Tag "DNR"

Attentato a Donetsk: ucciso Motorola

Le autorità della DNR confermano la morte di Arsenj Pavlov, nome di battaglia Motorola, in un attentato presso la sua abitazione. Motorola aveva 33 anni e lascia la moglie Elena e due figli. Nato ad Uchta nella Repubblica di Komi aveva partecipato alla primavera russa nel 2014 sin dai primi giorni: prima a Kharkov, poi a Slovjansk, difendendo la linea del Severodonetsk al comando della sua formazione, la Brigata Sparta.

Eliseo Bertolasi: Donetsk e Lugansk, continua il Cammino delle due neo Repubbliche

Eliseo Bertolasi è uno dei connazionali che meglio conosce la crisi ucraina. Ha seguito da vicino l’intero sviluppo della crisi ucraina, dai suoi esordi sul Maidan, alla guerra di manovra sino all’attuale tregua, che in realtà è una guerra di posizione. In questi anni non ha risparmiato energie per cercare di trasmettere al pubblico italiano il punto di vista delle popolazioni del Donbass, e quindi per la causa della comprensione

Il risultato dei 25 anni dall’indipendenza ucraina

Trascrizione della trasmissione televisiva “La questione ucraina” del Canale TV “Spas” del 26.8.2016 Boris Kostenko: Buon giorno, cari telespettatori. Ecco la nostra tradizionale serie “La questione ucraina”. È diventata tradizionale dopo il colpo di Stato in Ucraina. Ora segnaliamo (difficilmente possiamo dire che celebriamo) i 25 anni di indipendenza ucraina. Non solo dal crollo dell’Unione Sovietica, ma anche dall’Ucraina indipendente. Nel mese di agosto del 2016, la geopolitica ha interferito

L’Ucraina aveva ragione! Perché la Russia è la minaccia più grande nel mondo!

La Russia è davvero la più grande minaccia per il mondo? La risposta si trova da qualche parte a metà strada tra la vostra definizione di minaccia e ciò che vi fa effettivamente paura. A quel punto di partenza, ciò che fa gridare di paura il mondo occidentale non è uno spauracchio russo o lo spettro di un dominio russo sul mondo. È una cosa completamente diversa, e molto strana.

Un fatto scomodo: i combattenti del Donbass nel 2014 erano al 78% cittadini ucraini

Una delle principali spinte della campagna d’informazione maidanista contro la Russia in Ucraina e in Occidente durante il conflitto ucraino è stata l’affermazione che le Forze Armate della Novorossija erano composte per lo più da cittadini russi o addirittura da militari russi. Questo non vuol dire che non ci siano state voci di dissenso. Per esempio, il Prof. Paul Robinson (blogger sulla Russia) ha sostenuto che l’80-90% dei combattenti delle Forze Armate

Integrazione del Donbass e ri-russificazione della Russia – un’opinione

Il commentatore politico di “Russia Today” Rostislav Ishchenko parla dell’attrattiva che il Donbass esercita sulla Russia moderna, della possibilità di aumentare la popolazione russa nella Federazione Russa, e di come la riunificazione storica di tutto il popolo russo, prometta enormi vantaggi al mondo russo. Lo stato russo è stato costruito come entità multinazionale sin dai tempi dell’antica (pre-Mongola) Rus. In ogni caso, pur nella totale uguaglianza di popoli, nazionalità e

Sfogo del Saker: dovrebbero rotolare delle teste nella LNR!

Bene, sembra che alla fine la LNR e la DNR non considerino la Crimea come parte dell’Ucraina. Il mio amico Alexander Mercouris spiega ogni cosa su Russia Insider. Alexander, gentilmente, lo chiama un “travisamento”. Ebbene, non sarò così gentile e la chiamerò un’altra c*******a per la quale, di nuovo, dovrebbero rotolare delle teste. In senso figurato, ovviamente. In ogni caso, come diamine abbiano fatto queste persone a non rendersi conto

Scontri a Maryinka

Maryinka (Donetsk), forze corazzate della DPR, in collaborazione con la brigata internazionale “Pyatnashka”, battono le postazioni ucraine. Servizio di Andrey Filatov di Anna News. ***** Sottotitoli in Italiano a cura di Mario per SakerItalia.it

Non può esserci “pace” con i mostri Ukronazi

Uno dei tanti modi che i ceceni wahabiti usavano per far soldi consisteva nel tagliare le dita dei prigionieri e mandare un video alla famiglia spiegando che il resto delle dita sarebbero state tagliate, dunque gli arti, se i familiari non pagavano il denaro del riscatto. Qualche volta filmarono scene di tortura solo per divertimento. Ora guardate quest’uomo: il suo nome è Vitalii Korobkov. E’ un soldato della DNR catturato

Buon compleanno Donbass!

Di anno ne è passato solo uno, ma assai drammatico, da quando la popolazione del Donbass ha deciso, con un referendum, di creare la Repubblica Popolare di Donetsk (DNR). Speravano ingenuamente che questo referendum avrebbe costretto la giunta di Kiev ad iniziare finalmente dei negoziati seri. Invece si sono ritrovati con una guerra totale, comprensiva di assalti di mezzi blindati, bombardamenti aerei, missili balistici ed armi chimiche. E nonostante queste