump [in italiano]. Basta guardare questi due titoli di RT (e leggere gli articoli) [in Inglese]: “Ha oltrepassato diversi limiti”: Trump parla del presunto attacco con gas chimici in Siria “Saremo costretti a intraprendere azioni unilaterali” se le Nazioni Unite falliranno in Siria – afferma l’inviato degli Stati Uniti

Al Bab – L’esercito siriano avanza verso nord est

Siria, fronte di Al-Bab, a nord di Aleppo. Situazione al 24-25 febbraio, l’esercito siriano continua la sua avanzata verso nord-est e presto raggiungerà la linea del fronte tenuta dalle milizie curde. Servizio di Anna News. ***** Sottotitoli in Italiano a cura di Mario per SakerItalia.it

Situazione operativa dai fronti siriani del 27-2-2017

Dopo una breve sosta riprendiamo l’esame dei vari fronti della guerra in Siria. Al momento ho concentrato l’attenzione su quei fronti che coinvolgano direttamente l’esercito siriano, mentre vi comunico che nel prossimo bollettino, esaminerò da vicino anche il fronte che vede opposti i Curdi e le truppe ISIS verso Raqqa. Non ho trattato Deir Ezzour, perchè al momento ISIS non ha più avuto la forza di sferrare pesanti attacchi e

PRESIDENZA TRUMP – Siamo già ai primi casini

E’ un raro privilegio quello di poter criticare un uomo politico solo perché rispetta le promesse della sua campagna elettorale, ma Donald Trump è un presidente unico nel suo genere e questa settimana ci ha offerto proprio questa opportunità, con non una, ma con ben tre differenti situazioni disastrose di cui parlare. Primo, c’è stata la maldestra incursione contro il presunto rifugio di al-Qaeda a Yakla, nello Yemen. Lasciatemi pensar

Battaglia di Mosul – Situazione al 6 novembre 2016

L’esercito iracheno sta spingendo le forze dell’ISIS verso il centro della città. I terroristi in ritirata incendiano i pozzi di petrolio, per ostacolare con il fumo le azioni di bombardamento della coalizione americana. Da nord avanzano i Curdi, anche con le unità femminili. In mezzo a tutto, la popolazione civile. ***** Sottotitoli in Italiano a cura di Mario per SakerItalia.it

Chi guida chi nella battaglia di Mosul

Dunque, la battaglia per Mosul [in russo] è iniziata. Questa notizia dovrebbe suscitare gioia: viene colpita una delle roccaforti dei “Guerrieri della Jihad” dello Stato islamico, che da più di due anni tiene nel terrore l’intera regione, che compie pulizie etniche e religiose, che distrugge chiese cristiane e monumenti sacri sufi. Tuttavia, la composizione dei liberatori di Mosul, e le inevitabili conseguenze della sua caduta non possono non suscitare una legittima

Siria – Chi vince nell’accordo fra Russia e Turchia?

Due titoli oggi confermano che il modo di riferire i fatti da parte dei media “occidentali” spesso è una sfida alla realtà delle cose. Washington Post: Per la prima volta dal 2013, l’Isis non ha confini con la NATO. [in inglese] Indipendent: L’Isis è isolato dal resto del mondo da quando i ribelli hanno scacciato gli Islamisti dal confine turco. [in inglese] Da quest’ultimo: L’Isis ha perso il controllo dei suoi ultimi

Damasco e Ankara si accordano: Erdogan si prende i Curdi e Assad si prende Aleppo

I Siriani e i Turchi sono, riguardo alla sicurezza, sull’orlo di una intesa senza precedenti, i cui dettagli non sono ancora chiari, che ne porterà un’altra, politica. Ma già il suo titolo, senza alcuna sorpresa, mostra il compromesso: i Turchi si ritirano da Aleppo e chiudono i valichi settentrionali usati da alcuni dei gruppi armati (quelli più importanti) in cambio del permesso dato alle forze armate turche di distruggere il

Quello per cui “credono” di combattere i Curdi siriani confrontato con la realtà

Stanno emergendo rapporti di un diffuso conflitto armato tra i militanti curdi e le forze siriane, concentrato all’interno e nei dintorni della Siria orientale e della città di Hasaka, e i rapporti indicano che le forze siriane potrebbero essere sul punto di ritirarsi completamente. L’offensiva curda è sostenuta dalle forze statunitensi che includono forze aeree e personale per operazioni speciali sul terreno. I tentativi siriani di utilizzare la propria forza

Hollande a Turchia e Russia: Smettete di combattere e fate come vi è stato detto!

Il Presidente francese Hollande, che non solo ha spinto il coltello ulteriormente nel cuore dell’economia francese, ma ha anche fatto sì che in Francia non rimarrà più alcuna traccia di libertà, ora critica la Turchia [in inglese] per la sua azione contro i fanatici curdi e le milizie curde sostenute dall’Occidente in Siria. Inoltre, Hollande ha consigliato alla Russia di non diventare un “protagonista” della guerra. Hollande ha dichiarato che “interventi